Il dopo covid-19 degli Avvocati

Il dopo covid-19 degli Avvocati

di Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)

Una proposta di sostegno al reddito dell’Avvocatura e di miglioramento dell’efficienza della Giustizia civile

Premessa

L’emergenza sanitaria assume sempre di più i contorni di una guerra che lascerà un pesante tributo di vite e nell’economia. A questi danni se ne potrebbe aggiungere un altro per quanto riguarda il settore della Giustizia: il rallentamento forzato dell’attività giurisdizionale.
Non voglio qui soffermarmi sui problemi, che sono a noi tutti noti.
Sono certo, questo è anche il mio impegno personale, che tutte le Istituzioni faranno tutto ciò che occorre per contrastare l’emergenza.
In questa sede posso solo proporre un piccolo contributo di idee, per uscire da questa ennesima crisi.

Una proposta

La giustizia civile prevede alcuni strumenti deflattivi.
Uno di questi è il c.d. arbitrato di prosecuzione, previsto dall’art 1 D.L. 132/2014 come convertito dalla Legge n. 162/2014.
La principale criticità dello strumento è data dal fatto che le parti private, già onerate delle spese di contributo unificato e delle altre spese, non sono propense ad accollarsi anche le spese di un arbitrato.
Si potrebbe cercare di porre un freno a due criticità:
1) l’inefficienza della Giustizia Civile;
2) la crisi economica conseguente alla pandemia in corso.

Il contenuto della proposta

Con alcune piccole modifiche normative, i C.O.A. potrebbero iscrivere gli avvocati in difficoltà nelle Camere arbitrali, e l’arbitrato di prosecuzione potrebbe essere esteso ad un numero maggiore di controversie.
Gli arbitri potrebbero smaltire il carico di cause arretrato (quanto meno quelle di valore economico “bagatellare”).
Il compenso degli arbitri potrebbe essere posto a carico della fiscalità generale o della Cassa Forense.

Le condizioni per funzionare

Questa proposta richiede due presupposti per funzionare:
1) un forte patto di solidarietà all’interno dell’avvocatura (senza una richiesta congiunta delle parti l’arbitrato non può attivarsi);
2) Il compenso degli arbitri non deve essere accollato alle parti in causa;
Chi dovrebbe farsi carico del compenso degli arbitri?
La risposta più semplice consiste nelle risorse messe a disposizione dalla fiscalità generale (per esempio le imposte versate dalla Cassa Forense allo Stato potrebbero essere utilizzate come tassa di scopo e finalizzate a questo progetto), oppure ricorrendo alla liquidità della Cassa Forense con apposite modifiche normative e regolamentari (mantenere una riserva patrimoniale tale da garantire una sostenibilità a 50 anni appare un vincolo eccessivo in questo particolare momento storico).

Ma cosa succederebbe se queste ipotesi dovessero essere considerate economicamente inattuabili?

L’utilizzo di strumenti finanziari. I SIBs (Social Impact Bonds)
Una proposta potrebbe consistere nell’attingere a finanziamenti privati, attraverso strumenti finanziari come i Social Impact Bonds (SIBs).
I SIBs, garantiti dallo Stato, potrebbero essere acquistati da privati o dalle stesse c.d. casse private.
Il Social Impact Bond è uno strumento finanziario finalizzato alla raccolta, da parte del settore pubblico, di capitali privati.
In un modello di Social Impact Bond realizzato correttamente il raggiungimento del risultato sociale previsto produrrà un risparmio per la pubblica amministrazione, e, quindi, un margine che potrà essere utilizzato per la remunerazione degli investitori.

L’inefficienza della giustizia civile determina costi economici e sociali che gravano sul “sistema Italia”.
I costi sociali consistono, per esempio, nel disincentivo al rispetto delle regole e ad applicare criteri reputazionali ed etici nei modelli di vita individuale.
Ma quello che più importa, è che la l’inefficienza della Giustizia civile è anche un costo economico diretto per lo Stato, stimato dalla Banca d’Italia in circa l’1% del prodotto interno lordo.
Infine, occorre ricordare che per la sola violazione della c.d. Legge Pinto lo Stato spende circa 750 milioni di euro all’anno.

Conclusioni

Una proposta del genere non è finalizzata a sostenere una spesa di tipo assistenziale (il c.d. reddito di cittadinanza o da quarantena) ma chiede di fornire sostegno economico ai Colleghi in difficoltà, a condizione che questi ultimi offrano il loro concreto supporto per smaltire l’arretrato civile.
Una soluzione del genere, portando alla riduzione dell’arretrato civile in breve tempo, potrebbe tradursi addirittura in un risparmio per lo Stato, in termini di costi sociali ed economici connessi all’inefficienza della Giustizia Civile:

  • minori spese per risarcimenti per violazione delle norme del giusto processo;
  • maggiori introiti Irpef – Irap – IVA;
  • maggiore indotto conseguente alla ripresa del comparto dei servizi legali;
  • maggiore fiducia dei cittadini nella Giustizia Civile e nelle Istituzioni, con conseguente sviluppo di modelli sociali corretti e rispettosi delle regole e delle leggi;
  • maggiore fiducia delle Imprese nella Giustizia Civile con conseguente riduzione dei costi connessi all’accesso al credito.

Ma la vera chiave di lettura del progetto consiste nel fatto che l’Avvocatura deve sentirsi pronta a farsi carico di una grande responsabilità (corrispondente al ruolo riconosciutole dalla Costituzione di coprotagonista della Giurisdizione, al pari della Magistratura) da un lato contribuendo a risolvere il problema dell’inefficienza della Giustizia civile e, dall’altro lato, fornendo un sostegno economico concreto ai Colleghi in difficoltà.
Come è stato detto: “una società solidale che non lasci indietro nessuno e il giusto processo con il rispetto dei valori di libertà e dignità non potranno mai essere quotati in borsa, ma saranno il vero patrimonio e la vera ricchezza di una democrazia progredita, la vera eredità che noi tutti potremo lasciare ai nostri figli. “.
Questo è il patrimonio che Avvocatura deve lasciare al nostro Paese.

Archivio Magazine

Indice

News: ultimi articoli

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Il segreto della Maddalena

Pubblicato in

A cura della Redazione
Annalaura Giannelli torna in libreria

2022: elezioni forensi per un anno

Pubblicato in |

Anna Losurdo
In cartellone eventi formativi di ogni tipo, più o meno clamorosi, con lo scopo, neanche troppo dissimulato, di aggregare consenso

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Giovedì 21 Ottobre la giornata in onore del Prof. Ferdinando Canaletti

Pubblicato in

A cura della Redazione
Giovedì 21 Ottobre la giornata in onore del Prof. Ferdinando Canaletti

Gli obblighi di controllo, verifica e sanzione del green pass sul luogo di lavoro e la tutela dei dati personali alla luce del Decreto Legge n. 127 del 21 settembre 2021

Pubblicato in

Francesco Tedeschi
È necessario porre l’attenzione sulle implementazioni in tema di trattamento dei dati personali a carico del datore di lavoro

Le parole dentro e fuori dal processo: discriminazioni e stereotipi

Pubblicato in

A cura della Redazione
Per partecipare ai due incontri del 18 ottobre e del 25 Ottobre inviare una e mail all’indirizzo formazioneavvocatiap@gmail.com

La scuola che vorrei: al via la consultazione pubblica dell’Autorità garante per gli studenti

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il questionario elaborato dai coetanei della Consulta delle ragazze e dei ragazzi sarà sottoposto alle ragazze e ai ragazzi tra i 14 e i 18 anni nel prossimo mese

NON SONO SOLA

Pubblicato in

A cura della Redazione
Venerdì 08 Ottobre esce in digitale, su tutte le piattaforme di streaming, “NON SONO SOLA”, il nuovo singolo di Bianca Lancia

Cerimonia di intitolazione della via cittadina a Vitantonio De Bellis

Pubblicato in

A cura della Redazione
Venerdì 24 settembre 2021, a Castellana Grotte, si svolgerà la cerimonia di intitolazione della via cittadina a Vitantonio De Bellis

Lettera dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza agli studenti per il ritorno a scuola

Pubblicato in

A cura della Redazione
Lettera dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza agli studenti per il ritorno a scuola