A.I. una nuova empatia per la cura

A.I. una nuova empatia per la cura

di Anna Losurdo

Nel dibattito pubblico sono ormai continui gli aggiornamenti sui progressi nella robotica.
Sembra che l’intelligenza artificiale sia ormai a portata di mano.
E sembra, anche, che non se ne possa fare a meno.
E sembra, infine, che come al solito si sia creato un bisogno prima ancora di realizzare un “prodotto”.

Si, perché, i robot capaci di intelligenza “umana” e soprattutto di sviluppare i processi decisionali sono, allo stato, una prospettiva lontana e probabilmente anche irrealistica.

Quel che è certo è che gli investimenti nella robotica sono ingenti e nei prossimi anni cresceranno sia il mercato dei robot destinati ad essere “strumenti di compagnia” nelle famiglie così come quello dei “cobots” (macchine programmate per lavorare accanto ai lavoratori umani); i robot debutteranno presto nel settore dell’assistenza e impatteranno sul lavoro di cura e cambieranno il welfare.

Il progressivo invecchiamento della popolazione induce a pensare che la ricerca dovrà presto avere delle ricadute pratiche e non fermarsi più ai prototipi sperimentali dei robot assistenziali.

L’andamento dello sviluppo demografico in molti Paesi europei rappresenta una sfida per i sistemi socio-assistenziali, soprattutto con riferimento al rapporto tra la popolazione in età lavorativa e quella in età senile, alla erogazione dell’assistenza al di fuori dell’ambito famigliare e alla tradizionale ma sempre meno scontata attribuzione di tali compiti a famigliari di genere femminile.

Per molteplici ragioni è ormai ridotta l’assistenza fornita dalle famiglie: i nuclei famigliari tendono ad essere più piccoli che in passato, i componenti della famiglia sono spesso lontani e le donne svolgono attività lavorative.

La robotica assistenziale fornirà il necessario sostegno alle persone anziane in casa propria, alle loro famiglie, a coloro che prestano assistenza informale e sarà di supporto agli operatori del settore dell’assistenza esterna, ridisegnando il lavoro di cura robot-assistito.

La biorobotica si differenzia dalle forme più tradizionali della robotica perché cerca di imitare i principi di semplificazione che permettono di far funzionare in maniera veloce un sistema complesso come il corpo di un essere vivente.

Ecco quindi, che le applicazioni della biorobotica nel campo della assistenza agli anziani e ai disabili spostano l’asse del senso comune: e ciò che siamo abituati a pensare come disumano (una macchina, un robot che si prende cura di corpi) in realtà finisce per consentire alle relazioni di cura¸ importanti e delicate, di restare umane, offrendo ausili per preservarle dagli aspetti più spiacevoli dell’assistenza o per garantire autonomia alle persone assistite che, invece, volendo mantenere il più possibile la propria autonomia nella gestione della propria vita quotidiana, potrebbero preferire dispositivi assistivi piuttosto che dipendere da altre persone.

In realtà, le tecnologie sembrano poter fornire un contributo importante alla realizzazione di buone prassi in ambito assistenziale solo se le persone che le usano sono in grado di erogare le prestazioni assistenziali in maniera partecipe, amorevole e attenta, perché i contatti personali, affettivi e sociali sono parte integrante dell’assistenza.

Determinante, quindi, è ancora una volta l’apporto umano, senza che venga ridotta o compromessa l’interazione tra le persone assistite e il personale.
Sarà necessario, quindi, che nella progettazione dei robot assistenziali si riescano a riconoscere i bisogni ed emozioni delle persone assistite.

Sarà necessario che gli operatori non si lascino sopraffare dalla capacità delle macchine utilizzate per la cura robot assistita.
Determinante, anche nella futura interazione tra robot e persone umane resterà la capacità, tutta umana, di costruire relazioni e di interagire con l’altro da sé.

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora