Oblio o memoria

Oblio o memoria

di Aldo Luchi (Avvocato in Cagliari)

Esiste un diritto al ricordo, anche di ciò che non abbiamo direttamente vissuto ed abbiamo appreso attraverso il racconto di altri, ma che fa necessariamente parte del nostro patrimonio di conoscenze, che contribuisce a definire chi siamo, qui ed ora. Non parlo soltanto di un diritto a ricordare fatti, persone, circostanze, ma del diritto all’atto di ricordare, ad attingere a quel patrimonio di conoscenze.

Un diritto a definire noi stessi come risultato di quelle conoscenze e delle influenze che esse hanno, quotidianamente, nella vita di ciascuno di noi.

Lo afferma, in modo netto e tagliente, Jonathan Safran Foer nella sua opera prima “Ogni cosa è illuminata” (2002), divenuto poi un film (2005, regia di Liev Schreiber) – uno di quei rari film che non fanno rimpiangere il libro dal quale sono tratti -: “Non è importante che cosa, ma il fatto che dobbiamo ricordare. L’atto di ricordare, il procedimento del ricordo, il riconoscimento del nostro passato… i ricordi sono piccole preghiere a Dio, certo, se ci credessimo.”.

Gran parte di ciò che siamo è il frutto dell’elaborazione di esperienze e ricordi personali, a partire dall’esplorazione sensoriale nei primi mesi della nostra vita, e – forse soprattutto – del patrimonio di esperienze e ricordi dell’umanità vissuta prima di noi, che ci vengono trasmessi sotto forma di principi etici, credenze religiose, tradizioni popolari, usi e costumi, alimentazione e cucina, comportamenti sociali, con l’esempio e l’insegnamento delle regole e delle norme. Ma anche della fusione, della contaminazione del nostro patrimonio con quello di coloro coi quali instauriamo rapporti personali.

Ma la finalità del ricordo, secondo Jonathan, è anche l’elaborazione finalizzata ad evitare il ripetersi degli errori o il negarli. E questo aspetto rivela la pressante attualità del ricordo.

Il diritto al ricordo è uno dei tanti coinvolti dal fenomeno migratorio e spesso messo in pericolo dalle normative di ispirazione nazionalista, finalizzate a limitarne o ad escluderne il riconoscimento e l’esercizio, e che determinano la ghettizzazione culturale prima ancora che sociale dei migranti. Non è un caso se i fautori ed i sostenitori di tali normative sono i primi ad accusare i migranti di non volersi integrare: il nodo sta nel significato del termine “integrazione” che essi (fra)intendono nel senso di “abbandono della propria individualità culturale, tradizionale, esperienziale a favore di quella diffusa nel paese ospitante“.

Ed è proprio questo aspetto, a ben vedere, il fulcro della ricerca compiuta dal giovane Jonathan, il protagonista di “Ogni cosa è illuminata”, per rimettere insieme i pezzi mancanti della vita del proprio nonno, ebreo nell’Ucraina invasa dai nazisti.

Ma è esattamente ciò che accade per ogni persona costretta a lasciare il proprio luogo di nascita per cercare rifugio (dalla fame, dalla guerra, dalle persecuzioni) o anche soltanto migliori opportunità e prospettive di vita in un altro paese: il portare con sé le proprie tradizioni e regole, il definirsi con esse, il mantenerle vive, il trasmetterle alle successive generazioni è il senso più forte del diritto all’identità culturale e personale, che trova la sua tutela, innanzi tutto, nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo con la considerazione che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo (preambolo) e con l’affermazione dell’uguaglianza in dignità e diritti di tutti gli esseri umani (art. 1).

La negazione del diritto al ricordo è la causa fondamentale delle reazioni violente, delle tensioni sociali che si verificano ciclicamente, perché esso è tanto intimamente connesso con l’identità di ciascun uomo da costituirne un elemento insopprimibile.

Per dirla ancora con Jonathan Safran Foer, “Era come chi sta per annegare, e si dibatte, si protende verso qualunque cosa possa salvarlo. La sua vita era una lotta pressante e disperata per giustificare la sua vita.” (Jonathan Safran Foer, “Ogni cosa è illuminata”).

Image credit: Mystic Art Design da Pixabay

di Aldo Luchi su Ora Legale NEWS:
https://www.oralegalenews.it/topics/desideri-ingannevoli/10526/2020/

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo