La lingua che crea

La lingua che crea

di Gianni Clocchiatti (Consulente aziendale)

La parola che crea: il linguaggio strumento di creatività

Noi usiamo il linguaggio in due modi diversi: per rappresentare la nostra esperienza e il linguaggio, diventa così un sistema di rappresentazione, un modello della nostra esperienza basato sulla nostra percezione oppure per trasmettere agli altri questo modello, la nostra rappresentazione del mondo.
Le persone più creative dispongono di una rappresentazione, cioè di un modello, più efficace che permette loro un’ampia gamma di opzioni e di scelte. Altri invece sulla base delle proprie esperienze pensano di avere a disposizione solo poche opzioni.
Non è quindi il mondo che è limitato e senza alternative, ma il modello mentale che ad alcuni impedisce di individuare le diverse possibilità perché non fanno parte dei loro modelli del mondo. Ampliare la nostra mappa del mondo significa quindi avere a disposizione un maggior numero di scelte possibili che vuol dire passare da un pensiero unico ai pensieri multipli.

Il linguaggio è quindi una rappresentazione della realtà ma al contempo è anche un software che fa funzionare il pensiero il quale a sua volta genera i comportamenti. Le parole quindi condizionano le nostre azioni.
Per mettere in discussione il mondo, per iniziare a cambiarlo, è importante descriverlo in modo diverso; le parole ci permettono di farlo, attraverso le domande.

Ce ne sono quattro, anzi cinque, alla base di qualsiasi sistema di innovazione: la prima è una domanda retorica: Questo modo è l’unico modo? a cui seguono le altre quattro, allora cosa posso fare in maniera diversa? cosa posso smettere di fare? cosa posso iniziare a fare? E infine, cosa devo continuare a fare? Le quattro domande sono una delle tecniche creative che utilizziamo per generare idee.

Ma vi sono molte altre tecniche che si basano sulle domande: il lipogramma, il 5W, la tecnica del perché, gli incontri forzati, il cosa accadrebbe se…
La nostra metodologia del Creative Solution Finding si fonda sull’uso delle domande a partire dal come posso fare per… che sigla l’inizio di ogni frase sfida per la ricerca di soluzioni creative fino al chi fa cosa, con chi e quando? che rappresenta la fine del percorso laddove l’idea diventa progetto.
Infine ci sono le metafore che vengono utilizzate come tecniche creative poichè consentono di spostarci da un universo all’altro, con semplicità e divertimento, svelano l’impossibile che diventa così possibile.

Tuttavia il linguaggio può costituire anche un ostacolo alla creatività.
Esistono infatti dei fattori psicologici che favoriscono il mantenimento dello status quo rispetto ad un possibile cambiamento e le ricerche degli psicologi Daniel Kahneman e Amos Tversky dei primi anni ’70 hanno stabilito che per le persone è preferibile mantenere ciò che si ha e si conosce e non si vuol perdere piuttosto che rischiare per un qualcosa di nuovo che potrebbe portare a dei probabili vantaggi, ma anche a dei sicuri rischi.

Per questo è comprensibile trovare chi ostacola la creatività e ogni tipo di cambiamento e di innovazione. Definisco queste persone “killer delle idee” perché sopprimono ogni nuova proposta, ogni ipotesi. Lo fanno in buona fede naturalmente, ma lo fanno. Mai sentito frasi come: “Certo, è molto interessante, ma…” oppure “Si, ma…” che sembrano approvare ma che stroncano ogni idea sul nascere e via dicendo fino alla madre di tutte le obiezioni: “ma abbiamo sempre fatto così…”.

I giudizi sono usati perché son comodi, evitano di pensare, di affrontare ciò che non si conosce e quindi meglio giudicare piuttosto che prendersi la responsabilità di mettere in discussione le proprie comode certezze. Nel corso degli anni abbiamo ideato uno strumento per neutralizzare pacificamente questi “killer delle idee”.
Si tratta di un semplice foglietto di carta con un disegno divertente ed una sola parola: antikiller. Semplice ed efficace.

Durante i workshop i foglietti di carta in grande quantità a disposizione di tutti, vengono disposti sul tavolo o per terra. In ogni momento quando qualcuno esprime un giudizio o critica un’idea si afferra un foglietto, lo si accartoccia e lo si lancia verso chi ha espresso il giudizio, verso il killer dell’idea.
Perché funziona così bene? Perché è una maniera gentile e divertente di dare un feedback alla persona che non viene criticata o rimproverata, ma solo “colpita” in maniera giocosa, ma indiscutibile, di fronte a tutti. Sta poi a chi riceve l’antikiller riflettere sul proprio comportamento, e questa è la chiave del suo successo.

Photo credit: images.adsttc.com/PillarsOfDreams_TVM

www.eticrea.it

#TOPICS: ultimi articoli

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

Instituere – il Patto

Massimo Corrado di Florio
Un potere dello Stato mostra di sé la peggior faccia possibile. Ciò che resta è una melodia amara che svolazza stanca tra le pieghe del nostro tricolore

Leggi l'articolo

Diritti sociali

Fernanda D’Ambrogio (Avvocata in Caserta)
Occorre riscrivere le regole dell’organizzazione pubblica attribuendo finalmente i giusti spazi di azione alla competenza e alla professionalità

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo

I LAVORATORI – il lavoro

Pubblicato in ||||

di Massimo Corrado Di Florio
Ieri, il nostro caro Statuto dei Lavoratori segnò un’epoca e nulla restò come prima.
Viva le Libertà. Sempre

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Phishing economy: il gioco d’azzardo

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Dietro la diffusione del gioco d’azzardo c’è una strategia industriale accuratissima delle aziende preposte alla produzione di giochi e scommesse