Una strada a forma di sé

Una strada a forma di sé

di Cristina Mangia (Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima. Consiglio Nazionale delle Ricerche – Lecce)

A 18 anni volevo capire il mondo, giocare con i numeri, proteggere l’ambiente e raggiungere l’indipendenza economica, quella che mi avrebbe garantito la libertà di pensiero.
È nata così la scelta di iscrivermi a fisica, indirizzo ambientale. Laureata al sud, specializzata al nord.
Il primo di tanti spostamenti fisici e simbolici.

Il secondo spostamento è stato quello dal tema di ricerca che mi era stato proposto a quello che più mi interessava, ovvero lo studio del trasporto e della dispersione degli inquinanti atmosferici.
Avete mai visto le mille forme di un pennacchio di fumo emesso da una ciminiera?
Sono i vortici turbolenti a determinare quelle forme. Descriverli matematicamente per poterne prevedere l’evoluzione rappresenta, ancora oggi, una delle sfide aperte della fisica classica.

Ma se la sfida scientifica è stata la turbolenza, la sfida sociale è stata quella di ritornare a Lecce e partecipare alla costruzione dell’Istituto per lo Studio dell’Inquinamento Atmosferico e l’Agrometeorologia.
Un istituto voluto dal CNR per riequilibrare la sua presenza nel sud-Italia.

All’università ti insegnano che la scienza è oggettiva, neutrale, indipendente da chi la fa e che la sua forza è il metodo.

Ma dal margine di un genere, sempre e ovunque in minoranza, e di una città del sud comprendi che quello che caratterizza le scienze sono le comunità scientifiche.
Non esiste la scienza “da nessun luogo”, sostengono le epistemologhe femministe.
Sono loro tra le prime a mettere in discussione il mito dell’oggettività della scienza, quella scienza che per secoli ha escluso le donne.
Un’esclusione che non è solo una questione etica e politica, anch’essa importante, ma che investe proprio la sfera della conoscenza. Più che uno spostamento l’incontro con le filosofie femministe rappresenta una svolta.

Di fronte ad una sfida o ad un problema non tutti si fanno le stesse domande.
Quello che noi siamo e pensiamo, i nostri pregiudizi, le nostre convinzioni o le nostre ambizioni, nel bene e nel male, non sono dei cappotti che si possono lasciare appesi all’ingresso dei laboratori di ricerca.
Lo sanno bene le donne trascurate in medicina o vittime nel passato di teorie scientifiche tendenti a sminuire le loro capacità.
Lo sa bene chi lavora nei contesti di ambiente e salute in cui nell’incertezza dei sistemi si scontrano interessi, visioni del mondo e punti di vista.

Per me il punto di vista nella ricerca sull’inquinamento è stato quello della salute pubblica, la strada quella dell’epidemiologia ambientale.

Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari e transdisciplinari, attraversare le disuguaglianze sociali e quelle di genere, muoversi al confine tra scienza e politica nei conflitti ambiente, salute e lavoro.
Vuol dire uscire fuori dal laboratorio ed essere nella società, confrontarsi con le persone, imparare ad ascoltare e a comunicare.
Può anche voler dire rifiutare finanziamenti o incarichi se questi sono ritenuti contrari alle proprie convinzioni.
Per me ha significato continuare a rimanere fedele ai miei convincimenti e alla mia etica sfidando inciampi e difficoltà.
E questo è stato possibile grazie a tutte quelle scienziate note e meno note come Elisabetta Donini Evelyn Fox Keller, Alice Hamilton e Alice Stewart sulle cui spalle sono potuta salire per intravedere e seguire, non la loro, ma la mia strada.

https://www.researchgate.net/profile/Cristina-Mangia-2
https://www.isac.cnr.it/index.php/en/users/cristina-mangia
https://scholar.google.com/citations?user=TbBz7PoAAAAJ&hl=it&oi=ao

Image credit: JuergenPM da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

Leggi l'articolo

La sorte della cessione del “quinto”

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Leggi l'articolo

Classi di ferro

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Leggi l'articolo

Il dialogo tra debito e potere

Fabio Cesare
I principi di diritto positivo vanno dunque contestualizzati in modo dinamico alla luce di valori di coesione sociale

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno

Il salto culturale

Pubblicato in |||

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Salvare i più sfortunati

Pubblicato in |||

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

La sorte della cessione del “quinto”

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Classi di ferro

Pubblicato in |||

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Quale avvocato per la crisi famigliare

Pubblicato in |||

Isabella De Bellis Sciarra
Un approccio che tenga conto solo delle aspettative del cliente rischia di portare a scelte operative controproducenti