Occorre fare

Occorre fare

di Noi di Spoiler think tank di futuristi

Tanto per cominciare, i fratelli Lumiere non hanno inventato il cinema. Nossignore. Allora uno dice, in che senso?
Bisogna capirsi.

I fratelli Lumiere hanno inventato una tecnologia che permetteva di riprodurre immagini. Il cinema, come tutti noi sappiamo, è un’altra cosa.

O meglio, il cinema è in parte una tecnologia, in parte una forma di rappresentazione, in parte un’espressione artistica.
Quindi, ai fratelli Lumière si può dare atto di avere contribuito all’invenzione, ma a loro mancava il contenuto da rappresentare.
Erano scienziati, in fondo, non artisti. Indispensabili pare, ma non sufficienti.

Loro hanno messo lo strumento, ad altri spetta la poesia.

Come in altre invenzioni, anche in questa è affascinante scoprire come le vite di persone tanto diverse, spesso lontane e sconosciute tra loro, si intreccino in modo così profondo. Infatti, senza i fratelli Lumiere – così ingiustamente bistrattati in questo piccolo articolo – Charlie Chaplin e Buster Keaton avrebbero probabilmente fatto altro, così come molti dopo di loro.

Lo stesso accade per lo studio dei futuri (ci perdoni il pubblico se le nostre considerazioni hanno spesso questo tema, deformazione professionale).
La morale di questa breve storia vorrebbe essere che occorre fare.

Attenzione, non parlare. Fare, lanciarsi, studiare, discutere, pensare.

Ognuno per quello che può, deve contribuire. In questo tempo, in cui ci si definisce innovatori perché si cambiano le lampadine, in cui ci si riunisce in convegni e in consessi nei quali sono più quelli che parlano che quelli che ascoltano, usiamo la nostra compulsione al protagonismo per fare.

Mettiamo a disposizione le nostre famose competenze per altri che magari adesso nemmeno ci sono, che magari non stanno ascoltando.
Arriveranno, capiranno, proseguiranno il nostro ruolo.
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso.

Questo significa esercitare il nostro diritto di associazione.
Da qualche anno, ormai, sono in calo gli iscritti a molti tipi di associazioni. È un dato interessante, che i sociologi cercano di interpretare. Potrebbe essere interessante rifletterci.

www.noidispoiler.it

Image credit: https://www.facebook.com/photographizemag/

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa