fractal-1703486

A che servono gli Avvocati?

di Rosanna Mura (Avvocata in Cagliari)

A cosa servono gli Avvocati? Una catena umana intorno ai tribunali per ripartire.

Da marzo i nostri studi sono aperti, considerati importanti e necessari per il lavoro che assicuriamo.
E però il silenzio che ormai contraddistingue i tribunali segnala che qualcosa non va.
Siamo lontani dalle aule, lontano dallo stare insieme che abbiamo sempre conosciuto: Foro nel senso più antico di questo termine.
Il tribunale per i tanti colleghi e colleghe che lo frequentano è luogo di incontro, di scambio di idee, di parola. Restare in aula anche quando il processo che viene trattato non è il tuo permette di imparare, di capire, di discutere.

Il nostro è un lavoro di parola e di pensiero.

Oggi ci sentiamo penso un po’ stanchi di dover guardare dalla finestra, di poter solo discutere tra colleghi di studio, quando ci sono.
In questi giorni mentre vado nel mio studio e percorro la stessa strada di sempre, passo accanto al tribunale e lo guardo con un misto di tristezza e rimpianto.
In quel palazzo ho fatto chilometri a piedi, ho corso da un piano all’altro per inseguire udienze e orari d’ufficio, ho passato ore in consiglio a cercare di fare qualcosa di utile per gli altri colleghi e colleghe, ho visto qualche alba spuntare quando ci sono state le elezioni e i numeri correvano rapidi sui tabelloni delle preferenze a disegnare nuovi scenari.
È stata per oltre vent’anni la mia seconda casa, fatta di visi e voci conosciute, di strade che potevi percorrere dentro per andare da una parte all’altra più rapidamente possibile quasi ad occhi chiusi.

Oggi questo mondo, il mio, è silenziosamente vuoto.

E con quel silenzio si perde una voce importante, la nostra che serve a dare parola a chi non ne ha, a chi spesso nasce dalla parte sbagliata o ci si mette da solo ma è comunque soggetto di diritto.
Mentre camminavo e ho, come sempre, sollevato lo sguardo per rileggere il motto che campeggia sulla parte frontale del palazzo, ho pensato che al di là di tutte le discussioni, le polemiche, le manifestazioni di protesta (giuste peraltro) a me piacerebbe farne una simbolica: una catena umana intorno al tribunale per spiegare a tutti che quel luogo per noi è importante, che lo vorremmo vedere di nuovo popolato dalle nostre voci e dai nostri visi, anche se con una mascherina indosso.

Per chi questo lavoro lo ha scelto, per chi ci si è trovato e se ne è innamorato nel tempo, serve un segnale che dica chiaro e forte che senza di noi, senza la nostra voce, la giustizia non riparte.

Image credit: PIRO4D da Pixabay

Archivio

Indice

News: ultimi articoli

Contromotransfobia

Pubblicato in

Angelo Schillaci
Una legge che non parla solo di repressione, ma anche di promozione della cittadinanza; una legge non contro qualcuno o qualcosa, ma una legge per la (pari) dignità delle persone

Diritto alla parità di retribuzione: Il Comitato europeo dei diritti sociali riscontra violazioni in 14 paesi

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il comunicato stampa del Comitato europeo dei diritti sociali

Un volume per i 150 anni della Ragioneria dello Stato

Pubblicato in

A cura della Redazione
La Ragioneria Generale dello Stato. Che cos’è, che fa? Un volume appena pubblicato si occupa di raccontare la storia di questa gloriosa Istituzione.

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Pubblicato in |||

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

L’Autorità garante a Conte: “Ora una strategia unitaria per porre al centro bambini e ragazzi”

Pubblicato in

A cura della Redazione
Vanno varati un piano straordinario di interventi, formulato ascoltando la voce e le opinioni degli stessi minorenni secondo sistemi strutturati di partecipazione, e definite linee di bilancio ad hoc per l’infanzia e l’adolescenza come già richiesto dall’Onu all’Italia

Ripianificare le ferie nell’anno della pandemia

Pubblicato in |

Enzo Cianciotta (HR Specialist – Milano)
Bisogna, se le condizioni oggettive lo consentono, provare a tenere le saracinesche sempre alzate

IPSE DIXIT: videointervista al giudice che scrisse sul sistema Trani

Pubblicato in

A cura della Redazione
IPSE DIXIT: videointervista al giudice che scrisse sul sistema Trani

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

La riapertura in Puglia

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il testo dell’ordinanza n 237 della Regione Puglia per la riapertura delle attività economiche e produttive

Pensare l’impensabile

Pubblicato in

A cura della Redazione

Diretta Facebook giovedì 14 maggio 2020, ore 14.30 sulla pagina di AFI Associazione dei Futuristi Italiani https://www.facebook.com/futuristitaliani/

Orfani per crimini domestici: le raccomandazioni dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza

Pubblicato in

A cura della Redazione
Indicazioni rivolte a legislatore, ministeri e istituzioni. Pubblicato un documento di studio e proposta