OCCIDENTE APPESO A UN FILO

Occidente appeso a un filo

di Canio Trione (Economista in Bari)

Una volta, fino al 2009 e cioè ormai molto tempo fa, esisteva un mercato interbancario. Cioè un luogo virtuale in cui le banche si incontravano per prestarsi vicendevolmente il danaro.
Si originava così un prezzo (cioè un tasso di interesse) per quei prestiti che potevano avere scadenza di un giorno, una settimana, un mese, sei mesi, o più.
Quel prezzo/tasso di interesse era l’indice che si usava poi nei mutui che le banche avevano erogato e erogavano alla loro clientela.

Ormai più di un decennio fa le banche hanno smesso di fidarsi tra loro e il mercato interbancario ha smesso di funzionare e di essere affidabile.
La banca centrale è intervenuta fornendo essa il danaro richiesto.
Lo ha fatto e continua a farlo ad un tasso di interesse coerente con la sopravvivenza dell’euro e degli stessi Stati: cioè elegantemente imposto.

Se le banche non si fidano tra di loro cosa dobbiamo pensare noi risparmiatori?

Ma non solo. Ciò significa che spontaneamente il sistema non si regge perché:
a) le banche sono prive di affidabilità tra di loro oltre che dei risparmiatori; b) gli Stati devono approvvigionarsi di soldi stampati per sopravvivere perché la gente e i finanziatori in genere non si fidano di loro e tanto meno a tassi così bassi;
c) il tasso di interesse non è neutrale ma effetto delle scelte della Banca centrale;
d) il risparmio non è retribuito e quindi è la vittima di questa situazione.

Da tutto ciò discende che anche le quotazioni del mercato obbligazionario ed azionario sono influenzate da quel tasso di interesse creato dalle Banche centrali.

Cioè l’Occidente è appeso ad un filo sottilissimo.

La gente è totalmente ignara di questa situazione.
Per fortuna! Diremmo noi: protesta solo per le perdite che subisce sui propri risparmi.

Quindi se il tasso di interesse (e quindi lo spread) varia influenzando un governo e la sua sopravvivenza, questa variazione è dipesa dalla banca centrale e non dal mercato… cioè dai suoi organi burocratici che non sono espressione di quel popolo e non sono responsabili degli effetti del loro operato. Né si sa dove vogliono andare a parare. Peraltro anche i politici votati non rispondono a nessuno, visto che pur avendoci condotti in questa situazione sono sempre allo stesso posto.

Il valore della volontà popolare è azzerato: le scelte che contano vengono prese fuori dalle Istituzioni a ciò deputate.

La gravissima situazione descritta viene ulteriormente aggravata dal covid che ha accelerato la corsa verso il collasso del sistema.
Infatti escluse talune banche che ancora beneficiano dell’azzeramento dei risparmi di milioni di risparmiatori, per tutte le altre la mancata restituzione dei prestiti erogati e la progressiva riduzione degli incassi di interessi sui prestiti e sui titoli hanno portato le banche vicine al collasso.

L’intero Occidente è oggi alla vigilia di un momento biblico

Anche le banche centrali devono capire che non è pensabile che una condizione estremamente provvisoria come questa possa considerarsi definitiva.
Solo la liberazione del singolo individuo e singola impresa può portare ad una normalizzazione progressiva del sistema.
Non è pensabile che ogni singolo angolo dell’economia dipenda dalle deliberazioni della burocrazia di Francoforte o di Bruxelles.
L’unione sovietica è potuta crollare sapendo che esisteva un altro sistema da abbracciare. Pur nella drammaticità estrema di quell’evento c’era un filo non tenue di speranza.
Oggi non esiste una alternativa al sistema Occidentale che quindi va guarito e non sostituito.

Image credit: Myriams-Fotos da Pixabay

Archivio Magazine

Indice

News: ultimi articoli

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Il segreto della Maddalena

Pubblicato in

A cura della Redazione
Annalaura Giannelli torna in libreria

2022: elezioni forensi per un anno

Pubblicato in |

Anna Losurdo
In cartellone eventi formativi di ogni tipo, più o meno clamorosi, con lo scopo, neanche troppo dissimulato, di aggregare consenso

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Giovedì 21 Ottobre la giornata in onore del Prof. Ferdinando Canaletti

Pubblicato in

A cura della Redazione
Giovedì 21 Ottobre la giornata in onore del Prof. Ferdinando Canaletti

Gli obblighi di controllo, verifica e sanzione del green pass sul luogo di lavoro e la tutela dei dati personali alla luce del Decreto Legge n. 127 del 21 settembre 2021

Pubblicato in

Francesco Tedeschi
È necessario porre l’attenzione sulle implementazioni in tema di trattamento dei dati personali a carico del datore di lavoro

Le parole dentro e fuori dal processo: discriminazioni e stereotipi

Pubblicato in

A cura della Redazione
Per partecipare ai due incontri del 18 ottobre e del 25 Ottobre inviare una e mail all’indirizzo formazioneavvocatiap@gmail.com

La scuola che vorrei: al via la consultazione pubblica dell’Autorità garante per gli studenti

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il questionario elaborato dai coetanei della Consulta delle ragazze e dei ragazzi sarà sottoposto alle ragazze e ai ragazzi tra i 14 e i 18 anni nel prossimo mese

NON SONO SOLA

Pubblicato in

A cura della Redazione
Venerdì 08 Ottobre esce in digitale, su tutte le piattaforme di streaming, “NON SONO SOLA”, il nuovo singolo di Bianca Lancia

Cerimonia di intitolazione della via cittadina a Vitantonio De Bellis

Pubblicato in

A cura della Redazione
Venerdì 24 settembre 2021, a Castellana Grotte, si svolgerà la cerimonia di intitolazione della via cittadina a Vitantonio De Bellis

Lettera dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza agli studenti per il ritorno a scuola

Pubblicato in

A cura della Redazione
Lettera dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza agli studenti per il ritorno a scuola