black-nose-sheep-425151_640

Immunità di branco

di Luigi Triggiani

Da Burioni a Konrad Lorenz: l’immunità dannosa della società italiana

Di “immunità di gregge” abbiamo sentito parlare molto nei mesi scorsi, da quando il primo ministro del governo britannico, Boris Johnson, l’ha indicata come strategia anti-covid-19.
Per contenere la diffusione del virus il governo inglese propose di non contrastare l’epidemia ma di far leva sull’immunità che, gradualmente, la popolazione, seppure a costo di molte vite, avrebbe acquisito: una strategia che si basa, appunto, sulla cosiddetta immunità di gregge, che consiste quindi nella capacità di un gruppo di resistere all’attacco di un’infezione, verso la quale un grande numero dei suoi membri diventa immune grazie alla produzione di anticorpi propri.
Una sorta di cruenta vaccinazione collettiva che alcune specie di esseri viventi – in una selezione darwiniana in cui sopravvivono solo i più resistenti – riescono a praticare sacrificando i più deboli.

A pensarci bene, facendo un triplo salto carpiato dalla virologia all’etologia, c’è un animale che ha raggiunto questo tipo di resistenza ai virus e agli attacchi esterni: l’animale subpolitico.

Condizione essenziale per il raggiungimento di tale status, per questa specie animale, è la caccia in gruppo; l’animale subpolitico, quando si muove solo, è un soggetto ad alto rischio di estinzione, fragilissimo, facilmente attaccabile appena mostra un fianco, a ogni passo fuori dal suo abituale territorio di caccia. In solitaria, l’animale subpolitico è un precario per eccellenza: basta un gossip ben assestato, un’alzata d’ingegno, per dirla con Camilleri, a ferirlo a morte.

In gruppo invece – dopo un primo duro periodo di ambientamento in cui vanno rimosse eventuali e residue scorie ideologiche – l’animale subpolitico può brucare come il più placido dei bisonti in una sterminata prateria del Wyoming: qualche periodo di siccità, ogni tanto un temporale, ma poi l’erba torna più verde di prima e intanto il tempo passa, il vitalizio si avvicina.

Se il grande Konrad Lorenz fosse ancora in vita, invece che stare immerso fino al collo in uno stagno a osservare anatre e a prendersi i reumatismi, oggi sarebbe mimetizzato dietro un carrello portavivande della Bouvette, a osservare il comportamento dell’animale subpolitico.

E avrebbe scoperto “l’immunità di branco”.

Decenni di sottocultura politica, in cui lo slogan non urlato è stato “tanto rubano tutti”, hanno sdoganato il più becero degli stereotipi: il subpolitico resiliente, quello che cambia correnti e partiti più frequentemente di quanto non faccia con le camicie al grido di battaglia ”mi piego ma non mi spezzo”.
A poco sono valsi gli sforzi e i sacrifici di chi ci ha creduto, donando anche la vita, e di chi ci crede ancora, impegnato oggi in una lotta titanica contro muri di gomma eretti sulla base di leggi elettorali come quella che va ricordata esattamente come fu definita dal suo primo firmatario, Calderoli: una porcata.

Solo le cattive notizie fanno notizia: luminosi esempi di politici immunizzati, da Razzi a Scilipoti, hanno contribuito ad abbassare continuamente le aspettative degli elettori, rafforzando di contro le difese immunitarie di questa particolare specie. Alla fine di questo percorso evolutivo, dalla classe politica – anche in questo momento di grande cambiamento (per usare un blando eufemismo) – l’italiano medio intimamente non si aspetta granché. Il problema è che la classe politica lo sa.

In ogni comunità, in ogni azienda, tra tanta brava gente, ci sono furbi e scansafatiche. Il parlamento, i consigli regionali e comunali sono soltanto campioni statistici rappresentativi dell’universo. L’immunità di branco la ottengono anche specifici raggruppamenti di burocrati e d’imprenditori, di sindacalisti e di docenti, di sacerdoti e di militari. Tutti quelli che hanno scelto, come missione, di sopravvivere.

La vita, più pericolosa ma ben più sensuale, è un’altra cosa. E vale davvero la pena di viverla diversamente, a testa alta, come fanno in tantissimi silenziosi combattenti che pure ogni tanto cadono nell’errore di invidiare questi poveretti.

Image credit: Viola ‘ da Pixabay

Archivio

Indice

News: ultimi articoli

L’amor che move il sole e l’altre stelle

Pubblicato in

Enzo Varricchio Pubblichiamo in esclusiva un’anticipazione della prolusione di Enzo Varricchio alla Lectura Dantis “L’amor che move il sole e l’altre stelle”, in programma a Giovinazzo sabato 26 marzo 2021 in diretta dalle ore 19.00 su Antenna Sud Canale 194 e in streaming sulla pagina Fb di Culturaly.

La Carta dei diritti dei bambini in ospedale

Pubblicato in

A cura della Redazione Un’app per insegnare ai piccoli pazienti la Carta dei diritti dei bambini in ospedale: l’iniziativa lanciata da A.o.p.i. in collaborazione con l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza

Occidente appeso a un filo

Pubblicato in

Canio Trione
Ormai più di un decennio fa le banche hanno smesso di fidarsi tra loro e il mercato interbancario ha smesso di funzionare e di essere affidabile

Dal 6 all’8 marzo 2021

Pubblicato in

A cura della Redazione
Dal video alle borse green, dai tarallini dolci all’evento per ricordare il CAV di Paola Labriola
così G.I.R.A.F.F.A. Onlus celebra l’8 marzo

Le monete ad un bivio

Pubblicato in

Canio Trione
In questo scenario solo le imprese minori possono salvare l’economia e la finanza

Fuga dal Mezzogiorno

Pubblicato in |

Luigi Triggiani
Questione di soldi, certo, ma anche di consapevolezza della situazione, di strategia e di determinazione nel voler cambiare le cose

Farisaico sarà Lei

Pubblicato in |

Roberta De Siati
Giustissimo impegnarsi sul superamento del gap reddituale ma non basta

Digitalizzazione e Recovery: puntare su un sistema operativo italiano

Pubblicato in

Canio Trione ed Enzo Varricchio
Le aziende di terz’ordine fanno prodotti. Quelle di second’ordine fanno tecnologia. Quelle al top fissano gli standard

G.I.R.A.F.F.A. onlus adotta “Musa e getta”, il progetto che celebra le donne dimenticate dalla storia e ora riscattate dall’oblio

Pubblicato in

A cura della Redazione
G.I.R.A.F.F.A. onlus adotta “Musa e getta”, il progetto che celebra le donne dimenticate dalla storia e ora riscattate dall’oblio

Musa e getta

Pubblicato in

Arianna Ninchi e Silvia Siravo
L’antologia al femminile è il punto di partenza di un progetto crossmediale ambizioso e al passo coi tempi

Se non ci fosse la inventerebbero

Pubblicato in

Canio Trione risponde ad Enzo Varricchio su Ora Legale News. il dibattito prosegue

Per fortuna c’è Meloni

Pubblicato in

Canio Trione
Per fortuna che c’è la Meloni! La sua orgogliosa e solitaria opposizione permette alla maggioranza di esibire un apparente pluralismo parlamentare e quindi possiamo dire di essere ancora in democrazia