Quasi una favola

Quasi una favola

Una Lettrice de L’Osservatore di strada

Tra le strade del globo, tra i vicoli del mondo gira un’antica leggenda, sconosciuta a chi non ha o ha perso la capacità di sognare.
In una notte speciale dell’anno, muovendosi grazie a un mezzo di locomozione a zero emissioni – come se fosse a piedi -, un essere, domiciliato ovunque, ma residente da nessuna parte, pare si aggiri tra la gente.
Eh sì che esiste! Eh sì, non solo in quella specifica notte.
Sarebbe bello se grandi e bambini potessero vederlo.
Sarebbe ancor più bello se lo vedessero più spesso.
Non avrebbe importanza se fosse di giorno o di notte, sarebbe bellissimo poter dire: “Io l’ho visto!”.
Certo, quell’essere cerca di sfuggire agli sguardi, soprattutto se ciò che li muove è la sola curiosità e in più gli è stato assegnato, secondo la versione più condivisa della leggenda, la capacità di essere invisibile.
Ci vorrebbero occhi particolari per vederlo. Grandi e capaci di andare al di là della sola e povera razionalità.
Ci vorrebbe ben altro per accorgersi davvero della sua presenza. Magari l’inclinazione – conseguibile da chiunque al varcare i confini della paura, il desiderio di una connessione armonica ed interrotta che nessuna realtà virtuale potrebbe garantire.
Ci vorrebbe l’acutezza di comprendere che non è bello solo ciò che appartiene al nostro mondo, così fintamente rassicurante.
Pare che in quella notte speciale, grandi e piccoli predispongano dei doni per quell’essere. Alcuni addirittura gli fanno trovare del denaro. Altri mettono a sua disposizione dolci e salati.
In tanti modi in tanti si dicono “buoni”.
Tra le strade del globo, tra i vicoli del mondo gira un’antica leggenda, conosciuta a chi ha o non ha perso la capacità di sognare.
Non è una favola e non è Babbo Natale quell’essere.
È più semplicemente colui o colei che incrociamo ogni giorno e di cui è più facile accorgersi perché è Natale.
Tra le strade del globo, tra i vicoli del mondo…

Credits: Erika Varga da Pixabay

Pubblicato sul numero di dicembre dell’Osservatore di strada
Mensile (primo numero giugno 2022) voluto da Papa Francesco da un’idea di Piero Di Domenicantonio, ex caporedattore del più noto Osservatore Romano, oggi coordinatore del progetto e caporedattore.
La Redazione è in strada costituita da senza fissa dimora.
Il mensile è distribuito gratuitamente la domenica in Piazza San Pietro.
Se ci sono offerte vanno dai senza fissa dimora che lo distribuiscono o a persone segnalate dalla stessa redazione in particolari condizioni di disagio.

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti bruciati

Silvia Camisasca
Svuotare altri esseri umani di ogni diritto e della dignità porterà a una catastrofe umanitaria

Leggi l'articolo

La grande svolta

Carla Broccardo
L’incertezza che caratterizza la nostra epoca non può diventare un alibi

Leggi l'articolo

Guardando (oltre) le nuvole

Annapaola Pozzi
La salvaguardia del pianeta terra dipende anche da noi e dai nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Un nuovo modo di fare ricerca

Rita Giuffredi
Un nuovo approccio alla risoluzione di problemi socio-ecologici complessi

Leggi l'articolo

Versi ambientali

Amelia De Lazzari
Due poesie per Terra

Leggi l'articolo

Le Reti LTER

Caterina Bergami
Le Reti di Ricerca Ecologica di Lungo Termine per lo studio degli ecosistemi a scala globale

Leggi l'articolo

La Rete Natura 2000 dell’UE

Bruno Petriccione
Roccaforte della conservazione della Natura in Europa e in Italia

Leggi l'articolo

Comunicare l’ecologia

Alessandra Pugnetti
La conoscenza scientifica e lo sviluppo tecnologico da soli non possono risolvere la crisi ecologica globale

Leggi l'articolo

La co-scienza dell’equilibrio

Sabrina Presto
Scienza multidisciplinare e coscienza della complessità del problema

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Su una strada rassicurante

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Che si guardi il cielo e ci si possa naufragare

Una quota per gli incarichi

Pubblicato in ||||

Fabio Cesare
Le nomine degli avvocati a curatore e amministratore giudiziario sono presidi di legalità voluti dal legislatore

I C.P.O. dieci anni dopo

Pubblicato in ||||

Pina Rifiorati
I temi congressuali richiamano il ruolo dei Comitati protagonisti del cambiamento nella nostra professione

Un progetto virtuoso

Pubblicato in ||||

Tatiana Biagioni
A tutela delle professioniste, delle giovani e dei giovani, delle disabili e dei disabili per contrastare tutte le discriminazioni

Piccoli sassi senza importanza

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Massi, ma anche polvere, piccole pietre.
Esattamente come certe cose della vita

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Uscire dal tunnel

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il tunnel rappresentava la loro nuova casa, la protezione, la sicurezza

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante