Rosa Marina: quando un magistrato e un avvocato fanno vincere l'arte

Rosa Marina: un giudice e un avvocato fanno vincere l’arte

a cura della Redazione

Giorgio Pica ed Enzo Varricchio sono entrambi giuristi, l’uno magistrato, l’altro avvocato. Allo stesso tempo sono due artisti, l’uno pittore e fotografo, l’altro scrittore e critico d’arte.

Dalla loro collaborazione non nascono cause e sentenze (lavorano in due sedi diverse) bensì opere d’arte e libri.
Prima con Visual Poetry (Poesie da guardare) e poi con l’appena uscito “Rosa Marina“, i due autori mostrano di conoscere bene le possibilità dello sguardo umano di cogliere l’ineffabile, di trasformare le immagini in poesia e la poesia in immagini.

Pubblichiamo in esclusiva l’intera prefazione di Enzo Varricchio al volume “Rosa Marina”, edito da Giuseppe Laterza, che sarà presentato nello stesso villaggio il 4 agosto 2019 alle ore 19.30

“A Rosa Marina il tempo non scorre come in città e un minuto è fatto di sessanta intensi secondi. Rosa Marina è l’Estate, è il paese dell’eterna giovinezza”.
(Storia di Rosamarina, di M. Pagone – I. Piliego, 2015)

Rosa Marina, iconografia di un mito.

Un mito moderno, piccolo o grande che sia, si consegna ai posteri con le immagini.
La storia dell’umanità è sempre storia di fantasmi e di immagini, perché è nell’immaginazione che ha luogo la frattura fra l’individuale e l’impersonale, il molteplice e l’unico, il sensibile e l’intellegibile e, insieme, il compito della sua dialettica ricomposizione. Le immagini sono il resto, la traccia di quanto gli uomini che ci hanno preceduto hanno sperato e desiderato, temuto e rimosso. E poiché è nell’immaginazione che qualcosa come una storia è diventata possibile, è attraverso l’immaginazione che essa deve ogni volta nuovamente decidersi” (Giorgio Agamben, Ninfe, 2007)

L’ultima fatica fotografica di Giorgio PICA dedicata a Rosa Marina di Ostuni assolve a questa funzione dialettica: contrapporre un’antitesi immaginifica alle diverse interpretazioni di un luogo che da quasi sessant’anni è una piccola città turistica ripopolata d’estate dai più o meno soliti proprietari delle ville, nonché espressione di una subspecie di cultura autoctona, piuttosto che un villaggio turistico/non luogo che ogni settimana cambia villeggianti occasionali che non ritorneranno.

Perciò, il lavoro di PICA non è rappresentativo in senso materiale della vita di questo borgo marittimo – nulla racconta di personaggi ed eventi -, bensì concettuale poiché esalta, senza dichiararlo, il ruolo simbolico di Rosa Marina, già di per sé insito nel nome di un fiore tanto evocativo quanto inesistente in natura.

Rosa Marina è ormai mitica, un po’ come la Fregene cinematografica o la Rimini felliniana, per essere uno dei pochi, forse l’unico, villaggio vacanze al mondo a essere stato scelto come teatro di un romanzo, e poi quale oggetto di una “storia”, nel senso di una ricostruzione scritta e documentata delle sue vicende dalle origini, nei primi anni Sessanta del secolo scorso, sino ai giorni nostri.

Nel 2011 ambientavo a Rosa Marina il mio thriller Quell’estate prima della fine del mondo, edito dallo stesso Giuseppe Laterza che pubblica questo volume, un romanzo così fortunato da essere recensito persino dal The Wall Street Journal. Al giornalista americano che mi chiedeva se Rosadimare fosse un luogo reale, risposi: It’s a kind of magic, real and fantastic, both. È un luogo magico, un po’ reale un po’ fantastico.

Nel 2015 usciva Storia di Rosa Marina, il racconto dettagliato dei cambiamenti del villaggio nel corso del tempo ma soprattutto delle gesta del suo lungimirante fondatore, l’ebreo austro-canadese Max Schachter, anch’egli già avvolto da un alone di leggenda, scritto dai due progettisti che lo affiancarono nell’opera.

La fortuna di Rosa Marina è quella di essere un Eldorado a portata di mano, un piccolo eden vacanziero, uno storico status symbol incastonato nello spettacolo della Valle d’Itria. Ciononostante, a parte qualche depliant turistico, nessuna pubblicazione aveva sinora immortalato iconograficamente il contesto ambientale e umano che rende un posto così speciale, pur essendo appunta una sorta di “luogo comune”.

Solo un esperto maestro come PICA, poeta visivo, pittore e intellettuale dotto e raffinatissimo, sarebbe potuto riuscire nell’impresa di offrire nuova luce e nuovo sguardo a colori, emozioni, ricordi e stati d’animo che questo gioiello pugliese regala ai suoi privilegiati frequentatori stagionali.

è possibile leggere qui la prefazione completa:
https://www.oralegalenews.it/wp-content/uploads/2019/07/PicaRosamarina.pdf

Archivio

Indice

News: ultimi articoli

Una statua per San Nicola: dalla comunità per la comunità

Pubblicato in

A cura della Readazione
Una statua per San Nicola: dalla comunità per la comunità.
Domani presso la sede dell’Autorità portuale le associazioni e i cittadini incontreranno le Autorità per iniziare la discussione sul dove e come costruire il monumento

Rischio calcolato

Pubblicato in

Rischio Calcolato. Diretto, montato e suonato da Marco Pezzella. 5 minuti a settimana in cui si racconta la ripresa della socialità.

Sesso, genere e identità di genere

Pubblicato in |||

Stefano Chinotti
Vertendosi in materia di diritto, sarebbe auspicabile che dall’antropologia e dalla sociologia il piano di discussione fosse traslato su quello delle scienze giuridiche

Contromo-transfobia

Pubblicato in |||

Angelo Schillaci
Una legge che non parla solo di repressione, ma anche di promozione della cittadinanza; una legge non contro qualcuno o qualcosa, ma una legge per la (pari) dignità delle persone

Diritto alla parità di retribuzione: Il Comitato europeo dei diritti sociali riscontra violazioni in 14 paesi

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il comunicato stampa del Comitato europeo dei diritti sociali

Un volume per i 150 anni della Ragioneria dello Stato

Pubblicato in

A cura della Redazione
La Ragioneria Generale dello Stato. Che cos’è, che fa? Un volume appena pubblicato si occupa di raccontare la storia di questa gloriosa Istituzione.

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Pubblicato in |||

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

L’Autorità garante a Conte: “Ora una strategia unitaria per porre al centro bambini e ragazzi”

Pubblicato in

A cura della Redazione
Vanno varati un piano straordinario di interventi, formulato ascoltando la voce e le opinioni degli stessi minorenni secondo sistemi strutturati di partecipazione, e definite linee di bilancio ad hoc per l’infanzia e l’adolescenza come già richiesto dall’Onu all’Italia

A che servono gli Avvocati?

Pubblicato in

Rosanna Mura
Serve un segnale che dica chiaro e forte che senza di noi, senza la nostra voce, la giustizia non riparte

Ripianificare le ferie

Pubblicato in |||

Enzo Cianciotta
Bisogna, se le condizioni oggettive lo consentono, provare a tenere le saracinesche sempre alzate

IPSE DIXIT: videointervista al giudice che scrisse sul sistema Trani

Pubblicato in

A cura della Redazione
IPSE DIXIT: videointervista al giudice che scrisse sul sistema Trani

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo