Salvare i più sfortunati

Salvare i più sfortunati

di Saverio Regano (Avvocato in Bari – A.I.A.Ge.Cri.S.I.) e Angela Gelo (adogados in Bari)

Fra le novità di maggiore rilievo apportate dalla L. 176/2020 alla L. 3/2012, rientra, certamente, l’inserimento dell’art. 14 quaterdecies, relativo al debitore incapiente:

il debitore persona fisica meritevole, che non sia in grado di offrire ai creditori alcuna utilità, diretta o indiretta, può accedere all’esdebitazione solo per una volta, fatto salvo l’obbligo di pagamento entro quattro anni dal decreto del giudice nel caso in cui sopravvengano utilità rilevanti che consentano il soddisfacimento dei creditori in misura non inferiore al 10 per cento. A tal fine non sono da considerarsi utilità eventuali finanziamenti ricevuti.”

Effettivamente potrebbe apparire una opportunità per chi è stato più “sfortunato” tra gli “sfortunati”.

Non mancano però perplessità in merito ad alcune questioni.

Se la riforma prevede la “esdebitazione a zero” chi pagherà i compensi spettanti all’O.C.C.S. e chi coprirà i costi della difesa tecnica ed i costi della procedura?
Andiamo per gradi.
Il citato art. 14 quaterdecies nr. 6 prevede che: “i compensi dell’organismo di composizione della crisi sono ridotti della metà”.
La norma, in ogni caso e come spesso accade, non ci indica i parametri di partenza ovvero non fornisce il dato economico su cui operare la riduzione del 50%.
Questo porta, necessariamente, a richiamare l’art. 16 del D.M. 202/2014 (ad oggi in vigore) in tema di “determinazione dei compensi”.

Infatti, dalla lettura del n. 5 si evince che l’ammontare complessivo dei compensi e delle spese generali non può comunque essere superiore al 5% dell’ammontare complessivo di quanto è attribuito ai creditori per le procedure aventi un passivo superiore a 1.000.000 di euro, e al 10% sul medesimo ammontare per le procedure con passivo inferiore.
Tuttavia, le disposizioni di cui al periodo precedente non si applicano quando l’ammontare complessivo di quanto è attribuito ai creditori è inferiore ad euro 20.000.

Da ciò deriva che dovrà, necessariamente, applicarsi l’art. 16 co.1 del citato DM. il quale ci riporta alla quantificazione dei compensi previsti per i curatori fallimentari che nel primo scaglione prevede una percentuale, sull’ammontare dell’attivo realizzato, compresa tra il 12% ed il 14% (a cui va aggiunto il modesto compenso supplementare).
Orbene, sulla percentuale appena individuata, quindi, dovremmo operare la riduzione del 50% prevista dall’art. 14 quaterdecies.

Pensiamo alla ipotesi in cui la somma da distribuire ai creditori ammonti a 19.999,00 euro: applicando la percentuale massima del 14%, all’Organismo di Composizione della Crisi spetterebbe un compenso (al netto della riduzione del 50%) pari a euro 1.399,93.

L’entità del compenso, così come sopra determinato, potrebbe di fatto impedire, al debitore persona fisica meritevole, di poter accedere alla esdebitazione. Nè si può ragionevolmente pensare che il compositore svolga gratuitamente il proprio incarico, in ragione delle responsabilità civili e penali previste.

Una soluzione potrebbe essere quella di utilizzare “fondi” governativi (ad esempio quelli previsti per le vittime di usura) in modo da consentire il vero utilizzo dello strumento esbebitativo.
Un’altra potrebbe essere quella di poter fare accedere al patrocinio a spese dello stato questa categoria di debitori.

In definitiva, l’esdebitazione dell’incapiente risulta essere certamente uno strumento dai forti connotati sociali. Ma il suo utilizzo non può, e non deve, poggiare sulle spalle dei professionisti che vengono chiamati in prima linea e che spendono le loro forze per restituire la dignità umana a chi, per svariate ragioni, quella dignità non l’ha più.

di Saverio Regano su Ora Legale NEWS

Image credit: Deadly_Daddy da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un orizzonte chiuso

Camilla Corradi
Il pregiudizio più importante sul futuro è quello di non poterlo cambiare

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

L’opinione non ci salverà

Massimo Corrado Di Florio
A pensarci bene, siamo immersi in un pantano mediatico di opinionisti

Leggi l'articolo

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

La forza dei fatti

Alessandra Pisu
I pregiudizi atrofizzano le idee finché non vengono messi alla prova dei fatti

Leggi l'articolo

Una società pregiudicata

Tania Rizzo
Pregiudizi che alimentano altri pregiudizi fin tanto che è l’altro a essere sotto i riflettori

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Apprendimento ed esperienza

Pubblicato in |||

Giulia Massa
L’errore, inteso come rivalutazione, incarna una componente dell’apprendimento

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

I percorsi di recupero (art. 165 c.p.)

Pubblicato in |||

Lucio Barbato
La novità sul piano giudiziario è data dalla inclusione nel processo decisionale di merito di altre figure professionali

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Una questione di dignità

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Occorre cambaire tutti il punto di vista, professionisti e clienti

Il ruolo dell’OCC

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
L’OCC non potrà essere considerato in alcun modo litisconsorte necessario

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno