occhio ai titoli

Occhio ai titoli

di Antonio Longo (Avvocato in Bari)

Quel titolo “Il gigante buono, un bravo ragazzo”, con cui un quotidiano ha descritto il tipo di Piacenza, reo confesso di aver ucciso la ragazza che non voleva saperne di lui, occultandone, per parecchi giorni, il cadavere, quel titolo, dicevo, non riesco proprio a mandarlo giù.

Come non riesco a mandar giù il richiamo dello stesso titolo, condiviso su alcune bacheche.
Non è stata una sensazione solo mia perché ho notato e apprezzato che molti hanno protestato duramente per quell’insensato “buonismo”.

È una pratica antica, ma non per questo meno grave, quella di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino (o violentatore) di turno, purché (visto l’orientamento del quotidiano che ha scelto quel titolo) bianco e possibilmente settentrionale.
L’epoca “social” e con essa la spiccata tendenza alla condivisione di linguaggi e titoli ha inevitabilmente portato il titolo di un giornale di modesta tiratura ad esser condiviso da molti, troppi. E c’è il serio rischio che anche noi che ne parliamo in termini critici, contribuiamo ad assecondarne l’assimilazione.

Ma il caso, a me, pare grave, gravissimo.

C’è evidentemente del marcio se manca poco, nella rappresentazione che fanno il giornale e i suoi lettori fidelizzati, che ora sia la ragazza uccisa a Piacenza a dover chiedere scusa al suo assassino. Mi pare un buonismo d’accatto, giocato con una sapiente ricerca di parole non certo lasciate al caso. Mi pare un’ipocrisia nauseante quella che passa in quegli ambienti dove, invece, non ci si fa scrupolo alcuno di calunniare col termine “scafista assassina”, la ragazza tedesca che ha tratto in salvo dal mare 100 e più persone.

Il “ribaltamento” della scala dei valori, l’uso malizioso di alcune parole e di alcuni concetti, l’interpretazione distorta di alcuni fatti di cronaca rappresentano una piaga sociale gravissima che mina, da tempo, il nostro sistema di relazioni sociali.

Sono tutti comportamenti violenti, certo quasi mai passibili di indagine e di condanna da parte degli Organi preposti. Ma sono violenti perché incitano alla violenza.

Quello che possiamo fare noi è ripristinare l’uso delle parole; è un contributo minuscolo che, se lo facciamo in molti, potrebbe far ridimensionare questo clima d’odio acuitosi negli ultimi tempi.
Non è un gigante buono. È un assassino.

Photo credit: hardi budi

#TOPICS: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

La zavorra del Mezzogiorno

Canio Trione (Economista in Bari)
Qui non si tratta di “aiutare” qualcuno, ma di sapere e perseguire l’interesse della nostra comunità

Leggi l'articolo

I punti cardinali della ripartenza

Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Nell’affrontare quella economica non possiamo dimenticare il senso comune dello stare insieme

Leggi l'articolo

Ripartiamo dai sostantivi femminili

Serenella Molendini (Consigliera nazionale di parità supplente)
Tutte le epidemie precedenti hanno dimostrato che “nel dopo” aumentano le disuguaglianze in particolare di genere

Leggi l'articolo

La guerra dei dati al tempo del COVID-19

Corrado Crocetta (Docente di Statistica Università di Foggia)
In questi giorni, è importante che l’opinione pubblica sia consapevole dei rischi legati alla riduzione del distanziamento sociale

Leggi l'articolo

Le radici del male

Nicky Persico (Avvocato e scrittore)
E’ una storia vera: una di quelle notizie di cui si parla per un po’, e poi spariscono nel vuoto che le inghiotte: nel silenzio

Leggi l'articolo

Affrontare la ripresa

Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Bisognerebbe riferirsi all’“intelligenza” di fare le scelte migliori, ogni giorno, per ciascuno di noi, ma avendo presente l’intera Nazione e il suo futuro

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Emergenza occasione per cambiare

Pubblicato in |||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e l’adolescenza)
Sì a riaperture diversificate; è importante dare ai ragazzi certezze sia sull’inizio dell’anno scolastico sia sulle modalità di svolgimento degli esami di stato

TEMPERATURE IN RIALZO

Pubblicato in

ovvero, ciò che nessun DPCM può annientare Al di là…

CONTE-STATO

Pubblicato in

ANNICHILIMENTO DI GREGGE un’opera al grigio Pillola assai breve. Si…

UN ETERNO PRESENTE

Pubblicato in

Il fine pena mai è tra noi. Validato da una…

MILITES

Pubblicato in

C’è un soldato, tale Pirgopolinice, spaccone e credulone che, per…

Provvedimenti

Pubblicato in

(ai tempi del virus) Leggo l’ordinanza nr. 35 del 19/4/2020,…

Bulimici normativi

Pubblicato in

In poco tempo è stata prodotta una congerie di norme…

KAOS-19

Pubblicato in

Kaos-19. Confinati senza un domani. In lockdown, se vi piace. Maledetto Covid-19.

Il ratto di Europa

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Vediamo se si riesce a trarre qualche insegnamento dal mito di Europa. In realtà, una storia (una delle tante) piuttosto breve.

Curare le relazioni per garantire i diritti

Pubblicato in ||||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e per l’adolescenza)
Tracciato il bilancio di quattro anni di incarico: chiesti per l’Agia pareri obbligatori sulle leggi, poteri di ispezione, possibilità di intervento in giudizio e una struttura del personale stabile