Quanti delitti in tuo nome

Quanti delitti in tuo nome

di Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)

E’ singolare che pochi si interroghino sul significato vero del sostantivo “bigenitorialità”.
La risposta non si trova nei dizionari della lingua italiana i quali, alquanto in difficoltà nel definirla, ne relegano l’utilizzo all’ambito strettamente giuridico.
E già questo dovrebbe destare un qualche timore in chi la usa come un’arma, che potrebbe rivelarsi spuntata, dato che il diritto serve nei Tribunali e non sui campi di battaglia. Tanto è vero che quando due genitori parlano di come crescere i figli senza litigare questa parola non la usano mai, se non altro perché fino a qualche anno fa non esisteva, mentre i genitori e i figli sono sempre esistiti.

Personalmente diffido delle parole delle quali non è ben chiaro il significato, come diffido degli acronimi e di ogni altro strumento che serva ad escludere qualcuno dalla comprensione dei fatti che lo riguardano.

Dedicherei perciò volentieri dieci minuti del mio tempo per farmi spiegare il significato del concetto di bigenitorialità da chi ne ha fatto una bandiera, ma sono anche disposta a scommettere una piccola posta che costui mi parlerebbe in nome dei padri e non dei figli (tutti del resto ancora troppo piccoli per costituire un campione statistico di adulti che possa confermare la validità della teoria).

Se invece si vuole ritenere che la bigenitorialità sia il contenuto di un diritto che appartiene al figlio, che è poi l’unico modo per dare un senso non meramente tautologico a questa espressione, allora dobbiamo anche chiederci il perché, in nome di questo diritto altrui, i genitori litiganti alzino barriere, ingaggino guerre giudiziarie e invochino giustizia.

Non sarà, viene da chiedersi, che lo abbiano scambiato per un diritto proprio?

La cronaca, anche la più cruda, conferma questa ipotesi, perché non vi è altro modo di spiegare certi delitti in cui il figlio viene annientato, talora fisicamente, dalla pretesa di un genitore al rispetto della “bigenitorialità”.
Leggiamo di bambini allontanati dal loro habitat domestico perché il loro diritto alla bigenitorialità impone che non possano manifestare di volere più bene alla mamma che al papà.

L’imprescindibile esigenza della bigenitorialità oggi ci viene spacciata come assioma, anche se la storia, la cronaca e l’esperienza sono ricche di esempi di cattivi genitori che sarebbe meglio perdere che trovare.

Ed i bambini lo sanno benissimo di chi si possono fidare e di chi invece bisogna avere paura, indipendentemente dal grado di parentela che risulta allo stato civile; basterebbe osservare, ascoltare e capire.

Credo che tutti ricordino bene le immagini del “bambino di Cittadella” che rifiutava il padre, trascinato con la forza fuori da scuola alla presenza dei suoi compagni, con l’intervento delle forze dell’ordine e del Consulente Tecnico del Tribunale, e sfido chiunque abbia memoria della propria infanzia ad affermare che fu ben fatto.
Mi sono sempre chiesta come deve essersi sentito il genitore che ha richiesto e consentito l’uso della forza dello Stato sul proprio bambino, ma ho pensato pure che Re Salomone con genitori così non sarebbe mai potuto passare alla storia come pacificatore.

Perciò l’espressione bigenitorialità sta acquistando un significato sinistro, al punto da essere evocativa della violenza sui minori contesi.
A questo punto non si può certo dire che i teorici dell’uso della forza, per “riprogrammare” i bambini che rifiutano un genitore, abbiano reso un gran servizio alla causa che dichiaravano di sostenere.

Tutte le violenze commesse su quei bambini, anche quando sono sopravvissuti alla prova – ma ricordiamoci che alcuni sono morti in nome della bigenitorialità – sono altrettanti delitti commessi a danno di inermi dei quali la società intera pagherà il fio, perché la violenza genera violenza.

Image credit: Daniel Borker da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Leggi l'articolo

Il genitore affidatario

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Leggi l'articolo

Nei panni della giudice

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

Leggi l'articolo

L’abuso infantile

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Leggi l'articolo

Non è questione di nome

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Leggi l'articolo

Il problema relazionale

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

Leggi l'articolo

Libertà di non amare

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Leggi l'articolo

Riconoscere la violenza domestica

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Leggi l'articolo

Il CTU: ipse dixit?

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Un protocollo per le CTU

Pubblicato in ||||

Elvira Reale
Il Protocollo Napoli è una Linea guida per la consulenza tecnica in materia di affidamento dei figli

Il genitore affidatario

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Le pressioni psicologiche allontanano il bambino proprio dal genitore che le mette in atto

Nei panni della giudice

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Il codice penale ed il codice civile insieme non possono racchiudere e contenere la complessità della vita

L’abuso infantile

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Continuare a rappresentare al giudice questo concetto antiscientifico come un abuso psicologico può configurarsi come negligenza e imperizia

Non è questione di nome

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
La definizione “problema relazionale” non è riportata nel Manuale diagnostico dei disturbi mentali

Il problema relazionale

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Non è questa la strada per comprendere il motivo del rifiuto, ovvero del problema relazionale genitore-figlio

No PASdaran

Pubblicato in ||||

Fabio Roia
La cosiddetta “sindrome” da alienazione genitoriale o da anaffettività genitoriale (PAS) è stata ipotizzata da uno studioso americano, tale Gardner, come una ipotetica e controversa dinamica psicologica disfunzionale che si attiverebbe sui figli minori coinvolti in contesti di separazione e di divorzio conflittuali dei genitori non adeguatamente mediate.
Questa “sindrome” non ha alcun tipo di fondamento scientifico.

Libertà di non amare

Pubblicato in ||||

Andrea Mazzeo
Mezzi coercitivi negano al bambino lo statuto di persona e la libertà più profonda dell’essere umano

Riconoscere la violenza domestica

Pubblicato in ||||

Umberto Nizzoli
Il genitore che ha condotte di violenza domestica danneggia il presente e il futuro del figlio che vi assiste

Il CTU: ipse dixit?

Pubblicato in ||||

Marco Scarpati
Occorre ridare alla consulenza psicologica nel giudizio separativo il ruolo che le compete

La negazione dell’abuso

Pubblicato in ||||

Ida Grimaldi
Nelle nostre aule giudiziarie la violenza viene spesso confusa con il conflitto

Il muro del silenzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Per chi non vuole vedere, la soluzione è semplice; la violenza al contrario é complessa: serve maggiore competenza