Partito il processo tributario telematico

Partito il processo tributario telematico

di Antonio Damascelli (Avvocato in Bari e Presidente di U.N.CA.T.)

Il 1° luglio 2019 è diventato obbligatorio su tutto il territorio nazionale il processo tributario telematico, vale a dire che gli atti ed i provvedimenti del processo tributario devono essere formati come documenti informatici sottoscritti con firma elettronica qualificata o firma digitale.

Per
gli avvocati il decollo del ptt non costituisce una novità assoluta, essendo
già obbligatorio il sistema telematico nel processo civile.

Applicazioni

a) ricorsi notificati a partire dal 1° luglio 2019: per questi ricorsi e relativi allegati il deposito nelle segreterie dovrà avvenire necessariamente in via telematica, attraverso il sistema SIGIT (Sistema informativo della giustizia tributaria), previa abilitazione del singolo utente;

b) per i ricorsi notificati prima del 1° luglio 2019, invece, i depositi potranno essere eseguiti anche con modalità cartacea, a condizione che la notifica del ricorso (o dell’appello) sia avvenuta con la modalità cartacea (notifica con racc. a/r o a mezzo uff. giudiziario oppure mediante deposito all’Agenzia).

c)
questa regola è contenuta nell’art. 16 comma 5 del d.l. 119/2018 conv. dalla
legge n. 136/18.

d) la
modalità telematica, invece, è facoltativa per i soggetti che stanno in
giudizio senza l’assistenza del difensore (controversie di valore non superiore
a tremila euro)

Efficacia delle notifiche

A
differenza del processo civile (prima ancora che la Corte Costituzionale con la
sentenza n. 75/19 dichiarasse l’incostituzionalità dell’art. 17 septies del
d.l. 179/12 nella parte in cui prevedeva che la notifica eseguita con modalità
telematiche, la cui ricevuta di accettazione è generata dopo le ore 21 ed entro
le ore 24, si perfeziona per il notificante alle ore 7 del giorno successivo,
anziché al momento di generazione della predetta ricevuta) le comunicazioni e
le notificazioni dei documenti informatici tramite pec si considerano
effettuate, ai fini della decorrenza dei termini processuali, per i mittente,
al momento dell’invio al proprio gestore attestato dalla relativa ricevuta di
accettazione  e, per il destinatario, al
momento in cui la notificazione o comunicazione dei documenti informatici è
resa disponibile nella casella di posta elettronica certificata (art. 8 D.M. 23
dicembre 2013 n. 163).

Ai sensi
del comma 2 della stessa disposizione normativa, il deposito dei documenti
informatici presso le segreteria della Commissione tributaria si intende
eseguito al momento attestato dalla ricevuta di accettazione rilasciata dal
Sigit.

Le modifiche recate dal d.l. n. 119/18 conv. da L. 247/18

L’art.
16 di questo decreto ha introdotto alcune significative modifiche, oltre quella
segnalata sopra sub d):

a) in caso di pluralità di difensori, la comunicazione si perfeziona con la ricezione avvenuta nei confronti di almeno uno dei difensori della parte;

b) qualora il difensore non indichi la propria pec o non sia reperibile da pubblici elenchi né sia avvenuta la consegna del messaggio pec per cause imputabili al destinatario, le comunicazioni avvengono mediante deposito nella segreteria della Commissione tributaria.

In
queste stesse ipotesi, le notificazioni avvengono ai sensi dell’art. 16 d.lgs.
546/92, cioè secondo le norme di cui all’art. 137 e segg. c.p.c. o a mezzo del
servizio postale con racc. a/r oppure, da parte degli enti impositori o
riscossori, a mezzo dei messi autorizzati.

c) nel compimento delle attestazioni di conformità, il difensore assume la veste di pubblico ufficiale.

Quest’ultima
disposizione è pericolosa perché, a parte ogni altra considerazione che non può
essere svolta in questa sede, secondo la morfologia della norma avrebbe
carattere retroattivo (solo le disposizioni contemplate al comma 1 lett. a) nn.
4 e 5 si applicano ai ricorsi notificati dal 1° luglio 2019), in contrasto col
principio di irretroattività della legge penale (eventuali reati derivanti
dalla veste di pubblico ufficiale, come il falso attestato di conformità).

d) l’ultima novità del decreto è costituita dalla partecipazione delle parti all’udienza pubblica a distanza, mediante collegamento audiovisivo tra l’aula di udienza e il luogo del domicilio indicato dal contribuente. L’applicazione della disposizione è rimessa a futuri provvedimenti direttoriali.

Pic: https://i2.wp.com/www.fisco7.it/wp-content/uploads/processo-tributario-telematico.jpg?fit=1200%2C720&ssl=1

http://www.mef.gov.it/ufficio-stampa/comunicati/2019/documenti/prot._5764-19_Circolare_PTT_4-7-2019.pdf

le line guida nella circolare del MEF:
https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2019/07/MEF-linee-guida-PTT-prot._5764-19_Circolare_PTT_4-7-2019-1.pdf

Archivio

Indice

News: ultimi articoli

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre.

La riapertura in Puglia

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il testo dell’ordinanza n 237 della Regione Puglia per la riapertura delle attività economiche e produttive

Pensare l’impensabile

Pubblicato in

A cura della Redazione

Diretta Facebook giovedì 14 maggio 2020, ore 14.30 sulla pagina di AFI Associazione dei Futuristi Italiani https://www.facebook.com/futuristitaliani/

Orfani per crimini domestici: le raccomandazioni dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza

Pubblicato in

A cura della Redazione
Indicazioni rivolte a legislatore, ministeri e istituzioni. Pubblicato un documento di studio e proposta

Disegnopensoecanto

Pubblicato in |

Rosa T. Chieco (Presidente Associazione Avvocati per i Minorenni Bari-Trani)
Si è scelta la strada dell’arte per esorcizzare le angosce e per proiettare i bambini in un sistema che li ha resi protagonisti

LA LEALE COLLABORAZIONE TRA LE ISTITUZIONI E’ LA CHIAVE PER AFFRONTARE L’EMERGENZA

Pubblicato in

A cura della Redazione
La relazione della Presidente Marta Cartabia sull’attività nel 2019 della Corte Costituzionale

Il petrolio al tempo dalla pandemia

Pubblicato in |

Corrado Crocetta (Docente di Statistica Università di Foggia
Quanto è accaduto in questi giorni è sicuramente un evento raro, ma potrebbe anche ripetersi stante il perdurare di questa situazione eccezionale

Lo stop alle attività economiche

Pubblicato in |||

Loredana e Alessandra Papa (Avvocate in Bari e in Treviso)
Trascorso il periodo di emergenza, ci si potrà interrogare sugli effetti di (eventuali) provvedimenti assunti in violazione delle norme e dei principi che regolano l’azione amministrativa

GIUDICI SENZA GIUSTIZIA

Pubblicato in

A cura della Redazione
Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta della Associazione ASSOGOT

Curare le relazioni per garantire i diritti

Pubblicato in ||||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e per l’adolescenza)
Tracciato il bilancio di quattro anni di incarico: chiesti per l’Agia pareri obbligatori sulle leggi, poteri di ispezione, possibilità di intervento in giudizio e una struttura del personale stabile

Dagli all’untore, dagli all’Avvocato

Pubblicato in ||||

Antonio De Michele (Avvocato in Termoli)
Per la sciaguratezza di pochi, rischia di essere minata la credibilità di tanti

L’assurda sorte dei magistrati onorari ai tempi del COVID19, al lavoro senza soldi e senza tutele

Pubblicato in

A cura della Redazione
Pubblichiamo il comunicato delle associazioni di categoria