È un classico

È un classico

di Ileana Alesso (Avvocata in Milano – Presidente FronteVerso Network)

“La libertà di pensiero ce l’abbiamo, adesso occorre il pensiero”
Karl Kraus

“Si può fare, si può fare, si può prendere e lasciare, si può correre e volare, cadere e poi ricominciare”
Angelo Branduardi

Tuffi in piscina nel verde freddino della notte dell’appennino. E’ la notte del giorno dopo. Il secondo 11 luglio, dopo l’afa milanese dell’82, nel gelo del condizionatore italiano appollaiato alla finestra, a guardare, insieme a noi, Pablito, Pertini, Tardelli & C.

Ammutoliti nella accecante luce del Mare Nostrum e assembrati davanti al televisore su la Karageorgis, in viaggio tra Venezia e il Pireo, vediamo le prime disumane immagini della bomba alla stazione di Bologna il 2 agosto 1980, prima di imbarcarci silenziosi, tra stormi di anziani in nero, in lutto come noi, su un traghetto, evidente residuato bellico, probabilmente reduce dalle guerre contro i Persiani, stavolta diretto a Creta.

Tu sai chi sei?”.
La domanda esistenziale, bandolo socratico della matassa umana, dalla filosofia giunge al diritto spinta dal pungente “Sai dove sei?” e trova nuova meraviglia nelle delicate parole della poetessa Louise Gluck: “Guardiamo al mondo una volta da piccoli. Il resto è memoria”.
Perla da portare nel cuore insieme alla spilla a forma di spirale di Thomas Eliot: “non smetteremo di esplorare e alla fine del nostro andare, ritorneremo al punto di partenza. Per conoscerlo per la prima volta”.

Eravamo classici e saggi senza saperlo. Potenza del sentire prima del voler capire.
Non lo sapevamo ma chiusi in camera nelle serate adolescenziali non ascoltavamo musica, ascoltavano noi stessi.
Per questo il volume era al massimo.
Per ascoltarci meglio.

Il mondo ? Utilmente chiuso fuori per poter scompaginare e riguardare tutto da capo: Otello geloso di Desdemona? Si certo, anche. Però è Jago il geloso, innamorato di Otello e invidioso dell’amore per Desdemona.
Il triangolo delle Bermude nell’Oceano atlantico?
Certo che si, ma che dire di quello tra Venezia, Verona e Padova: se ne salva forse una tra Desdemona, Giulietta e Caterina, la bisbetica domata?
Prendere, lasciare, cercare, cadere e ricominciare, trovando eredità preziose di parole benedette per imparare a pensare: “Ciò che è noto non è conosciuto” scriveva, una volta tanto con limpidezza, il non propriamente intellegibile Guglielmo Federico, in arte Hegel.

Regole, spunti, domande, tracce da seguire, sassolini di Pollicino per orientarsi sul palcoscenico della Commedia Umana anche se, rimane da chiedersi, che commedia è mai quella dove non la scampa nessuno?

Immersi in interrogativi più grandi di noi “una sera uno sguardo ti dice qualcosa e sei fuori dal mondo” rivela, graffiante e unico, Luigi Tenco in “Ho capito che ti amo”.
E se per dirla con Georges Moustaky, “Lo straniero”, “adesso tu sei prigioniera di questa splendida chimera di questo amore senza età … finché la morte non verrà”.
E’ troppo divertente far rispondere alla grande, tra i grandi, Ornella, ovviamente Vanoni, con il suo ironico malizioso esistenzial: “E’ poi tutto qui?”.

di Ileana Alesso, su Ora legale NEWS

Image credit: Miguel Á. Padriñán da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono