Oltre il rammarico

Oltre il rammarico

di Anna Losurdo

Siamo tutti impastati di debolezze e di errori; perdoniamoci reciprocamente le nostre sciocchezze
Voltaire

Nelle relazioni sentimentali capita di ferirsi.
Non dovrebbe accadere, ma succede.
Mi riferisco qui alla fisiologia dei rapporti e quindi non alle relazioni patologiche: per chiarezza non rientrano in queste mie considerazioni le ferite narcisistiche né agenti e vittime di tali situazioni.

Ci sono ferite leggere come graffi superficiali, che non lasciano segni e svaniscono nel giro di qualche ora. Abrasioni più profonde e ferite che non smettono di sanguinare, perché restano sempre aperte.
E ci sono, infine, le cicatrici, testimoni perpetue di quella azione che ci ha ferito.

Che fare, quindi?
A parte i buoni propositi di riuscire a non ferire mai alcuna persona e di non consentire ad alcuna persona di essere tanto rilevante nella nostra vita da riuscire a colpirci?

Si può lasciar fare al tempo.
La coltre del tempo e gli accadimenti successivi seppelliscono anche i dolori.
Gli eventi, per quanto importanti siano, restano nella loro materialità ma con il passare del tempo diventano neutri e possono anche essere rinominati.
Oppure possono cadere nel dimenticatoio in quanto ritenuti insignificanti al cospetto della vita che ci è data.

Oppure si può perdonare.

Etimologia: composto da per (completamente) e donare (donare).

Il perdono è un termine abusato, generalmente associato alla religione e spesso percepito come segno di debolezza.
Si può ritenere erroneamente che funzioni come ogni altro dono, o che serva a comprare o che sia una liberalità magnanima o che segua le regole di un gioco di potere.

Il senso del perdono è, invece, tutto interiore e molto circoscritto: non si perdona che per se stessi.

Perdonare e perdonarci attiva una forma di guarigione a livello morale.
Significa agire a partire da una condizione di consapevolezza e ci consente di liberare il passato dal dolore per essere pienamente coscienti del presente.
Comprendere le ragioni profonde all’origine dell’azione che ci ha ferito apre un mondo presente e consapevole, senza i condizionamenti di odio, rancore, risentimento.
L’accettazione di un male ormai occorso, che lo lascia scorrere via per sempre, impedisce a quel male di generarne altri, liberandoci dalla rabbia e dalla sofferenza emotiva.
Perciò il per-dono è il dono completo: così sottile che quasi non si dà né si riceve, chiude le ferite e ti lascia passare avanti.

Cosa siamo dopo essere stati feriti o esserci feriti?
Siamo gli stessi di prima?
Siamo un nuovo inizio dopo essere riusciti a perdonarci?

Stat rosa pristina nomina, nomina nuda tenemus

Image credit: Engin Akyurt da Pixabay

di Anna Losurdo su Ora Legale News

Archivio Magazine

Indice

News: ultimi articoli

Un salvacondotto per Meloni e Nordio

Pubblicato in

Enrico Sbriglia
Non c’è un solo istituto penitenziario in cui siano rispettate norme e regole previste dall’ordinamento penitenziario e per la sicurezza sul posto di lavoto

Femme battue 2023

Pubblicato in

A cura della Redazione
Torna il calendario “Femme Battue” per un 2023 contro la violenza di genere, a sostegno delle vittime di violenza

KURDBUN – Essere curdo

Pubblicato in

A cura della Redazione
TEATRO MANZONI ROMA e CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne invitano alla proiezione del documentario KURDBUN – ESSERE CURDO di FARIBORZ KAMKARI

Venerdì 25 novembre ore 17.30
Teatro Manzoni, Via Monte Zebio 14, Roma

Captivi

Pubblicato in

Anna Losurdo
Il nuovo libro del penitenziarista Enrico Sbriglia sul carcere italiano

Social freezing

Pubblicato in |||

Roberta De Siati
La cultura della natalità desiderata e compatibile con ogni tipo di famiglia e di lavoro non deve più essere sottovalutata

Processo a Pasolini

Pubblicato in

Anna Losurdo
La penna formidabile, colta e mai superficiale, competente e mai scontata, asciutta e mai retorica di Umberto Apice

Noi Rete Donne scrive ai leader dei partiti

Pubblicato in

A cura della Redazione Pubblichiamo la lettera aperta di Noi Rete Donne ai leader dei partiti politici per una effettiva democrazia paritaria

Una pronuncia non neutrale

Pubblicato in |

Anna Losurdo
Il diritto all’aborto non è protetto dalla Costituzione degli Stati uniti

La passione del Ragioniere dello Stato per la Puglia: il 28 giugno in visita a Novoli e Lecce

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il Ragioniere generale dello Stato dr. Biagio Mazzotta sarà per la terza volta nella regione dall’inizio del suo mandato

Nuove norme nei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie

Pubblicato in |

Anna Losurdo
L’art. 1 della Legge 26.11.2021 n. 206 contiene disposizioni di diretta applicazione entrate in vigore il 22 giugno 2022

La strategia UE sui diritti dei minori

Pubblicato in |

Anna Losurdo
I diritti delle persone di minore età sono diritti umani

Filiazione materna sempre meno invisibile

Pubblicato in ||

Stefania Stefanelli
Una appliazione della tutela costituzionale dell’identità dei figli