Ripianificare le ferie

Ripianificare le ferie

di Enzo Cianciotta (HR Specialist – Milano)

Uno studio effettuato da CERVED per l’ANCI e presentato il giorno 8 giugno evidenzia che per effetto della crisi generata dalla pandemia ”le città metropolitane potrebbero subire nel prossimo biennio una perdita di fatturato dai 244 ai 320 miliardi di euro, quasi la metà del totale nazionale”.
I settori più esposti sono quelli dell’automotive, turismo, trasporto marittimo e raffinazione petrolifera e, per conseguenza, le città che verosimilmente saranno più colpite in termini di riduzione percentuale sono quelle in cui dette attività sono particolarmente concentrate: Torino, Venezia, Genova e Cagliari.

Il trauma per le organizzazioni è un tema particolarmente discusso tra gli addetti ai lavori. Ci si interroga sul fatto che si è scoperto improvvisamente che molte cose sono diverse da come ce le siamo raccontate fino a ieri. Sono cadute diverse certezze sulle attuali strutture organizzative (responsabilità e ruoli), processi, capacità necessarie e stili di direzione. Ci si interroga su attività e ruoli che sembravano indispensabili e centrali e che, invece, si scoprono molto meno importanti, a volte quasi inutili nel nuovo contesto.

Le imprese sono di fronte alla necessità di avviare una forzata revisione dei modelli organizzativi imposta dai fatti.
Il punto è avere la determinazione di ispezionare fino in fondo e capire che cosa conservare delle attuali organizzazioni e che cosa cambiare “approfittando” dell’occasione.
Intanto, nella fase attuale, la gran parte delle aziende, dopo il fermo imposto dalla decretazione di urgenza, prova a ripartire tra molte incertezze. Un freno è rappresentato dal dover curare il rilancio delle attività a ridosso del canonico periodo di ferie e, quindi, la gestione della ripartenza rischia di risultare poco convinta.

Non ci si può permettere di perdere il treno della ripresa nel momento in cui sta provando timidamente a rimettersi in moto.
Di fatto è necessario reagire in un contesto profondamente cambiato con iniziative coraggiose; è indispensabile affrontare i mesi estivi come se fossero quelli cruciali di ogni azienda: quelli del primo semestre.
Bisogna, se le condizioni oggettive lo consentono, provare a tenere le saracinesche sempre alzate.

Se è vero che l’Italia non è più quella disegnata dal miracolo economico, quando in agosto le città venivano abbandonate a sé stesse, è altrettanto vero che, ancora nel 2019, 23,8 mln di italiani, pari al 42% della popolazione, ha continuato a prendere le ferie nel mese dedicato sin dai tempi dei romani (Feriae Augusti) al riposo.

Giova ricordare che l’articolo 36 della Costituzione sancisce il diritto irrinunciabile alle ferie per il lavoratore e il Codice Civile (art. 2109) riserva al datore la decisione sul periodo da concedere, tenendo conto delle esigenze dell’impresa e degli interessi del dipendente.
Nel contesto attuale questi elementi sono in buona parte convergenti: se è vero che il 2020 verrà archiviato con una riduzione del PIL superiore al 10%, datori di lavoro e dipendenti non possono non essere accomunati dall’obiettivo di una pronta ripresa delle attività aziendali, dalla necessità di assicurare continuità alla produzione e, perciò, organizzare in maniera radicalmente diversa le attività durante il periodo estivo dell’anno corrente.

In una situazione così disruptive bisogna agire con coraggio, programmando le ferie secondo una pianificazione più ampia, sfruttando anche i mesi di giugno e settembre. Fondamentale sarà la capacità di confrontarsi e dialogare con i dipendenti. Nei contesti di maggiore dimensioni aziendali bisognerà cercare la fattiva e convinta partecipazione delle rappresentanze sindacali.

Per favorire questo significativo cambiamento è opportuno che le aziende si facciano carico di potenziare il welfare aziendale. Cambiare i piani delle ferie estive per i dipendenti richiama la responsabilità – anche sociale – delle aziende, che devono mettere in condizione i lavoratori di perseguire la migliore work-life integration.
I lavoratori nella vita privata sono genitori: le aziende sono chiamate a promuovere iniziative dedicate ai figli dei dipendenti, particolarmente bisognosi di aiuto nella fase post-emergenza COVID-19. Iniziative di supporto, orientamento scolastico e professionale, introduzione alle nuove competenze sono strumenti di welfare poco impegnativi economicamente e molto efficaci socialmente.
Ma i lavoratori sono anche figli: le iniziative di welfare dedicate agli anziani, in particolare in termini di assistenza durante i mesi estivi, possono essere un valido strumento per combattere le fragilità sociali e creare benessere organizzativo per l’azienda.

Una pianificazione delle ferie distribuita su quattro mesi anziché su due genera ulteriori vantaggi: benefici per le strutture ricettive, che potranno raggiungere una migliore destagionalizzazione, migliore presidio del rischio da contagio, grazie a minore affollamento e più facile mantenimento del distanziamento sociale e, non ultimo, riduzione dei costi della vacanza, non più soggetti ai picchi dell’alta stagione.

Image credit: PIRO4D da Pixabay

Archivio

Indice

News: ultimi articoli

Una statua per San Nicola: dalla comunità per la comunità

Pubblicato in

A cura della Readazione
Una statua per San Nicola: dalla comunità per la comunità.
Domani presso la sede dell’Autorità portuale le associazioni e i cittadini incontreranno le Autorità per iniziare la discussione sul dove e come costruire il monumento

Rischio calcolato

Pubblicato in

Rischio Calcolato. Diretto, montato e suonato da Marco Pezzella. 5 minuti a settimana in cui si racconta la ripresa della socialità.

Sesso, genere e identità di genere

Pubblicato in |||

Stefano Chinotti
Vertendosi in materia di diritto, sarebbe auspicabile che dall’antropologia e dalla sociologia il piano di discussione fosse traslato su quello delle scienze giuridiche

Contromo-transfobia

Pubblicato in |||

Angelo Schillaci
Una legge che non parla solo di repressione, ma anche di promozione della cittadinanza; una legge non contro qualcuno o qualcosa, ma una legge per la (pari) dignità delle persone

Diritto alla parità di retribuzione: Il Comitato europeo dei diritti sociali riscontra violazioni in 14 paesi

Pubblicato in

A cura della Redazione
Il comunicato stampa del Comitato europeo dei diritti sociali

Un volume per i 150 anni della Ragioneria dello Stato

Pubblicato in

A cura della Redazione
La Ragioneria Generale dello Stato. Che cos’è, che fa? Un volume appena pubblicato si occupa di raccontare la storia di questa gloriosa Istituzione.

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Pubblicato in |||

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

L’Autorità garante a Conte: “Ora una strategia unitaria per porre al centro bambini e ragazzi”

Pubblicato in

A cura della Redazione
Vanno varati un piano straordinario di interventi, formulato ascoltando la voce e le opinioni degli stessi minorenni secondo sistemi strutturati di partecipazione, e definite linee di bilancio ad hoc per l’infanzia e l’adolescenza come già richiesto dall’Onu all’Italia

A che servono gli Avvocati?

Pubblicato in

Rosanna Mura
Serve un segnale che dica chiaro e forte che senza di noi, senza la nostra voce, la giustizia non riparte

IPSE DIXIT: videointervista al giudice che scrisse sul sistema Trani

Pubblicato in

A cura della Redazione
IPSE DIXIT: videointervista al giudice che scrisse sul sistema Trani

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre