Quale scuola dopo il Covid

Quale scuola dopo il Covid

A cura della Redazione (con la compartecipazione della nostra mediapartner ScriptaMoment – Rivista di Cooltura)

Enzo Varricchio intervista l’Avv. Rosa Chieco, Presidente dell’Associazione Avvocati per i minori Bari-Trani e l’Avv. Luca Monticchio, Vice presidente della Camera minorile di Lecce sulle conseguenze dell’allontanamento fisico dalla #scuola per #bambine, #bambini e #adolescenti

Gli enti rappresentati dai due ospiti hanno formalmente contestato la decisione del governatore regionale pugliese di consentire ai genitori la libera scelta tra frequenza fisica o in DAD/DID da parte dei figli, denunziando i mali provocati dal Covid alla Scuola italiana e ai nostri studenti e studentesse soprattutto in funzione “preventiva”, cioé allo scopo di evitare che si ripetano gli stessi errori dell’anno scolastico appena trascorso.

Molti danni fatti saranno purtroppo irreparabili. L’analisi dei due ospiti fa emergere un quadro preoccupante dal punto di vista piscosociologico, atteso che molti ragazzi, lontano dalla scuola e dentro casa ma davanti al pc, sono diventati degli oggetti misteriosi per se stessi e per i genitori.

Addirittura, alcune ragazze e ragazzi con disagi familiari sono sfuggiti al controllo dei servizi sociali, eclissandosi nella nube domestica della DAD.

La Scuola, nonostante i suoi molti problemi in tempi di pace, in tempo di guerra ha fatto più di quanto le si potesse chiedere. Ma i miracoli sfuggono alla sua portata.

Non a caso, la stragrande maggioranza di loro ha optato per la prosecuzione della didattica a distanza, dimostrando in tal modo anche i grandi limiti della scuola italiana pre e post Covid, molto formalizzata, burocratizzata e ormai tecnologicizzata, ma talora priva di un vero e proprio progetto educativo e formativo al passo con i tempi e le esigenze del nostro Paese.

Mettiamoci in testa una volta per tutte che UNA BUONA SCUOLA SI FONDA SU BUONI MAESTRI. PUNTO. Tutto il resto è fuffa.

Tra i “maestri” ovviamente annoveriamo prof e dirigenti, ma anche il personale ATA e le segreterie scolastiche, perché il loro modello inevitabilmente ispira e condiziona le studentesse e gli studenti che frequentano le scuole d’ogni ordine e grado.

I dirigenti, a loro volta appiattiti su diktat ministeriali talora “eclettici” (vedi banchi su ruote girevoli), iperresponsabilizzati e amovibili, sembrano talora più preoccupati di non perdere utenti investendo molto in espedienti pubblicitari, nonché di arrotondare i guadagni propri e dei fedelissimi con progetti non sempre efficaci, piuttosto che di assolvere in termini umanistici al loro ruolo educativo-formativo fondamentale.

Ma la grande incognita pesa a nostro avviso sul ruolo dei docenti, selezionati in modo variegato, sovraimpegnati su competenze informatiche di solito da loro poco bazzicate, schiacciati da incombenze burocratiche (in alcuni Istituti si sfiorano le 400 circolari annue), anche loro robotizzati e spersonalizzati dalla DAD, soprattutto spaventati dai media per le nuove e incognite responsabilità nel dover capire che costa sta accadendo oltre lo schermo.

E’ da queste criticità che occorre subito ripartire per scansare il buco nero culturale e sociale che il Covid ci ha spalancato davanti.

Archivio Magazine

Indice

News: ultimi articoli

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Giovedì 21 Ottobre la giornata in onore del Prof. Ferdinando Canaletti

Pubblicato in

A cura della Redazione
Giovedì 21 Ottobre la giornata in onore del Prof. Ferdinando Canaletti

Gli obblighi di controllo, verifica e sanzione del green pass sul luogo di lavoro e la tutela dei dati personali alla luce del Decreto Legge n. 127 del 21 settembre 2021

Pubblicato in

Francesco Tedeschi
È necessario porre l’attenzione sulle implementazioni in tema di trattamento dei dati personali a carico del datore di lavoro

Le parole dentro e fuori dal processo: discriminazioni e stereotipi

Pubblicato in

A cura della Redazione
Per partecipare ai due incontri del 18 ottobre e del 25 Ottobre inviare una e mail all’indirizzo formazioneavvocatiap@gmail.com

La scuola che vorrei: al via la consultazione pubblica dell’Autorità garante per gli studenti

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il questionario elaborato dai coetanei della Consulta delle ragazze e dei ragazzi sarà sottoposto alle ragazze e ai ragazzi tra i 14 e i 18 anni nel prossimo mese

NON SONO SOLA

Pubblicato in

A cura della Redazione
Venerdì 08 Ottobre esce in digitale, su tutte le piattaforme di streaming, “NON SONO SOLA”, il nuovo singolo di Bianca Lancia

Cerimonia di intitolazione della via cittadina a Vitantonio De Bellis

Pubblicato in

A cura della Redazione
Venerdì 24 settembre 2021, a Castellana Grotte, si svolgerà la cerimonia di intitolazione della via cittadina a Vitantonio De Bellis

Lettera dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza agli studenti per il ritorno a scuola

Pubblicato in

A cura della Redazione
Lettera dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza agli studenti per il ritorno a scuola

La polvere sotto al tappeto. Il dibattito pubblico sulle droghe tra evidenze scientifiche e ipocrisie

Pubblicato in

Anna Paola Lacatena
con contributi di Filippo Ceccarelli, Francesca Comencini, Giancarlo De Cataldo, Kento, Antonio Nicaso, Nina Zilli
Carocci Editore, Roma, marzo 2021

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021