occhio ai titoli

Occhio ai titoli

di Antonio Longo (Avvocato in Bari)

Quel titolo “Il gigante buono, un bravo ragazzo”, con cui un quotidiano ha descritto il tipo di Piacenza, reo confesso di aver ucciso la ragazza che non voleva saperne di lui, occultandone, per parecchi giorni, il cadavere, quel titolo, dicevo, non riesco proprio a mandarlo giù.

Come non riesco a mandar giù il richiamo dello stesso titolo, condiviso su alcune bacheche.
Non è stata una sensazione solo mia perché ho notato e apprezzato che molti hanno protestato duramente per quell’insensato “buonismo”.

È una pratica antica, ma non per questo meno grave, quella di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino (o violentatore) di turno, purché (visto l’orientamento del quotidiano che ha scelto quel titolo) bianco e possibilmente settentrionale.
L’epoca “social” e con essa la spiccata tendenza alla condivisione di linguaggi e titoli ha inevitabilmente portato il titolo di un giornale di modesta tiratura ad esser condiviso da molti, troppi. E c’è il serio rischio che anche noi che ne parliamo in termini critici, contribuiamo ad assecondarne l’assimilazione.

Ma il caso, a me, pare grave, gravissimo.

C’è evidentemente del marcio se manca poco, nella rappresentazione che fanno il giornale e i suoi lettori fidelizzati, che ora sia la ragazza uccisa a Piacenza a dover chiedere scusa al suo assassino. Mi pare un buonismo d’accatto, giocato con una sapiente ricerca di parole non certo lasciate al caso. Mi pare un’ipocrisia nauseante quella che passa in quegli ambienti dove, invece, non ci si fa scrupolo alcuno di calunniare col termine “scafista assassina”, la ragazza tedesca che ha tratto in salvo dal mare 100 e più persone.

Il “ribaltamento” della scala dei valori, l’uso malizioso di alcune parole e di alcuni concetti, l’interpretazione distorta di alcuni fatti di cronaca rappresentano una piaga sociale gravissima che mina, da tempo, il nostro sistema di relazioni sociali.

Sono tutti comportamenti violenti, certo quasi mai passibili di indagine e di condanna da parte degli Organi preposti. Ma sono violenti perché incitano alla violenza.

Quello che possiamo fare noi è ripristinare l’uso delle parole; è un contributo minuscolo che, se lo facciamo in molti, potrebbe far ridimensionare questo clima d’odio acuitosi negli ultimi tempi.
Non è un gigante buono. È un assassino.

Photo credit: hardi budi

#TOPICS: ultimi articoli

Italian haters

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Leggi l'articolo

Gioventù bruciata

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

Leggi l'articolo

Narcisisti e violenti ma molto social

Anna Losurdo
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza

Leggi l'articolo

Art against violence

Enzo Varricchio
L’arte è un potente antidoto contro la guerra e la violenza di ogni tipo. Gli artisti visivi contemporanei come Banksi o Toscani contribuiscono a cambiare la mentalità della gente

Leggi l'articolo

Piccoli schiavi invisibili

Roberta Aria (Avvocata in Napoli)
A trent’anni dalla Convenzione di Ginevra sui diritti dell’infazia e dell’adolescenza

Leggi l'articolo

Vis fatale cui resisti non potest

Massimo Corrado Di Florio
Le infinite declinazioni della violenza non risparmiano nessuno. Nessun umano affare ne va esente

Leggi l'articolo

La forza mite della giustizia

Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Declinate al plurale, le violenze riempiono uno spazio senza contorni, difficilmente delimitabile

Leggi l'articolo

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Il fondo di garanzia INPS

di Massimo Corrado di Florio
sarebbe auspicabile una sorta di fuga dall’eccesso formalistico che porta alla creazione di una grammatica procedurale espressione di una burocratizzazione dannosa

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Rugginosi

Pubblicato in

Inutile. Proprio non ce la si fa. Anche le interminabili…

Italian haters

Pubblicato in |||

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Gioventù bruciata

Pubblicato in |||

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

OBLIQUI BULIMICI DELLO ZERO ASSOLUTO

Pubblicato in

Anche quando nessuno domanda più nulla, ecco che si dànno…

L’indomito scorpione e l’allocca rana (corsi e ricorsi)

Pubblicato in

Assistiamo, oggi, al susseguirsi di eventi tutti già scritti. Becere…

Pochi grammi di coraggio

Pubblicato in |||

Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia e TIN Universitaria Policlinico di Bari)
Il supporto psicologico in terapia intensiva neonatale è fondamentale

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Ricorda di volerti bene

Pubblicato in |||

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Ricorda di volerti bene
E che c’è una linea
Che nessuno dovrà mai varcare