"Family act": novità per famiglie e lavoro

“Family act”: novità per famiglie e lavoro

di Ida Grimaldi (Avvocata in Vicenza)

Il 12 maggio 2022 è entrata in vigore la legge n.32 del 7 aprile 2022, cd “Family Act”, rubricata “Deleghe al Governo per il sostegno e la valorizzazione della famiglia”.

La legge persegue obiettivi ambiziosi, quali il potenziamento delle misure volte a sostenere la genitorialità e la funzione sociale ed educativa delle famiglie, a contrastare la denatalità, a valorizzare la crescita armoniosa e inclusiva dei bambini e dei giovani, a sostenere l’indipendenza e l’autonomia finanziaria dei giovani, nonché a favorire la conciliazione della vita familiare con il lavoro di entrambi i genitori e a sostenere, in particolare, il lavoro femminile.

Cinque sono i diversi ambiti di intervento, che saranno attuati, previa emanazione degli appositi decreti legislativi, con due scadenze temporali diverse a seconda dell’oggetto della delega.

Nello specifico il Governo, entro dodici mesi dall’entrata in vigore della legge, dovrà adottare uno o più decreti legislativi per il riordino ed il rafforzamento di misure di sostegno all’educazione dei figli (art.2) e alla promozione delle responsabilità familiari (art.6).
Entro 24 mesi dall’entrata in vigore della legge, il Governo dovrà adottare uno o più decreti legislativi per l’estensione e riordino dei congedi parentali, di paternità e di maternità (art.3), per incentivi al lavoro femminile, alla condivisione della cura e l’armonizzazione dei tempi di vita e di lavoro (art.4), per sostenere la spesa delle famiglie per la formazione dei figli e il conseguimento dell’`autonomia finanziaria dei giovani (art.5).

Nell’iter di approvazione del DDL, l’assegno unico universale, che rappresenta uno degli assi portanti, è stato scorporato dal Family Act vero e proprio e, per motivi d’urgenza, è stato normato da una legge delega ad hoc (L. 46/2021) (per un approfondimento sull’assegno unico cfr. https://www.cfnews.it/previdenza/assegno-unico-e-universale-per-i-figli-quid-juris-in-caso-di-coppie-separate/).
Trattasi di una riforma che più di altre punta a sostenere le famiglie italiane e la natalità nel nostro Paese, fornendo un concreto e reale aiuto.
L’obiettivo alla base è quello di promuovere la parità di genere all’interno dei nuclei familiari favorendo anche l’occupazione femminile, soprattutto nel Sud Italia.

Tra le novità più significative si segnala il potenziamento dei congedi parentali, laddove la riforma si intreccia con l’attuazione delle direttive europee.
L’obiettivo, nell’ottica di una maggiore parità di genere, è quello di estendere ulteriormente il periodo di congedo, obbligatorio per il padre lavoratore nei primi mesi di nascita del figlio, rispetto agli attuali 10 giorni.
Il congedo, inoltre, dovrà essere concesso a prescindere dallo stato civile o di famiglia del lavoratore e non dovrà essere subordinato ad una determinata anzianità lavorativa e di servizio.
Una maggiore flessibilità è prevista anche in tema di permessi retribuiti dal lavoro. Questi potranno essere utilizzati per accompagnare le donne in gravidanza ad una visita ginecologica e per i colloqui scuola famiglia.
I permessi, in linea con le direttive europea, sono previsti per una durata pari ad almeno 5 ore.

Non mancano, tuttavia, tutele anche nei confronti dei datori di lavoro laddove, con riferimento al congedo di paternità, i decreti attuativi dovranno indicare in maniera esplicita un ragionevole periodo di preavviso entro cui il lavoratore dovrà comunicare al datore di lavoro la fruizione del congedo.

Sono previste, inoltre, misure a favore del lavoro femminile, come gli incentivi per i datori di lavoro che adottino modalità di lavoro flessibili, con facoltà dei lavoratori di chiedere, secondo le previsioni dei medesimi contratti, il ripristino dell’originario regime contrattuale; ulteriori incentivi per le imprese sono previsti, inoltre, per sostituzioni di maternità, per il rientro delle donne al lavoro e per le attività di formazione ad esse destinate.

Altro punto centrale della riforma è quello che assicura il protagonismo dei giovani under 35, promuovendo la loro autonomia finanziaria tramite un sostegno per le spese universitarie e per l’affitto della prima casa.
Trattasi di novità di rilievo, considerato che nel nostro Paese, ancora oggi il 23,1% dei giovani tra i 15 e i 29 anni non studia né lavora e vive a casa con i genitori. Fondamentale, dunque, la loro autonomia finanziaria, così come la possibilità economica per le giovani coppie di trovare casa, nell’auspicio che ciò possa frenare la denatalità.

Sono previsti, infine, interventi a supporto della responsabilità genitoriale, laddove il Governo, nell’emanazione dei decreti attuativi, dovrà promuovere la “diffusione di attività informative e formative volte a favorire la conoscenza sui diritti e sui doveri di genitori…con attività di supporto nelle diverse fasi della vita familiare e di sostegno alle scelte dei genitori, anche mediante attività di mediazione familiare” (art. 6 L. 32/2022).

Da un punto di vista operativo ci sarà molto da fare poiché la Legge Delega contiene un pacchetto di misure che saranno attuate previa emanazione degli appositi decreti legislativi e previa adeguata copertura finanziaria. Tuttavia gli ambiti di intervento della legge disegnano già i possibili scenari del prossimo futuro Welfare per le aziende e per le famiglie.

Credits: Julien Malland aka Seth Globe painter, Les Mégapoles, 2011

Di Ida Grimaldi, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

La cicala e la formica

Enzo Cianciotta
È giusto – o no – patire oggi di rinunce certe a fronte di una possibile (ma non sicura) utilità futura?

Leggi l'articolo

La disillusione dell’attesa virtuosa

Massimo Corrado Di Florio
Conta assai più il qui e adesso che il poi un po’ più in là

Leggi l'articolo

La marcia del granchio

Anna Paola Lacatena
Se il futuro ci spaventa allora viviamo la presentificazione del tempo

Leggi l'articolo

Dove si studia il futuro

Fabio Millevoi
Studiare i futuri è una scelta fondamentale per capire i cambiamenti in arrivo e prepararsi a gestirli

Leggi l'articolo

Fuga in avanti

Lorenzo Trigiani
Esplorare il modo in cui le idee sul futuro informino l’azione nel presente è lo scopo degli studi di futuro

Leggi l'articolo

Case domani

Carla Broccardo
Un progetto di “ricerca – azione” per immaginare il futuro dell’intera filiera edile

Leggi l'articolo

Ladri di avvenire

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

Leggi l'articolo

Identità, differenze e contaminazioni

Andrea Buti
Noi avvocati dobbiamo imparare a diffidare di ricette semplici e facili che non risolvono nulla

Leggi l'articolo

Progettare (e) futuro

Silvia Bona
Una rivoluzione che restituisce al progettare il suo senso e la sua capacità autenticamente generativa

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante

Pride

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Uno degli scherzi più brutti che può fare Madre Natura è far nascere gli sciocchi

Parità di genere in Avvocatura

Pubblicato in ||||

Rosanna Rovere
La sorellanza è una rivoluzione che deve partire dall’interno per andare all’esterno

Flatus vocis

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

Arringa sapiente

Pubblicato in ||||

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Parole a buon mercato

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

La nuova retorica

Pubblicato in ||||

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche