UNA MASCHERINA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE,CONTRO LE MAFIE, CONTRO IL COVID-19

UNA MASCHERINA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE, CONTRO LE MAFIE, CONTRO IL COVID-19

A cura della Redazione

In un bene confiscato alla camorra a Casal di Principe (CE) nasce il laboratorio per produrre i presidi contro il coronavirus:

saranno destinati alle operatrici dei Centri antiviolenza di tutta Italia e
contribuiranno a sostenere l’autonomia delle donne in uscita dalla violenza.

Una iniziativa della Cooperativa Sociale EVA con il supporto di CO2 Crisis Opportunity Onlus, Associazione daSud, Rete San Leucio Textile e Consorzio Agrorinasce

Casal di Principe, 22 aprile 2020 – Restare a casa per contrastare il contagio e contribuire a fermare la spirale di sofferenza che in modi diversi accomuna tutti al fine di tutelare e garantire la salute dell’intera comunità. Una misura che per la maggior parte della popolazione risulterà apparentemente semplice da rispettare in virtù del sacrificio minimo richiesto per fronteggiare la ferocia del Covid19 e che invece può non esserlo per le tante donne vittime di violenza per le quali l’obbligo di isolamento a casa può trasformarsi in un vero e proprio incubo. Perché se già in condizioni normali è estremamente complicato liberarsi dalla violenza agita da mariti, compagni, padri, uomini dentro le mura domestiche, adesso – con le donne costrette nelle loro abitazioni –
lo è ancora di più.

Fortunatamente le realtà che, da sempre e quotidianamente, si occupano della condizione delle donne anche in questa occasione si sono fatte trovare pronte e anzi hanno fatto in modo di mettersi ancora di più al servizio dell’intera collettività. In questo contesto, un aiuto concreto arriva dal Sud, quel Sud additato anche in questo periodo come esempio negativo: per il sistema sanitario deficitario e la presenza delle mafie che ostacolerebbero i finanziamenti dall’Unione europea.

Qui, in una realtà complessa come la Campania, da 20 anni opera la Cooperativa Sociale EVA – un modello per tutto il Paese nella prevenzione e il contrasto della violenza maschile contro le donne e i bambini.
Gestisce cinque Centri antiviolenza e tre case rifugio, tra cui Casa Lorena, Casa delle donne contro la violenza.
Un luogo concreto e dell’anima che risponde praticamente e simbolicamente a tutte le dimensioni sopra citate. È infatti un centro che è stato realizzato in un bene confiscato alla camorra e pensato per accogliere e sostenere donne vittime di maltrattamento e abuso intra ed extra familiare.

Ma quello che lo rende ancora più utile è la scelta di non fermarsi ai percorsi di uscita dalla violenza, ma di dare alle donne anche l’opportunità di autodeterminarsi da un punto di vista lavorativo. Sia grazie alla presenza di uno sportello di orientamento alla formazione e al lavoro, sia perché la cooperativa E.V.A. ha deciso di investire direttamente in interventi di inserimento lavorativo per sostenere l’autonomia economica delle donne realizzando “Le ghiottonerie di Casa Lorena”, un laboratorio di catering, di produzione di confetture e pasticceria.

Adesso compie un passo in più: insieme alle associazioni Co2 Crisis Opportunity Onlus, daSud APS, la Rete San Leucio Textile e il Consorzio Agrorinasce, con un finanziamento della Regione Campania per il buon utilizzo dei beni confiscati, ha avviato un laboratorio per produrre accessori di alta moda sempre in un bene confiscato al clan dei Casalesi.
A causa di questa terribile pandemia, ha deciso di rimodulare temporaneamente l’attività e di impegnare le donne fuoriuscite da situazioni di violenza nella produzione di mascherine contro il
virus.

«Viviamo tutti settimane molto difficili – afferma Lella Palladino della Cooperativa Sociale EVA – ma ci sono territori nel nostro Paese in cui le difficoltà diventano drammatiche: le diseguaglianze sociali preesistenti durante la quarantena si acuiscono. È quindi oggi più che mai indispensabile sostenere l’autonomia economica delle donne più in difficoltà reagendo alla crisi con azioni concrete che promuovano occupazione ed empowerment».

Inoltre i presidi di protezione confezionati dalla Cooperativa EVA saranno anche destinati gratuitamente alle operatrici dei Centri antiviolenza di tutta Italia. Un’idea potente e una sperimentazione virtuosa – capace per la prima volta in Italia di tenere insieme il contrasto alle mafie, alla violenza di genere e al contagio.

Purtroppo però quel finanziamento da solo non è sufficiente a raggiungere obiettivi tanto ambiziosi. Come spiegano le organizzazioni promotrici dell’iniziativa, «c’è bisogno del sostegno e del supporto delle tante e dei tanti che, credono nelle potenzialità e nella forza di questo progetto per dimostrare da subito che l’esperienza negativa che stiamo vivendo porta con sé qualcosa di straordinario e cioè la costruzione di una società migliore che non lascia indietro nessuna».

Presto sarà così avviata una campagna di raccolta fondi a sostegno di una mascherina contro la violenza sulle donne, contro le mafie, contro il Covid19.
Per maggiori informazioni: www.cooperativaeva.com

Archivio

Indice

News: ultimi articoli

Libere di…VIVERE

Pubblicato in

Claudia Segre
Oggi la conferenza online “Benessere famigliare e inclusione sociale come riscatto della Società post Covid-19”

La Giornata Regionale contro le Solitudini 2020

Pubblicato in

A cura della Redazione
Venerdì 16 ottobre alle ore 18,00 presso l’Auditorium del Liceo Salvemini.
Prenotazione obbligatoria allo 080 5741461 o all’indirizzo info@giraffaonlus.it

Sorridi alla salute

Pubblicato in

A cura della Redazione
Giornata Internazionale dell’Igienista dentale 2020 “Sorridi alla Salute”
10 Ottobre 2020

Una statua per San Nicola: nominato il comitato scientifico

Pubblicato in

A cura della Redazione
Si inizia con le valutazioni di impatto ambientale, la valutazione della sostenibilità economica dell’opera e la redazione di un business plan, le questioni merceologiche e in seguito quelle artistiche

GLI ULTIMI GIAPPONESI

Pubblicato in |||

Patrizia Tilli (Direttivo ASSOGOT)
Dopo la sentenza UX della Corte di Giustizia, alla magistratura onoraria vanno applicate tutte le tutele riconosciute a lavoratori e lavoratrici e un’adeguata retribuzione

Non c’è più tempo

Pubblicato in |||||

Angelo Schillaci
Storie come quella di Caivano ci ricordano che la proposta di legge contro l’omotranslesbofobia non è un capriccio

Junk science

Pubblicato in |||||

Andrea Mazzeo
Il mancato riconoscimento della PAS come malattia è dovuto alla mancanza di studi, clinici, epidemiologici, riconosciuti dalla comunità scientifica

Che cos’è arte oggi

Pubblicato in |

Fiorenzo Barzaghi
La banana di Cattelan e i murales di Banksy non hanno nulla a che vedere con i capolavori di Botticelli o Leonardo ma sono le più famose opere d’arte del nostro tempo

Una statua per San Nicola: dalla comunità per la comunità

Pubblicato in

A cura della Readazione
Una statua per San Nicola: dalla comunità per la comunità.
Domani presso la sede dell’Autorità portuale le associazioni e i cittadini incontreranno le Autorità per iniziare la discussione sul dove e come costruire il monumento

Rischio calcolato

Pubblicato in

Rischio Calcolato. Diretto, montato e suonato da Marco Pezzella. 5 minuti a settimana in cui si racconta la ripresa della socialità.

Sesso, genere e identità di genere

Pubblicato in |||

Stefano Chinotti
Vertendosi in materia di diritto, sarebbe auspicabile che dall’antropologia e dalla sociologia il piano di discussione fosse traslato su quello delle scienze giuridiche

Contromo-transfobia

Pubblicato in |||

Angelo Schillaci
Una legge che non parla solo di repressione, ma anche di promozione della cittadinanza; una legge non contro qualcuno o qualcosa, ma una legge per la (pari) dignità delle persone