BARI TROINA

BARI – TROINA…. CONTINUA LA MARCIA CON IL MINIMO SFORZO

Si pensava ad una partita facile quella disputatasi ieri al San Nicola tra Bari e Troina, ma così non è stato.

La differenza di classifica e di spessore tra le due squadre
non si è notata sull’erba del San Nicola.

La partita comincia con il Troina che la fa da padrone
costringendo i padroni di casa a difendersi e a regalarsi pochissime sortite
offensive, tra l’altro ben gestite dalla difesa arcigna della squadra
siciliana.

I biancorossi non riescono a prendere il controllo della
gara e rischiano addirittura di andare sotto al minuto 20 a seguito di una punizione
di Ferreira che si stampa sulla traversa della porta difesa da Marfella.

A quel punto il Bari si scuote e comincia a macinare gioco e
fioccano occasioni da rete che un po’ per imprecisione un po’ per l’ottima vena
del portiere ospite non producono il vantaggio.

Al minuto 33 il portiere Polizzi è ancora ottimo, sugli
sviluppi di un calcio d’angolo, a neutralizzare il colpo di testa di Simeri, ma
nulla può sulla deviazione ravvicinata di Dicesare che insacca per il vantaggio
biancorosso.

Si chiude la prima frazione con il Bari in vantaggio per uno
a zero.

Nella ripresa, complici i cambi di Mister Cornacchini, il
Bari sembra decisamente più organizzato e padrone del campo, ed infatti fino al
novantesimo non rischia mai nulla in difesa sfiorando in diverse occasioni il
goal del raddoppio.

Non si è visto il solito Bari padrone del campo e nettamente
superiore agli avversari, complice anche la buonissima organizzazione della
squadra siciliana capace di creare, almeno nel primo tempo, qualche grattacapo
alla corazzata biancorossa.

L’ampio turnover effettuato da mister Cornacchini ha non ha
garantito alla squadra la solita scioltezza di manovra e soprattutto la consolidata
superiorità nei confronti degli avversari.

L’importante però era acquisire il risultato e con il minimo
sforzo il Bari è riuscito a portare a casa i tre punti necessari allungando la
propria striscia positiva e mantenendo i 9 punti di vantaggio sulla Turris.

Riuscire a conquistare i tre punti nonostante una scialba
prestazione è sinonimo di grande squadra capace di sapere gestire i momenti
delicata della partita e portarli sempre e comunque a proprio favore.

Si spera di recuperare alcuni elementi fondamentali per il
gioco del Bari per queste ultime due partite dell’anno per continuare la
striscia positiva e regalare un sereno e felice Natale ai tifosi Biancorossi.

Avanti Bari, noi ci crediamo

#TOPICS: ultimi articoli

Italian haters

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Leggi l'articolo

Gioventù bruciata

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

Leggi l'articolo

Narcisisti e violenti ma molto social

Anna Losurdo
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza

Leggi l'articolo

Art against violence

Enzo Varricchio
L’arte è un potente antidoto contro la guerra e la violenza di ogni tipo. Gli artisti visivi contemporanei come Banksi o Toscani contribuiscono a cambiare la mentalità della gente

Leggi l'articolo

Piccoli schiavi invisibili

Roberta Aria (Avvocata in Napoli)
A trent’anni dalla Convenzione di Ginevra sui diritti dell’infazia e dell’adolescenza

Leggi l'articolo

Vis fatale cui resisti non potest

Massimo Corrado Di Florio
Le infinite declinazioni della violenza non risparmiano nessuno. Nessun umano affare ne va esente

Leggi l'articolo

Occhio ai titoli

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La pratica antica, ma non per questo meno grave, di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino o il violentatore di turno

Leggi l'articolo

La forza mite della giustizia

Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Declinate al plurale, le violenze riempiono uno spazio senza contorni, difficilmente delimitabile

Leggi l'articolo

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Rugginosi

Pubblicato in

Inutile. Proprio non ce la si fa. Anche le interminabili…

Italian haters

Pubblicato in |||

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Gioventù bruciata

Pubblicato in |||

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

OBLIQUI BULIMICI DELLO ZERO ASSOLUTO

Pubblicato in

Anche quando nessuno domanda più nulla, ecco che si dànno…

L’indomito scorpione e l’allocca rana (corsi e ricorsi)

Pubblicato in

Assistiamo, oggi, al susseguirsi di eventi tutti già scritti. Becere…

Pochi grammi di coraggio

Pubblicato in |||

Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia e TIN Universitaria Policlinico di Bari)
Il supporto psicologico in terapia intensiva neonatale è fondamentale

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Ricorda di volerti bene

Pubblicato in |||

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Ricorda di volerti bene
E che c’è una linea
Che nessuno dovrà mai varcare