Futurabilia

Futurabilia

di Massimo Corrado Di Florio

Mirabilia del dopo

Il dopo che non è mai dopo, l’immobilismo del prima e il fiato corto del momento che ci consola rattristandoci.

Il neologismo è d’obbligo. I c.d. memorabilia altro non sono se non opere, fatti o eventi così importanti da poter essere ricordati nel tempo. Mi piace allora pensare che i futurabilia non possono che essere altrettanti fatti, opere o eventi. L’unica differenza, semmai, è la loro semplice disposizione (casuale, ovviamente) su una immaginaria linea temporale del dopo. Anche il pensiero, perciò, rientra in questa impalpabile categoria. L’Essere, persino. Lo dico con la modestia più intensa che si possa immaginare, a condizione che la si possa misurare in tale maniera.

Mi par d’essere diventato il Sig. Ivan Karamazov:
Ma allora, domando, che sarà dell’uomo? Senza Dio e senza vita futura? Tutto è permesso dunque, tutto è lecito?

La affermazione/domanda di Ivan Karamazov (F. M. Dostoevskij, I fratelli Karamazov) pone, e da un bel po’, qualche riflessione. In questo “dopo” che ci affligge e non è per nulla protettivo, che genere di memorabilia del poi ci possiamo immaginare?
L’assenza di qualsivoglia deità all’orizzonte, sia pure nel suo più doveroso significato laico possibile, se da un lato può renderci affrancati e liberi dai lacci e dai lacciuoli narcisistici, dall’altro rischia di spingerci verso una forma di neo-nichilismo assai dannoso.

In realtà, ciò che alla fine della fiera ci domina e governa è pur sempre il caos. Noi, al più, ma con grandissimo sforzo funambolico, possiamo tentare di mantenerci in equilibrio. Obliquamente in piedi, se così posso dire.

Nemmeno so bene se i futurabilia potranno mai venire ad esistenza. Trattasi di mere categorie speculative, mi sa. Una speranza intorno alla loro ipotetica esistenza, un po’ più in là nel tempo. Per il momento, tutto tace.

Come ho già avuto modo di scrivere altre volte, la sonnacchiosa eternità del presente non consente alcun genere di interpretazione premonitrice multifattoriale: ci mancano i fatti. Essi non sono ancora venuti ad esistenza e il c.d. “effettore ultimo” è solo una delle tante possibili previsioni.

Si naviga a vista, inutile illuderci.

la politica tramonta perché si illude di poter guidare il capitalismo, ossia ciò che è destinato al tramonto…Da tempo i miei scritti indicano la Dimensione che mette in questione la verità della storia dell’Occidente. L’inevitabilità del tramonto della politica appartiene cioè alla coerenza estrema dell’errare estremo. Anche Lucifero è portatore di luce” (Emanuele Severino. Il Tramonto della Politica. Considerazioni sul futuro del mondo).

Picture: Futurabilia, di Massimo Corrado Di Florio, 2020

#TOPICS: ultimi articoli

L’anno nuovo della giustizia

Franco Cassano (Presidente della Corte d’Appello di Bari)
Non rimanere nella solitudine rassicurante di se stessi, ma rischiare l’avventura, aprendosi con fiducia agli altri

Leggi l'articolo

Il ruolo politico del giudice

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
La Costituzione è il canale attraverso il quale la giustizia è penetrata nell’ordinamento giuridico ed è stata realizzata quella saldatura fra giustizia e diritto che ha cambiato il volto della legalità

Leggi l'articolo

Questione di genere in magistratura

Carla Marina Lendaro (Consigliera della Corte Appello di Trieste e presidente dell’A.D.M.I.)
Imparare a “riconoscere la differenza” è un’esigenza che risponde ai bisogni della Giustizia, un fattore di funzionamento ed una risorsa del sistema

Leggi l'articolo

C’è un grande passato, davanti a noi

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Il pianeta giustizia appare in fiamme: e in fiamme sono le coscienze, brucianti le domande

Leggi l'articolo

Vecchie mappe e nuovi scenari

Maurizio Pacchiani (Archivista storico in Bolzano)
Pensare in “modalità futuro” non ha una scala, è innanzitutto una forma mentis prima ancora che una metodologia scientifica

Leggi l'articolo

Si chiamerà Pace

Paola Furini (Avvocata in Milano – Fronteverso network)
Come Lucio Dalla, molti altri artisti, attraverso le loro opere hanno veicolato messaggi di amore e concordia contro tutti i muri

Leggi l'articolo

Il cambiamento che fa paura

Fabio Millevoi (Noi di Spoiler)
Contrastare il cambiamento non ci fa recuperare il passato ma perdere il futuro

Leggi l'articolo

Basta immaginare

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Per creare il futuro è necessario prima saperlo immaginare. Gli “studi di futuro” intersecano ogni aspetto del vivere sociale

Leggi l'articolo

La ruota dei futuri

Radman Khorshidian (Futurista in Teheran- Noi di Spoiler)
la Ruota dei Futuri fa emergere conseguenze, interazioni e relazioni complesse; aiuta a pensare in modo creativo e divergente

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Infezioni

Pubblicato in

Cerco di farla breve. Durante la lunga guerra di Troia…

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

Zen attitude

Pubblicato in ||||

Cecilia Manganelli e Daniele Valeri (Avvocato in Ancona – A.S.G.I.)
Mi chiedo se avessimo visto i campi di sterminio cosa avremmo fatto, perchè ora che li vediamo e li sappiamo,ora che facciamo?

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona