Il bollino del mediatore famigliare

Il bollino del mediatore famigliare

di Pasqua Lacatena (Avvocata in Bari – mediatrice famigliare e dei conflitti)

Il mediatore famigliare: dalla legge 4/2013 alla norma UNI11644:2016

L’approvazione della Legge 4/2013 affonda le sue radici nello stimolo che l’Unione Europea ha impresso in favore di un processo di regolamentazione del fenomeno delle professioni non organizzate e mira a disciplinare lo svolgimento di tali professioni a supporto della qualità della prestazione.
La ratio è quella di assicurare la trasparenza del mercato e la tutela di coloro che fruiscono dei servizi professionali di natura intellettuale, prestati da Professionisti non organizzati in Ordini, Collegi o Albi.

La legge prevede – nell’ottica della garanzia nei confronti della collettività di tali criteri di comportamento e della qualità professionale che potrà essere codificata per le singole categorie di lavoratori- un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i consumatori e di garantire la trasparenza del mercato dei servizi professionali.

Questo è lo scopo delle associazioni professionali che possono rilasciare ai propri iscritti, previe le necessarie verifiche, sotto la responsabilità del proprio rappresentante legale, un’attestazione che provi la regolare iscrizione del professionista all’associazione e dunque il possesso dei requisiti necessari alla partecipazione all’associazione stessa, gli standard qualitativi e di qualificazione professionale richiesti per l’adesione. Oltre alle garanzie fornite dall’associazione all’utenza, tra le quali l’attivazione dello sportello per i consumatori e l’eventuale possesso della polizza assicurativa per la responsabilità professionale, nonché l’eventuale possesso da parte del professionista iscritto di una certificazione rilasciata dal un organismo accreditato (MISE Circolare n. 3708/c Prot. n. 0347797 – 01/10/2018).

L’elenco di queste associazioni è pubblicato sul sito Web del MISE a disposizione del consumatore che voglia controllare la serietà della garanzia che l’associazione rilascia con l’attestazione.

La qualificazione della prestazione professionale si basa invece sulla conformità della medesima a norme tecniche UNI ISO, UNI EN ISO, UNI EN e UNI, di seguito denominate «normativa tecnica UNI», di cui alla direttiva 98/34/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 22 giugno 1998, e sulla base delle linee guida CEN 14 del 2010.
I requisiti, le competenze, le modalità di esercizio dell’attività e le modalità di comunicazione verso l’utente individuate dalla normativa tecnica UNI costituiscono principi e criteri generali che disciplinano l’esercizio autoregolamentato della singola attività professionale e ne assicurano la qualificazione.

Nel caso della professione del mediatore famigliare, le parti sociali e dunque le associazioni di categoria hanno richiesto la costituzione di un tavolo tecnico per l’elaborazione di una norma UNI.
Obiettivo era dunque quello di procedere a stabilire lo standard nazionale di riferimento contenente i requisiti di qualità della professione di riferimento conseguentemente il presupposto per la certificazione del singolo lavoratore.
La norma è stata pubblicata nell’agosto del 2016 e contraddistinta con il numero 11644:2016 sull’attività professionale del mediatore famigliare.
Una volta pubblicata la norma, i singoli lavoratori possono essere qualificati.

Ma perché la certificazione del lavoratore abbia valore ufficiale deve essere rilasciata da un organismo di certificazione accreditato, vale dire riconosciuto, per lo specifico settore dall’ente nazionale di accreditamento, costituito in base al regolamento europeo n. 765 del 2008. Esso prevede, appunto, per ciascuno dei 28 Stati membri, la presenza di un unico ente di diritto pubblico preposto ad accreditare qualsiasi organizzazione intenda rilasciare attestazioni di conformità a norme tecniche (l’ente italiano di accreditamento è Accredia).

di Pasqua Lacatena, su Ora Legale NEWS

Image credit: Kranich17 da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Un orizzonte chiuso

Camilla Corradi
Il pregiudizio più importante sul futuro è quello di non poterlo cambiare

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

L’opinione non ci salverà

Massimo Corrado Di Florio
A pensarci bene, siamo immersi in un pantano mediatico di opinionisti

Leggi l'articolo

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

La forza dei fatti

Alessandra Pisu
I pregiudizi atrofizzano le idee finché non vengono messi alla prova dei fatti

Leggi l'articolo

Una società pregiudicata

Tania Rizzo
Pregiudizi che alimentano altri pregiudizi fin tanto che è l’altro a essere sotto i riflettori

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Apprendimento ed esperienza

Pubblicato in |||

Giulia Massa
L’errore, inteso come rivalutazione, incarna una componente dell’apprendimento

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

I percorsi di recupero (art. 165 c.p.)

Pubblicato in |||

Lucio Barbato
La novità sul piano giudiziario è data dalla inclusione nel processo decisionale di merito di altre figure professionali

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Una questione di dignità

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Occorre cambaire tutti il punto di vista, professionisti e clienti

Il ruolo dell’OCC

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
L’OCC non potrà essere considerato in alcun modo litisconsorte necessario

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno

Il salto culturale

Pubblicato in |||

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria