IMG_20191029_093534

Una nuova economia umanistica

di Enzo Varricchio

Riteniamo di pubblicare la versione integrale della prolusione all’inaugurazione dell’anno accademico 2019-20 dell’Università degli Studi di Bari A. Moro, esposta martedì 29 ottobre 2019 dal professor Ernesto Longobardi, ordinario di Scienza delle Finanze presso il Dipartimento di Economia e Finanza, perché crediamo che costituisca la premessa teorica per una vera svolta verso una nuova visione dell’economia politica, non più a base statistico-matematica quanto antropologica e psicologico-esperenziale, che ritorni a porre al centro della sua attenzione l’essere umano e i suoi bisogni.

Vogliamo partire dal discorso di questo eminente accademico per intraprendere un dibattito sull’argomento che veda coinvolti altri economisti, politici, giornalisti e intellettuali.

Il discorso del professor Longobardi, dal titolo “Conoscenza e accoglienza”, incentrato sul tema del ruolo dell’Università nella questioni migratorie, è partito dal tragico episodio dello sbarco a Bari della nave albanese “Vlora” nel 1991 e della generosa risposta del sindaco di Bari Enrico Dalfino e di tutta la cittadinanza, poi muovendo da una disamina storica dalle origini e funzioni della moneta che “non nasce per favorire lo scambio. Nasce, nelle società ormai sedentarie e basate sull’agricoltura, come unità di conto per la gestione e redistribuzione del surplus”, giunge sino a mettere in crisi il modello occidentale di Homo oeconomicus, ricordando quanto sia assurdo che l’uomo sia guidato da motivi puramente economici di chiaro interesse personale a fronte delle innegabili interazioni psicosociali cui è sottoposto.

Passando da un accenno critico all’odierna “signoria del dato statistico”, da cui oggi si fa emergere il risultato conoscitivo a prescindere da qualsiasi ipotesi teorica, Longobardi arriva al cuore della sua tesi che mette in dubbio il postulato che l’essere umano sia guidato dalla ricerca razionale e spregiudicata dell’utilità individuale, allorquando gli studi antropologici stanno dimostrando che l’homo sapiens si sarebbe invece affermato per una sua caratteristica del pensiero non verbale e non cosciente, fatto di immagini, e da cui dipende, fra l’altro, la produzione artistica.

Si tratta in qualche misura di ammettere gli errori del pensiero occidentale e invertire la rotta: il razionalismo economicistico-utilitaristico non è la sola via conoscitiva e soprattutto non sembra la migliore in assoluto. La proposta è ricentralizzare la dimensione umana e sociale dell’economia a fronte della massimizzazione capitalistica del profitto, valorizzando aspetti quali l’altruismo, l’attitudine alla crescita collettiva e la sicurezza sociale che si genera dalla condivisione delle difficoltà e dei vantaggi. Da quest’ampliamento della visione gnoseologica ed epistemologica sortirà inevitabilmente una maggiore propensione all’accoglienza anche dei migranti, potenziale volano economico se inquadrati in questa prospettiva.

Da Bari si annuncia un nuovo socialismo economico o una nuova economia umanistica?

Il messaggio è evidentemente rivolto alla classe politica che notoriamente è sottomessa alle indicazioni di un’economia troppo ancorata alla visione matematico-statistica, che non ha saputo gestire la crisi economica contribuendo a determinare un peggioramento della qualità delle nostre vite.

Il testo completo della prolusione

Archivio

Indice

News: ultimi articoli

La parola è un’opera d’arte

Pubblicato in |

A cura della Redazione
Milano, 29 Novembre 2019

Cercasi praticante “nubile”

Pubblicato in

Serenella Molendini (Consigliera Nazionale di Parità supplente)
La nostra società, ancora profondamente maschilista e patriarcale, non si combatte scrivendo che le richieste trovano un fondo di ragionevolezza, ma ricordando che ciò che conta sono le competenze

Almamala

Pubblicato in |

A cura della Redazione 
Il giorno 30 ottobre 2019, alle ore 20.30, a Bari, in via Capruzzi 2, in una location non convenzionale si terrà l’evento di lancio di “Almamala”, il nuovo noir di Rocco Lombardi.

Il TAR Lazio e le elezioni del CNF

Pubblicato in

A cura della Redazione
La decisione n. 12176/19 del Tar Lazio sulle elezioni del CNF

Il Tar Lazio e l’albo dei cassazionisti

Pubblicato in

A cura della Redazione 
Le decisioni n. 11477/19 e n. 11487/19 del Tar Lazio sull’albo dei cassazionisti

I mille giorni di AEMILIA

Pubblicato in

A cura della Redazione
I mille giorni di AEMILIA Giovedì 24 ottobre
ore 18:00 – Libreria Coop-Zanichelli
Piazza Galvani, 1H – Bologna

Alla Salute!

Pubblicato in |

A cura della Redazione
Alla salute! – Il diritto in Piazza – Festival del Diritto Bitonto, 27, 28 e 29 Settembre 2019

La giornata regionale contro le solitudini

Pubblicato in |

A cura della Redazione
Bari, 25 Settembre 2019, ore 11.00
Liceo classico “Quinto Orazio Flacco” di Bari

Manipolazione linguistica tra diritti soggettivi, interessi diffusi, consenso e sovranità popolare

Pubblicato in |

A cura della Redazione
La parola è un’opera pubblica – Manipolazione linguistica tra diritti soggettivi, interessi diffusi, consenso e sovranità popolare – Milano, 19 Settembre 2019

Rosa Marina: un giudice e un avvocato fanno vincere l’arte

Pubblicato in |||

A cura della Redazione
Giorgio Pica ed Enzo Varricchio sono entrambi giuristi, l’uno magistrato, l’altro avvocato. Allo stesso tempo sono due artisti, l’uno pittore e fotografo, l’altro scrittore e critico d’arte

Partito il processo tributario telematico

Pubblicato in |||||

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente di U.N.CA.T.)
Il 1° luglio 2019 è diventato obbligatorio su tutto il territorio nazionale il processo tributario telematico

E’ nata Libra, moneta social

Pubblicato in ||||

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Se Libra venisse introdotta, potrebbe crearsi, in un battito di ciglia, un grande mercato globale digitale di quasi 2,5 miliardi di persone accomunato da una moneta unica