art-2026066_1280

Freedom

di Massimo Corrado Di Florio

Viva la libertà!

Pensiamo di scrivere la storia e tra qualche tempo la storia scriverà di noi prendendosi una bella rivincita. Lo farà in piena libertà. La verità le appartiene.

Ugualmente, nella nostra finzione di libertà, e per la stessa ragione che ispira variegate forme di onnipotenza viscerale, anche noi riteniamo di essere i depositari della verità assoluta, di ogni verità possibile. E quando si parla di possibilità è evidente che perfino l’impossibilità ci è concessa. Così, apparentemente, mostriamo di liberarci quando poi, nella realtà, essere liberi è un’utopia.

Non posso nemmeno dire che questa condizione è riservata a pochi, pochissimi esseri umani. Nemmeno i più facoltosi di questo misero universo mondo lo sono. Chi più, chi meno, scimmiottiamo una idea di culto di deità che imbocca la medesima strada dell’onnipotenza di cui s’è detto prima.

Chiunque pensi di potersi affrancare dalla inesorabile finitezza della esistenza umana è antropologicamente pazzo e di pazzi, solitamente, se ne occupa la Storia con la puntigliosità tipica del più accanito collezionista di francobolli. Ci incolla, pazientemente, al suo personalissimo catalogo composto da tante piccole immaginette variamente colorate. Un abbellimento, un orpello per la vanitosa Storia.

buona notte e buona fortuna

Come sosteneva Ed Murrow (Edward R. Murrow, giornalista della emittente radiotelevisiva CBS) nella sua nota trasmissione “See It Now”: buona notte e buona fortuna. Ad essere sinceri, era la frase di chiusura della sua rubrica televisiva ma qui mi piace adoperarla così, giusto per alleviare l’affanno che mi coglie quando penso alla libertà.

Ad ogni modo, lo dico per davvero: buona notte a tutti e, a tutti, un augurio di buona fortuna.
Soprattutto buona fortuna a noi, visto che la libertà senza una sua consapevolezza non ha alcun senso. Non è infatti concepibile che un lombrico o un pesce rosso in una boccia di vetro possano sentirsi liberi, anche solo per un istante, pur potendo fare ciò che meglio aggrada loro. Il lombrico scava, libero di farlo. Il pesce rosso si muove in tondo nel recipiente di vetro e nessuno glielo impedirà mai. L’uno e l’altro non si pongono alcun problema intorno a quanto effettivamente voglia dire “libertà”. Se li osserviamo, ammesso che lo facciamo, siamo soltanto noi a pensare in termini di libertà, negata o concessa.

Siamo fatti così. Pensiamo anche per conto terzi, soprattutto se questi terzi non possono avere alcuna cognizione (umana) della responsabilità. Sì, alla fine, parliamo proprio di questo. La responsabilità. Una sorta di enzima catalizzatore del nostro status di esseri -pensanti- liberi. Venendo a mancare questo senso di responsabilità nulla esiste poiché non esiste consapevolezza. Un po’ come il respirare, un fatto automatico di cui siamo, sì, consapevoli e responsabili, ma sulla cui importanza facciamo a meno di rifletterci su. Il solo pensare al movimento dei nostri polmoni aumenterebbe il ritmo del respiro stesso.

riflettere costa fatica

Beh, certo, lo si sa, riflettere costa fatica. Né il pesce rosso, né il lombrico si affaticano per questo. Così va il mondo. E va così anche per chi si arroga il diritto (chissà chi glielo ha concesso) di negare o limitare l’altrui libertà. Anche così, anche attraverso questo modus operandi, la chiave di lettura è quella della consapevole responsabilità dell’agire. In fin dei conti, tra la manicheistica contrapposizione del bianco e del nero, del male e del bene, non v’è molta differenza se la lente di ingrandimento viene puntata sul concetto di responsabilità. Questioni di orientamento a caratura etica e morale.

Va così. Anche oggi va così. Qui nella penisola italica si stanno corrodendo i poteri dello Stato e tutti quelli che sembravano essere un baluardo dello Stato di diritto (magari non proprio tutti) hanno deciso, consapevolmente e responsabilmente, di orientare le proprie scelte senza preoccuparsi minimamente della disapprovazione sociale. Lo stigma, per questi falsi profeti del Diritto, è un mero accidente, a loro gli fa un baffo. Va proprio così. Sono viziosi, tutti consapevolmente “vittime” di una irrefrenabile voglia di ripetere le medesime azioni che affonda le proprie radici nella solita sindrome dell’onnipotenza. Oggi come ieri, vengono scoperti alla spicciolata. Per i pochi -pochissimi- trovati con le mani nel barattolo della marmellata, finirà il gioco della libertà che è stata giocata sulla libertà degli altri. Come dicevo prima, è una questione di differenti orientamenti etici sia pur animati da responsabili scelte di vivida consapevolezza.

Beato il lombrico e beato il pesce rosso, mi verrebbe da dire.

Tuttavia, a me manca ancora qualcosa. E’ del tutto assente il disegno complessivo di questo gioco di luridi pesi e di altrettanto luridi contrappesi. La trama è nascosta. Così resterà, per sempre.

Qualcuno ha imparato dai topi che, intelligentemente e responsabilmente, allorché devono comprendere se quell’esca è avvelenata o meno, sacrificano i più deboli o i più vecchi (gli individui inutili per la specie). Una vita da sorci per coloro -allocchi dilettanti- che non sono riusciti a nascondere la mano ancora imbrattata dalla marmellata.

Avevo ragione: in questo composito bestiario, beati i lombrichi e anche i pesci rossi.

Viva le libertà!

Image credit: OpenClipart-Vectors da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Arte e Giustizia, filo rosso tra due mondi

Giulia Reina
Favorire le sinergie tra due mondi diversi ma da sempre collegati e collegabili

Leggi l'articolo

Al servizio dei giovani artisti di talento

Nicola Cea
La Fondazione Michele Cea persegue come scopo principale il sostegno ad artisti, giovani e non, in condizioni economiche disagiate

Leggi l'articolo

Arti e processo

Roberto Oliveri del Castillo
Pensare il diritto e il suo limite significa anche pensare il diritto a partire da ciò che eccede i suoi rassicuranti perimetri disciplinari

Leggi l'articolo

Ubuntu

Aldo Luchi
L’individualismo nazionalista ha distorto il concetto di libertà al punto da interpretarla come imposizione delle proprie convinzioni

Leggi l'articolo

Storie dal 41 bis

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Leggi l'articolo

Respirare turismo sostenibile

Cinzia De Marzo
Occorrono una visione di lungo periodo e progetti intelligenti per ripensare forme sostenibili di ospitalità e accoglienza

Leggi l'articolo

Autonomi automi

Sergio D’Angelo
Le relazioni di potere, che sempre più nella contemporaneità assumono forme di servitù volontaria, possono soffocare sul nascere una possibile libertà di scelta

Leggi l'articolo

Macchienereincampobianco

Vittorio Correale
…si accorse che in tutte le canzoni ce n’era una, sempre la stessa. Ne ignorava il significato ma da quella sera gli rimase in mente per sempre: libertà

Leggi l'articolo

In giro per l’Unione

Nadia Germanà Tascona
Il diritto alla libertà di espressione richiede e merita protezione non solo in sé ma in quanto presupposto e fondamento di una società democratica

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa