La lingua che crea

La lingua che crea

di Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale)

La parola che crea: il linguaggio strumento di creatività

Noi usiamo il linguaggio in due modi diversi: per rappresentare la nostra esperienza e il linguaggio, diventa così un sistema di rappresentazione, un modello della nostra esperienza basato sulla nostra percezione oppure per trasmettere agli altri questo modello, la nostra rappresentazione del mondo.
Le persone più creative dispongono di una rappresentazione, cioè di un modello, più efficace che permette loro un’ampia gamma di opzioni e di scelte. Altri invece sulla base delle proprie esperienze pensano di avere a disposizione solo poche opzioni.
Non è quindi il mondo che è limitato e senza alternative, ma il modello mentale che ad alcuni impedisce di individuare le diverse possibilità perché non fanno parte dei loro modelli del mondo. Ampliare la nostra mappa del mondo significa quindi avere a disposizione un maggior numero di scelte possibili che vuol dire passare da un pensiero unico ai pensieri multipli.

Il linguaggio è quindi una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti. Le parole quindi condizionano le nostre azioni.
Per mettere in discussione il mondo, per iniziare a cambiarlo, è importante descriverlo in modo diverso; le parole ci permettono di farlo, attraverso le domande.

Ce ne sono quattro, anzi cinque, alla base di qualsiasi sistema di innovazione: la prima è una domanda retorica: Questo modo è l’unico modo? a cui seguono le altre quattro, allora cosa posso fare in maniera diversa? cosa posso smettere di fare? cosa posso iniziare a fare? E infine, cosa devo continuare a fare? Le quattro domande sono una delle tecniche creative che utilizziamo per generare idee.

Ma vi sono molte altre tecniche che si basano sulle domande: il lipogramma, il 5W, la tecnica del perché, gli incontri forzati, il cosa accadrebbe se…
La nostra metodologia del Creative Solution Finding si fonda sull’uso delle domande a partire dal come posso fare per… che sigla l’inizio di ogni frase sfida per la ricerca di soluzioni creative fino al chi fa cosa, con chi e quando? che rappresenta la fine del percorso laddove l’idea diventa progetto.
Infine ci sono le metafore che vengono utilizzate come tecniche creative poichè consentono di spostarci da un universo all’altro, con semplicità e divertimento, svelano l’impossibile che diventa così possibile.

Tuttavia il linguaggio può costituire anche un ostacolo alla creatività.
Esistono infatti dei fattori psicologici che favoriscono il mantenimento dello status quo rispetto ad un possibile cambiamento e le ricerche degli psicologi Daniel Kahneman e Amos Tversky dei primi anni ’70 hanno stabilito che per le persone è preferibile mantenere ciò che si ha e si conosce e non si vuol perdere piuttosto che rischiare per un qualcosa di nuovo che potrebbe portare a dei probabili vantaggi, ma anche a dei sicuri rischi.

Per questo è comprensibile trovare chi ostacola la creatività e ogni tipo di cambiamento e di innovazione. Definisco queste persone “killer delle idee” perché sopprimono ogni nuova proposta, ogni ipotesi. Lo fanno in buona fede naturalmente, ma lo fanno. Mai sentito frasi come: “Certo, è molto interessante, ma…” oppure “Si, ma…” che sembrano approvare ma che stroncano ogni idea sul nascere e via dicendo fino alla madre di tutte le obiezioni: “ma abbiamo sempre fatto così…”.

I giudizi sono usati perché son comodi, evitano di pensare, di affrontare ciò che non si conosce e quindi meglio giudicare piuttosto che prendersi la responsabilità di mettere in discussione le proprie comode certezze. Nel corso degli anni abbiamo ideato uno strumento per neutralizzare pacificamente questi “killer delle idee”.
Si tratta di un semplice foglietto di carta con un disegno divertente ed una sola parola: antikiller. Semplice ed efficace.

Durante i workshop i foglietti di carta in grande quantità a disposizione di tutti, vengono disposti sul tavolo o per terra. In ogni momento quando qualcuno esprime un giudizio o critica un’idea si afferra un foglietto, lo si accartoccia e lo si lancia verso chi ha espresso il giudizio, verso il killer dell’idea.
Perché funziona così bene? Perché è una maniera gentile e divertente di dare un feedback alla persona che non viene criticata o rimproverata, ma solo “colpita” in maniera giocosa, ma indiscutibile, di fronte a tutti. Sta poi a chi riceve l’antikiller riflettere sul proprio comportamento, e questa è la chiave del suo successo.

Photo credit: images.adsttc.com/PillarsOfDreams_TVM

www.eticrea.it

#TOPICS: ultimi articoli

Libertà di parola

Alessandro Galimberti (Presidente Ordine Giornalisti Lombardia)
La libertà di parola non può coincidere con l’arbitrio della stessa, tantomeno se ostentata in nome proprio delle prerogative più profonde dei diritti umani

Leggi l'articolo

Un tesoro da salvare

Fabio Cavalera (Presidente Associazione Walter Tobagi per la formazione al giornalismo)
La parola è uno degli strumenti più esclusivi e appassionanti che abbiamo per opporre al nuovo e algido potere dell’algoritmo il contropotere caldo della ragione

Leggi l'articolo

Parole perdute

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Devo solo cercarle
Le parole che ho perso
Te le ricordi, erano qui
Tra le cose di sempre
Tra i vestiti da smettere
Qualche avanzo di tempo
Bottiglie e scatole
Vuote.

Leggi l'articolo

Siamo le parole che usiamo

Enzo Varricchio
La scrittura, apparsa intorno al quarto millennio a.C. dopo il disegno e il pittogramma, fu un atto fondativo dell’homo sapiens. La parola scritta ha avuto il compito di tramandare memoria delle umane vicende

Leggi l'articolo

Parlare è un’opera pubblica

Massimo Corrado di Florio
Millanteria intellettuale, esaltazione della mera opinione e affermazione della sintesi come mero sistema di diffusione della parola, finiscono col mortificare e deprimere la parola stessa

Leggi l'articolo

La comunicazione al centro

Stefania Cavagnoli (Docente di linguistica applicata, Università di Roma Tor Vergata)
Una comunicazione non adeguata, che sia scritta, orale o trasmessa, non solo non raggiunge i propri obiettivi, ma modifica la relazione comunicativa fra le persone

Leggi l'articolo

Hate speech, hate thinking

Aldo Luchi (Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Cagliari)
Le parole che usiamo ci qualificano. Connotano i nostri pensieri, le nostre radici culturali, la nostra appartenenza a determinate categorie

Leggi l'articolo

Consenso mostruoso

Anna Losurdo
L’interdipendenza tra linguaggio, consenso e potere rende evidente la grande responsabilità, per le parole che usiamo e che definiscono i nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Diavolo di avvocato

Enzo Varricchio
Spesso nell’immaginario collettivo italiano l’avvocato è l’ideal tipo negativo del professionista che sfrutta le zone grigie della legge

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

HO VISTO UN FILM

Pubblicato in

“Un giorno di pioggia a New York” è l’ultimo film…

Io sto con le sardine

Pubblicato in

La speranza è che non finiscano in scatola. Prima ci…

Spaghetti, Pollo e InsalatILVA

Pubblicato in

Insieme alla morte annunciata delle intese (poco salve e/o salvifiche)…

NOT IN MY BACKYARD

Pubblicato in

Diciamocelo senza infingimenti. Quanti di noi hanno mai pensato o…

Due di picche

Pubblicato in

Era prevedibile. Arcelor-Mittal rilancia e chiude. Restituzione ILVA in atto.…

I.L.V.A.

Pubblicato in

Inutile Lamentarsi, Volate Altrove. E aggiungo: non rompete più i…

Sicuri per legge

Pubblicato in ||||

Dario Belluccio (Avvocato in Bari)
Verifichiamo oramai la debacle che lo stato di diritto sta subendo attraverso lo spauracchio dell’altro e del diverso

La prescrizione – rimedio omeopatico

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Efficienza, imparzialità e buon andamento della P.A. parrebbero essere diventate parole prive di concreta efficacia

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Difendere in famiglia

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca (Avvocata in Vicenza)
Molto resta da dire, ed ancor più da fare, per un cambio di atteggiamento al quale tutti gli Avvocati possono concorrere

Il linguaggio dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Paola Cerullo (Avvocata in Milano)
Oggi ancor più che in passato, l’abilità dialettica sta nel giusto equilibrio tra tecnica giuridica e nuove forme di comunicazione