Musa e getta

Musa e getta

di Arianna Ninchi e Silvia Siravo

Musa e getta” è un format al femminile con cui intendiamo celebrare donne che hanno vissuto accanto a grandi uomini, che hanno vissuto accanto a grandi donne.

Se vi avessero ascoltato, muse…”, riassumiamo così l’idea che è alla base di un progetto volto a riscattare dall’oblio le vite di donne straordinarie (Zelda Fitzgerald, Sabine Spielrein, Luisa Baccara, Jeanne Hébuterne…) e esaltarne l’arte di ispirare e gli altri talenti più o meno nascosti.
Ideata e curata da Arianna Ninchi e Silvia Siravo per la casa editrice Ponte alle Grazie, l’antologia al femminile è il punto di partenza di un progetto crossmediale ambizioso e al passo coi tempi.

All’iniziativa editoriale hanno aderito scrittrici tra le più interessanti del nostro panorama:

Ritanna Armeni, Angela Bubba, Maria Grazia Calandrone, Elisa Casseri, Claudia Durastanti, Ilaria Gaspari, Lisa Ginzburg, Chiara Lalli, Cristina Marconi, Lorenza Pieri, Laura Pugno, Veronica Raimo, Tea Ranno, Igiaba Scego, Anna Siccardi, Chiara Tagliaferri.

L’antologia, già prenotabile on line, sarà in libreria il 25 febbraio
https://www.ponteallegrazie.it/libro/musa-e-getta-ritanna-armeni-9788833315287.html

I testi dell’antologia saranno adattati per l’allestimento di uno spettacolo teatrale con attrici della scena nazionale, in un’opera di sinergia che è volta a rivitalizzare una collaborazione tra comparti del sistema culturale e creativo.

In un mondo moderno, che vede la donna sempre più alla ribalta e capace di dare un determinante contributo al progresso, come nelle arti, come nell’economia, il progetto “Musa e getta” vuole essere un sentito contributo alla diffusione di un’immagine femminile autonoma e pienamente integrata.

Il progetto appare di particolare attualità visto l’ampio dibattito e interesse sulle possibilità di combattere fenomeni criminali che vedono ancora la donna come oggetto di violenza fisica e psicologica, sfruttamento, abuso, schiavitù sessuale, molestie.

“Musa e getta” intende essere un momento di comunicazione, elaborazione e promozione di un’idea del femminile valorizzata e protagonista nella società. L’obiettivo del lavoro è dare voce a meravigliose donne che sono state muse e meritano di uscire dall’ombra in cui hanno vissuto.

Dalle pagine dell’antologia, dalle assi del palcoscenico, dal palinsesto televisivo, faremo conoscere la loro storia ad un pubblico il più vasto possibile, affinché si possa pensare alla donna non più come figura sfocata dietro al mondo maschile ma come faro e modello della nostra epoca.

Se avessero vissuto oggi, le nostre muse sarebbero influencer, instagrammer, youtuber di successo.

Di certo non avrebbero paura della loro ombra e sarebbero in cerca di un posto al sole.
E lo avrebbero, come Kate Moss e Amanda Lear, che entrano a passi falcati nella nostra antologia, muse viventi che, tra androginia, determinazione e crolli nervosi, sono riuscite a imporsi come icone della nostra epoca, imparando molto da uomini ingombranti e traendo vantaggi da situazioni sgradevoli.
Con “Musa e getta” diamo voce a donne che furono fonte di ispirazione o compagne di artisti forse più presi dall’amore per l’arte che da altro. Riscattiamo le loro vite fatte di stenti e difficoltà, tormenti e complicità, cercando le sfumature di rosso tra il sacrificio estremo di Jeanne Hébuterne e l’esistenza ribelle di Lou von Salomé.

La pittrice senza le mostre, la modella con le copertine, la ricercatrice senza i premi, la groupie con le band… Arrivano le muse! Si saranno sentite dire “Non ti muovere” più spesso di quanto non si siano sentite dire “Ti amo”.

Hanno incontrato oggi una casa editrice e un gruppo di scrittrici che hanno preteso una luce tutta per loro. Incontreranno domani dei teatri e un gruppo di attrici che diranno loro: “Muovetevi! Fate rumore! Vi amiamo”.

https://www.facebook.com/musaegetta

Archivio

Indice

News: ultimi articoli

Le monete ad un bivio

Pubblicato in

Canio Trione
In questo scenario solo le imprese minori possono salvare l’economia e la finanza

Fuga dal Mezzogiorno

Pubblicato in

Luigi Triggiani
Questione di soldi, certo, ma anche di consapevolezza della situazione, di strategia e di determinazione nel voler cambiare le cose.
Con questi ingredienti, nessuno escluso, possiamo cominciare a proporre soluzioni.

Farisaico sarà Lei

Pubblicato in |

Roberta De Siati
Giustissimo impegnarsi sul superamento del gap reddituale ma non basta

Digitalizzazione e Recovery: puntare su un sistema operativo italiano

Pubblicato in

Canio Trione ed Enzo Varricchio
Le aziende di terz’ordine fanno prodotti. Quelle di second’ordine fanno tecnologia. Quelle al top fissano gli standard

G.I.R.A.F.F.A. onlus adotta “Musa e getta”, il progetto che celebra le donne dimenticate dalla storia e ora riscattate dall’oblio

Pubblicato in

A cura della Redazione
G.I.R.A.F.F.A. onlus adotta “Musa e getta”, il progetto che celebra le donne dimenticate dalla storia e ora riscattate dall’oblio

Se non ci fosse la inventerebbero

Pubblicato in

Canio Trione risponde ad Enzo Varricchio su Ora Legale News. il dibattito prosegue

Per fortuna c’è Meloni

Pubblicato in

Canio Trione
Per fortuna che c’è la Meloni! La sua orgogliosa e solitaria opposizione permette alla maggioranza di esibire un apparente pluralismo parlamentare e quindi possiamo dire di essere ancora in democrazia

Inaugurazione dell’anno giudiziario 2021

Pubblicato in

Franco Cassano
Pubblichiamo la relazione del Presidente della Corte d’appello di Bari Dott. Franco Cassano

Le mie ragioni

Pubblicato in

A cura della Redazione
Intervista all’Avvocata Roberta Valente, Consigliera dimissionaria dell’Ordine degli Avvocati di Bari

Rispondere a bambini e ragazzi

Pubblicato in

A cura della Redazione
Carla Garlatti è la nuova titolare dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza. Ecco il suo primo editoriale
“RISPONDERE A BAMBINI E RAGAZZI”

Amalfi andata e ritorno

Pubblicato in |

Umberto Apice
Metafora della vigilia della vita e metafora del sogno che non viene mai eguagliato dalla realtà.
Il racconto

Minata la negoziazione assistita

Pubblicato in |

Roberta Valente
Il procedimento negoziato di separazione, divorzio e modifica delle condizioni di separazione o divorzio non esiste più