A BARI SI TERRÀ IL 21-22 GIUGNO IL CONVEGNO NAZIONALE SULLA MEDICINA DI GENERE.

Il “genere” diventa indicatore di valutazione del servizio sanitario nazionale

La conferenza Stato – Regioni ha approvato il piano attuativo

A cura della redazione

La Medicina di Genere rappresenta uno degli ambiti di ricerca che meglio esprime la complessità della vita dell’individuo.
Genere, ambiente, stili di vita e condizioni socio-economiche influiscono sulla salute dell’individuo condizionandone gli esiti di malattia.

La conferenza Stato-Regioni del 30 maggio 2019 ha approvato il piano attuativo. Insieme alla legge entrata in vigore in Italia nel 2018 (la Legge n.3 art. 3 sulla Medicina di Genere denominata “Applicazione e diffusione della Medicina di Genere nel Servizio Sanitario Nazionale”) garantisce, per la prima volta, l’inserimento del parametro “genere” nella medicina.
Tale parametro è di interesse fondamentale sia per la definizione di percorsi diagnostico-terapeutici che per la sperimentazione clinica dei farmaci.
Un risultato inedito nel panorama giuridico nazionale ed europeo.

Sarà quindi possibile reinterpretare correttamente le patologie secondo indicatori quali età, etnia, livello culturale, condizioni sociali ed economiche.
Alcune Regioni Italiane hanno accolto positivamente le sollecitazioni emerse nel corso degli anni. Hanno insrito nel Piano Socio-Sanitario Regionale il concetto di differenze di genere costituendo tavoli tecnici per la discussione delle problematiche inerenti l’argomento,  attribuendo obiettivi di genere ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie, sollecitando la formazione e l’aggiornamento per medici ed operatori sanitari.

A BARI SI TERRÀ IL 21-22 GIUGNO IL CONVEGNO NAZIONALE SULLA MEDICINA DI GENERE.

Il Gruppo Italiano Salute e Genere (GISeG) con il Consiglio Regionale della Puglia, convinti che riconoscere le differenze di genere nella ricerca, diagnosi, prevenzione e cura rappresenti un‘evoluzione ormai ineludibile, hanno condiviso l’opportunità di riunire a Bari per due giorni (21 e 22 giugno) Medici, Farmacisti, Fisioterapisti e Infermieri per un convegno nazionale sulla Salute e sulla Medicina di Genere.
Saranno Anna Maria Moretti, Presidente Nazionale GISeG e Mario Loizzo, Presidente del Consiglio Regionale, ad aprire i lavori. L’evento è rivolto a figure professionali interessate ad ascoltare specialisti esperti in vari ambiti della Medicina di genere e novità legislative e indicatori socio-economici capaci di evidenziare  diversità e disuguaglianze di salute.

Nel corso del Congresso si parlerà anche di ricerca scientifica, innovazioni tecnologiche (dispositivi medici, test diagnostici, prognostici e predittivi, strumenti di digital health) che subiscono ancora oggi condizionamenti significativi.

Anche gli operatori della comunicazione sono chiamati ad apportare un contributo fondamentale per migliorare la conoscenza e la diffusione della medicina di genere.
La comunicazione istituzionale dovrà necessariamente portare all’attenzione dell’opinione pubblica questa nuova dimensione e favorirne la sua conoscenza.

La salute e la medicina di genere sono oggi  quindi un obiettivo strategico sia per la sanità pubblica che per l’appropriatezza della prevenzione e della cura.
In Italia è operativa una rete per il sostegno della Medicina di Genere. Grazie alla collaborazione fra Centro di riferimento per la Medicina di Genere dell’Istituto Superiore di Sanità, Gruppo Italiano Salute e Genere (GISeG), Centro Studi Nazionale su Salute e Medicina di Genere e all’adesione di FNOMCEO ed alcune Società Scientifiche, condivide obiettivi orientati alla ricerca scientifica, alla formazione di personale operante in ambito sanitario nonché all’informazione della popolazione.

Info e prenotazioni del convegno del 21 e 22 giugno al Palace:
Tel. 080.5061372 – info@clabmeeting.it
www.clabmeeting.itwww.giseg.it/
Ufficio Stampa – Ines Pierucci 3479165949 – Mariangela Pollonio 3494468058

Archivio

Indice

News: ultimi articoli

Una statua per San Nicola: dalla comunità per la comunità

Pubblicato in

A cura della Readazione
Una statua per San Nicola: dalla comunità per la comunità.
Domani presso la sede dell’Autorità portuale le associazioni e i cittadini incontreranno le Autorità per iniziare la discussione sul dove e come costruire il monumento

Rischio calcolato

Pubblicato in

Rischio Calcolato. Diretto, montato e suonato da Marco Pezzella. 5 minuti a settimana in cui si racconta la ripresa della socialità.

Sesso, genere e identità di genere

Pubblicato in |||

Stefano Chinotti
Vertendosi in materia di diritto, sarebbe auspicabile che dall’antropologia e dalla sociologia il piano di discussione fosse traslato su quello delle scienze giuridiche

Contromo-transfobia

Pubblicato in |||

Angelo Schillaci
Una legge che non parla solo di repressione, ma anche di promozione della cittadinanza; una legge non contro qualcuno o qualcosa, ma una legge per la (pari) dignità delle persone

Diritto alla parità di retribuzione: Il Comitato europeo dei diritti sociali riscontra violazioni in 14 paesi

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il comunicato stampa del Comitato europeo dei diritti sociali

Un volume per i 150 anni della Ragioneria dello Stato

Pubblicato in

A cura della Redazione
La Ragioneria Generale dello Stato. Che cos’è, che fa? Un volume appena pubblicato si occupa di raccontare la storia di questa gloriosa Istituzione.

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Pubblicato in |||

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

L’Autorità garante a Conte: “Ora una strategia unitaria per porre al centro bambini e ragazzi”

Pubblicato in

A cura della Redazione
Vanno varati un piano straordinario di interventi, formulato ascoltando la voce e le opinioni degli stessi minorenni secondo sistemi strutturati di partecipazione, e definite linee di bilancio ad hoc per l’infanzia e l’adolescenza come già richiesto dall’Onu all’Italia

A che servono gli Avvocati?

Pubblicato in

Rosanna Mura
Serve un segnale che dica chiaro e forte che senza di noi, senza la nostra voce, la giustizia non riparte

Ripianificare le ferie

Pubblicato in |||

Enzo Cianciotta
Bisogna, se le condizioni oggettive lo consentono, provare a tenere le saracinesche sempre alzate

IPSE DIXIT: videointervista al giudice che scrisse sul sistema Trani

Pubblicato in

A cura della Redazione
IPSE DIXIT: videointervista al giudice che scrisse sul sistema Trani

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo