Un tesoro da salvare

Un tesoro da salvare

di Fabio Cavalera (Consigliere Ordine dei Giornalisti Lombardia – Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)

Internet e i social ci hanno presentato in ogni campo e in ogni professione il nuovo potere dell’algoritmo che allarga i confini della conoscenza, della comunicazione e della informazione ma che porta con sé rischi reali di manipolazione e di addomesticamento del pensiero umano.
Lo sviluppo della rete e delle interconnessioni regalano opportunità magnifiche di progresso economico e culturale ma devono essere governati dalla consapevolezza che una forte coscienza etica e deontologica, il che presuppone l’uso sapiente della parola e della sua forza dirompente, è necessaria se non si vogliono trasformare il presente e il futuro delle tecnologie in un processo di annullamento delle coscienze critiche e delle relazioni.

La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione. È la parola che ci rapporta con il mondo esterno. Non è l’algoritmo. Ed è la parola che ci rapporta con il nostro mondo interiore dando consistenza, forma e immagine all’intuito, alle emozioni, alle riflessioni, alle idee. Non è l’aridità programmata dell’algoritmo.

Mai come oggi, fuori e dentro la rete, fuori e dentro le agorà reali e virtuali è così vitale gestire e regolare l’assalto dell’algoritmo. La parola è il nostro tesoro da tutelare e coltivare. Difenderne la sua bellezza, la sua efficacia, la sua profondità, la sua missione di testimonianza e di narrazione nell’era della comunicazione di massa e dell’informazione digitalizzata significa una cosa sola: significa respingere le suggestioni e le deviazioni della parola banale e volgare, dell’insulto e della distorsione che sono le armi pericolose dei pupazzi urlanti, i replicanti al servizio dei padroni dell’algoritmo.

Foto credit: image.architonic.com/migliore-servetto-architects-the-perfect-density

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola

Ho visto un film

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…