Percorsi di recupero?

Percorsi di recupero?

di Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari – Uomini in Gioco/Maschile plurale)

Il duplice femminicidio di Vicenza, ancora una volta ha tragicamente posto in evidenza alcuni temi, critici e controversi, riguardanti la violenza maschile nei confronti delle donne. Temi sui quali per qualche giorno viene puntato il faro mediatico, fino alla successiva, sconvolgente, efferatezza.

Uno di questi punti critici e controversi riguarda l’esistenza di luoghi di cura per l’uomo violento e maltrattante.

Fino a pochi anni fa questi centri di ascolto del maltrattante erano diffusi prevalentemente nel centro-nord della penisola e quasi inesistenti al sud.
Vi si rivolgevano volontariamente uomini che sembravano intenzionati a cambiare i loro comportamenti, spesso motivati dal timore di essere lasciati dalle partners.

Le cose sono cambiate con la legge del 19 luglio 2019 n.69 (c.d. Codice Rosso) che, con una modifica all’art. 165 C.P., prevede, per i delitti di violenza domestica e di genere, la possibilità di sottoporsi a un trattamento psicologico con finalità di recupero e di sostegno suscettibile di valutazione ai fini della concessione dei benefici penitenziari.

Zlatan Vasiljevic, il femminicida di Vicenza, aveva partecipato a uno di questi percorsi di recupero.
Sappiamo che è stata la Convenzione del Consiglio d’Europa per la prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica (Convenzione di Istanbul) ratificata nel 2013 a prevedere l’istituzione di “programmi rivolti agli autori di atti di violenza domestica, per incoraggiarli ad adottare comportamenti non violenti nelle relazioni interpersonali” (art. 16).

Senza volermi soffermare sulle questioni critiche, che hanno portato il giornalista Carlo Bonini a parlare di “bancarotta della giustizia che non difende le vittime”, vorrei invece provare a riflettere su questi percorsi di recupero da Codice Rosso.
L’articolista afferma che erano state sospese le misure di prevenzione cautelare nei confronti di Vasiljevic, proprio perché aveva frequentato regolarmente sia un percorso riabilitativo riguardante la sua dipendenza patologica dall’alcol sia di un percorso di recupero per l’interruzione dei comportamenti violenti.

Una legge dello stato, costruita per porre argini alla violenza domestica, rischia di favorire un aumento di femminicidi, in quanto l’uomo maltrattante può usare strumentalmente il percorso di recupero per avere benefici di legge, senza che tale percorso incida minimamente sulla sua predisposizione alla violenza.

La questione mi pare di non poca rilevanza e merita approfondimenti a molti livelli.

Come terapeuta che segue persone in questi percorsi sono consapevole del possibile (e a volte probabile) uso strumentale di questi percorsi. Ma la consapevolezza di questo rischio dovrebbe averla chiunque, a vario titolo, si occupi di un uomo con problemi di violenza.
In un seminario formativo, qualche anno fa, il terapeuta spagnolo Heinrich Geldschlager, proponendoci un frammento dal film di Iciar Bollain “Ti do I miei occhi”, evidenziò come l’uomo potesse usare il suo inserimento in un programma di riabilitazione, per indurre la partner o l’ex partner a riavvicinarsi a lui, comunicandole implicitamente o esplicitamente qualcosa del tipo “guarda sto prendendo sul serio il problema, voglio cambiare, vado addirittura al Cam”.

E questo riavvicinamento a volte è solo una tappa di un nuovo ciclo della violenza.

La legge del 2019 che spinge verso percorsi di recupero rischia effettivamente di indurre, come già sta accadendo, uomini violenti ad atteggiamenti di finta messa in discussione, finto ravvedimento, finto cambiamento.

Bisogna anche considerare che l’uomo violento spesso si presenta bene, e può essere capace di ingannare giudici, avvocati e psicologi. Ma è molto probabile che l’uomo violento riesca in questa operazione di distorsione della realtà soprattutto quando i meccanismi psichici che egli mette in atto (negazione, minimizzazione, diffusione e rovesciamento delle responsabilità) sono gli stessi che, quando lavorano male, usano le istituzioni e i presidi deputati a porre in essere le tre P della convenzione di Istanbul.

Resta aperta la questione se si debba andare nella direzione di continuare a prevedere centri per il lavoro con gli uomini violenti nelle relazioni intime, disinnescando il più possibile i rischi (altissimi) legati alla strumentalizzazione. O se si debba invece lavorare esclusivamente per l’empowerment delle donne intrappolate in relazioni violente. Oppure se i due aspetti del percorso di fuoriuscita dalla violenza possano conoscere un’integrazione nella mente degli operatori, e nelle loro prassi, considerato che l’obiettivo è comune, l’aumento di sicurezza nella vita della donna che si autodetermina.

Un altro femminicidio in questi giorni è stato messo in atto da un operaio di Udine, descritto come una persona tranquilla, “il bambino più buono della classe”, “punto di riferimento per la comunità”, e, a differenza del duplice femminicidio di Vicenza, qui non c’era stata nessuna denuncia, nessuna segnalazione, nessun allarme non scattato, nessun percorso di recupero più o meno strumentale.

Qui c’era solo un uomo che, come si dice con un’altra formula sempre ripetuta, non riusciva ad accettare la decisione della moglie di separarsi.

Credits: Tano Festa, Monumento per un Poeta Morto – Fiumara d’Arte – Tusa

Di Piero Buscicchio, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

La cicala e la formica

Enzo Cianciotta
È giusto – o no – patire oggi di rinunce certe a fronte di una possibile (ma non sicura) utilità futura?

Leggi l'articolo

La disillusione dell’attesa virtuosa

Massimo Corrado Di Florio
Conta assai più il qui e adesso che il poi un po’ più in là

Leggi l'articolo

La marcia del granchio

Anna Paola Lacatena
Se il futuro ci spaventa allora viviamo la presentificazione del tempo

Leggi l'articolo

Dove si studia il futuro

Fabio Millevoi
Studiare i futuri è una scelta fondamentale per capire i cambiamenti in arrivo e prepararsi a gestirli

Leggi l'articolo

Fuga in avanti

Lorenzo Trigiani
Esplorare il modo in cui le idee sul futuro informino l’azione nel presente è lo scopo degli studi di futuro

Leggi l'articolo

Case domani

Carla Broccardo
Un progetto di “ricerca – azione” per immaginare il futuro dell’intera filiera edile

Leggi l'articolo

Ladri di avvenire

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

Leggi l'articolo

Identità, differenze e contaminazioni

Andrea Buti
Noi avvocati dobbiamo imparare a diffidare di ricette semplici e facili che non risolvono nulla

Leggi l'articolo

Progettare (e) futuro

Silvia Bona
Una rivoluzione che restituisce al progettare il suo senso e la sua capacità autenticamente generativa

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante

Pride

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Uno degli scherzi più brutti che può fare Madre Natura è far nascere gli sciocchi

Parità di genere in Avvocatura

Pubblicato in ||||

Rosanna Rovere
La sorellanza è una rivoluzione che deve partire dall’interno per andare all’esterno

Flatus vocis

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

Arringa sapiente

Pubblicato in ||||

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Parole a buon mercato

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

La nuova retorica

Pubblicato in ||||

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche