Linguaggio istituzionale e pandemia

Linguaggio istituzionale e pandemia

di Maurizia Borea (Avvocata in Milano – FronteVerso Network)

Mentre il mondo è stato travolto dalla pandemia,
radicati cliché sembrano aver trovato
conferma, come a volerci indurre certezze, seppur di maniera, come nelle più
classiche barzellette, quando c’era da ridere: “C’erano un inglese, un francese, un tedesco e un italiano…”.

Dunque, nel momento fatidico di annunciare al proprio popolo la catastrofe dell’anno 2020, il Primo ministro britannico, tenendo fede al vecchio slogant.i.n.a.” (there is no alternative), caro al partito conservatore inglese, e notoriamente amato dalla signora Thatcher, ha detto ai suoi concittadini che molti avrebbero perso i propri cari prima del tempo, e… t.i.n.a., appunto.

Il Presidente francese Macron, alla sua prima apparizione, ha parlato (poco) ai suoi “compatrioti”, dedicando il primo pensiero ai familiari delle vittime. Dopo circa un mese da quel giorno è stato più decisamente francese: più e più volte ha detto che stiamo vivendo una guerra, ha fatto riferimento alle disuguaglianze acuite dalla pandemia, per concludere con il più classico “Vive la République, vive la France!”.

La Cancelliera Merkel, dal canto suo, ha detto senza mezzi termini al popolo tedesco: “È una cosa seria, prendetela anche voi seriamente”. Poi, con chiarezza e disinvoltura, ha spiegato la curva dei contagi come nessun altro: “Ora siamo più o meno al fattore di riproduzione 1, il che significa che una persona ne contagia un’altra. Un valore medio. Se dovessimo però arrivare alla situazione in cui ognuno di noi contagia 1,1 persone, raggiungeremmo a ottobre la capacità di posti di terapia intensiva del nostro sistema sanitario. Se il valore diventerà 1,2 (e cioè ciascuno contagia solo un 20% in più, e dunque che su 5 persone una ne infetta 2 e il resto una sola) raggiungeremmo i limiti del sistema sanitario a luglio. Se il valore diventasse 1,3 (che non è comunque tanto, visto che alle spalle abbiamo una situazione in cui si contagiavano 4-5 persone a testa), il sistema sanitario toccherebbe i suoi limiti già a giugno”.

Il Presidente del Consiglio Conte ha cominciato con il ricordare che gli italiani non si arrendono: è questione di DNA. Poi, ha richiamato tutti alla sfida della responsabilità, per passare ad indicare i piccoli gesti da compiere: lavarsi spesso le mani, starnutire o tossire nel fazzoletto o nel gomito, e così via. Infine, il tocco magico: ha chiesto alle banche un “atto d’amore” per l’Italia.

E poi c’è il Presidente della Repubblica Mattarella, che nel fuori onda durante la registrazione del suo discorso viene invitato ad abbassarsi un po’ i capelli, perché: “C’ha il ciuffetto…”. Lui replica, con serenità e complicità costituzionali: “Eh, Giovanni, non vado dal barbiere neanch’io ”. 

Image credit: Tiffany Nguyen Photography
https://images.squarespace-cdn.com

#TOPICS: ultimi articoli

Arte e Giustizia, filo rosso tra due mondi

Giulia Reina
Favorire le sinergie tra due mondi diversi ma da sempre collegati e collegabili

Leggi l'articolo

Al servizio dei giovani artisti di talento

Nicola Cea
La Fondazione Michele Cea persegue come scopo principale il sostegno ad artisti, giovani e non, in condizioni economiche disagiate

Leggi l'articolo

Arti e processo

Roberto Oliveri del Castillo
Pensare il diritto e il suo limite significa anche pensare il diritto a partire da ciò che eccede i suoi rassicuranti perimetri disciplinari

Leggi l'articolo

Le imprese tra diritto e letteratura

Umberto Apice
Sembra un destino ineludibile quello di tutta la storia del fallimento a seconda che prevalga l’interesse del ceto imprenditoriale creditorio o quello della comunità nel suo complesso

Leggi l'articolo

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Delitto d’autore

Massimo Corrado Di Florio
Nulla sarà più come prima.
Il delitto d’autore incombe. Meravigliosa odissea dell’arte e mirabolante pornografia della luce.

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa