Linguaggio istituzionale e pandemia

Linguaggio istituzionale e pandemia

di Maurizia Borea (Avvocata in Milano – FronteVerso Network)

Mentre il mondo è stato travolto dalla pandemia,
radicati cliché sembrano aver trovato
conferma, come a volerci indurre certezze, seppur di maniera, come nelle più
classiche barzellette, quando c’era da ridere: “C’erano un inglese, un francese, un tedesco e un italiano…”.

Dunque, nel momento fatidico di annunciare al proprio popolo la catastrofe dell’anno 2020, il Primo ministro britannico, tenendo fede al vecchio slogant.i.n.a.” (there is no alternative), caro al partito conservatore inglese, e notoriamente amato dalla signora Thatcher, ha detto ai suoi concittadini che molti avrebbero perso i propri cari prima del tempo, e… t.i.n.a., appunto.

Il Presidente francese Macron, alla sua prima apparizione, ha parlato (poco) ai suoi “compatrioti”, dedicando il primo pensiero ai familiari delle vittime. Dopo circa un mese da quel giorno è stato più decisamente francese: più e più volte ha detto che stiamo vivendo una guerra, ha fatto riferimento alle disuguaglianze acuite dalla pandemia, per concludere con il più classico “Vive la République, vive la France!”.

La Cancelliera Merkel, dal canto suo, ha detto senza mezzi termini al popolo tedesco: “È una cosa seria, prendetela anche voi seriamente”. Poi, con chiarezza e disinvoltura, ha spiegato la curva dei contagi come nessun altro: “Ora siamo più o meno al fattore di riproduzione 1, il che significa che una persona ne contagia un’altra. Un valore medio. Se dovessimo però arrivare alla situazione in cui ognuno di noi contagia 1,1 persone, raggiungeremmo a ottobre la capacità di posti di terapia intensiva del nostro sistema sanitario. Se il valore diventerà 1,2 (e cioè ciascuno contagia solo un 20% in più, e dunque che su 5 persone una ne infetta 2 e il resto una sola) raggiungeremmo i limiti del sistema sanitario a luglio. Se il valore diventasse 1,3 (che non è comunque tanto, visto che alle spalle abbiamo una situazione in cui si contagiavano 4-5 persone a testa), il sistema sanitario toccherebbe i suoi limiti già a giugno”.

Il Presidente del Consiglio Conte ha cominciato con il ricordare che gli italiani non si arrendono: è questione di DNA. Poi, ha richiamato tutti alla sfida della responsabilità, per passare ad indicare i piccoli gesti da compiere: lavarsi spesso le mani, starnutire o tossire nel fazzoletto o nel gomito, e così via. Infine, il tocco magico: ha chiesto alle banche un “atto d’amore” per l’Italia.

E poi c’è il Presidente della Repubblica Mattarella, che nel fuori onda durante la registrazione del suo discorso viene invitato ad abbassarsi un po’ i capelli, perché: “C’ha il ciuffetto…”. Lui replica, con serenità e complicità costituzionali: “Eh, Giovanni, non vado dal barbiere neanch’io ”. 

Image credit: Tiffany Nguyen Photography
https://images.squarespace-cdn.com

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse