2020 l’anno del contagio

2020 l’anno del contagio

Sir Arthur Charles Clarke scrisse “2001: A Space Odyssey” nel 1968. Il ciclo dei racconti di fantascienza si è concluso nel 1993, con l’ultimo dei quattro, intitolato “ 3001: The Final Odyssey”. Il secondo racconto “2010: Odyssey Two” divenne anche un film: “2010 – L’anno del contatto” (un sequel del più famoso “2001 Odissea nello spazio”).

Insomma, nel 2010, il nostro Arthur C. Clarke, descriveva un futuro in cui, a causa delle solite beghe tra due super potenze, qualcosa accadeva anche nello spazio. Ma sì, le solite divisioni, le noiose competizioni, i segreti e l’isolamento delle parti in causa. Nelle rispettive capsule spaziali i due equipaggi restavano contrapposti e per nulla disposti a cooperare tra loro.

Nel 2020 siamo arrivati all’anno del contagio. Parrebbe un divertente gioco di parole. Beh, sì, un po’ lo è. Tuttavia, nemmeno mi va di scherzare troppo. Appena un po’. Il guaio è che adesso, poco alla volta, al grido di dagli all’untore! (“l’untore! dagli! dagli! dagli all’untore!” “Chi? io! ah strega bugiarda! sta zitta,” gridò Renzo…”) ci hanno chiuso e non ci fanno uscire dal Paese.

Chi la fa l’aspetti, si potrebbe dire. Che dite? Lo diciamo anche al cittadino cinese che fugge dall’Italia perché territorio insicuro e vola via verso la Cina i cui voli in arrivo avevamo prontamente bloccato qualche settimana fa?

Essì, il tempo passa in fretta. Solo qualche settimana fa.

Adesso invochiamo misure forti. Poteri all’uomo più forte. Un commissario. Un super commissario! Un super forte commissario. Uno che mo’ vi faccio vedere io come si fa. Uno che mo’ decido tutto io. Ma sì. Perché no? Ovvero, perché sì? Ovvero ancora, ma che ne so?

Si rincorrono richieste tra le più strampalate e anche bizzarre.
Sì, vabbè, ma posso portare fuori il cane? Che poi sarebbe come dire “esco il cane che lo piscio?” “Escilo, Escilo!” Tanto poi, mica ci puoi andare nei “pronti soccorsi”. La lingua italiana infettata dal covid-19. Le mascherine? Terminate.

Che suggestivo virus che è venuto a trovarci nel bel mezzo di un triste carnevale. Dite che dobbiamo dire “vairus” ? Ao’ quello fa il ministro degli esteri. Saprà lui come si pronuncia ‘sta parola straniera! Nel 3001 finirà l’Odissea.

#TOPICS: ultimi articoli

Vicini e lontani

Anna Losurdo
È indiscutibile che millenni di civiltà abbiano inciso in maniera profonda sul DNA umano

Leggi l'articolo

Desideri ingannevoli

Aldo Luchi (Avvocato in Cagliari)
Niente è più facile che ingannare se stessi; l’uomo crede vero tutto ciò che desidera

Leggi l'articolo

Uomini, mezzi uomini e ominicchi

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
Tornerà presto -speriamo- il tempo degli abbracci, dei baci, degli incontri e delle riunioni nei nostri studi

Leggi l'articolo

Dallo Statuto dei lavoratori allo Statuto dei lavori

Vito Vannucci (Avvocato in Livorno)
Una vera e propria svolta culturale nell’approccio del legislatore ai temi del trattamento giuridico delle attività di lavoro autonomo e delle attività professionali

Leggi l'articolo

Audizione dell’Istat

Linda Laura Sabbadini (Direttrice della Direzione centrale per gli studi e la valorizzazione tematica nell’area delle statistiche sociali e demografiche)
L’audizione dell’Istat in Commissione Lavoro alla Camera dei deputati

Leggi l'articolo

Ecce homo

Enzo Varricchio
Forse non saremo i più adeguati secondo la storia della nostra specie, ma potremmo diventare i primi a tornare ad esserlo

Leggi l'articolo

La famiglia umana

Ileana Alesso (Avvocata in Milano)
Non c’è oggi il potere calmante dell’abbraccio, del gesto collettivo affettivo inferiore al metro

Leggi l'articolo

Clienti di genere

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Per l’avvocata/o non sarebbe male se gli uomini parlassero un po’ di più e le donne fossero più concise

Leggi l'articolo

La prima volta

Nicky Persico (Avvocato in Bari e scrittore)
Ho sempre ammirato le persone che praticano il rispetto: anche e soprattutto quando non ne sono costrette

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL TOTALMENTE ALTRO

Pubblicato in

(il Diritto al rovescio) Qui si parla della negazione di…

Antropomorfizzazione

Pubblicato in

(narrazione improbabile da un punto di vista impossibile) Mi scopro…

Cinema e processo politico

Pubblicato in |||

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Anche nelle nostre rassicuranti società occidentali il pericolo del pregiudizio politico è sempre in agguato

Baciami, anzi no. Non più.

Pubblicato in

È ben noto che si finisce col ritenere corrette le…

Vicini e lontani

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
È indiscutibile che millenni di civiltà abbiano inciso in maniera profonda sul DNA umano

Per restare a casa occorre lavorare

Pubblicato in

Ciò che molto modestamente io sto imparando da questo attacco…

Generazione hikikomori

Pubblicato in |||

Rosanna Maria Della Corte (Psicologa e psicoterapeuta in Milano)
Oggi l’adolescente, non trovando più di fronte l’adulto come colui che regge la sua opposizione, si volge ai pari

MARTORE A CONFRONTO

Pubblicato in

I simpatici animaletti si preparano alla stagione primaverile. Gli accoppiamenti…

Audizione dell’Istat

Pubblicato in |||

Linda Laura Sabbadini (Direttrice della Direzione centrale per gli studi e la valorizzazione tematica nell’area delle statistiche sociali e demografiche)
L’audizione dell’Istat in Commissione Lavoro alla Camera dei deputati

La giudice

Pubblicato in |||

Paola di Nicola (Tribunale di Roma)
Essere riconosciuta dal proprio interlocutore, chiunque esso sia, come magistrato e non come l’altra metà del cielo che, per millenni, è stata estromessa

Ecce homo

Pubblicato in |||

Enzo Varricchio
Forse non saremo i più adeguati secondo la storia della nostra specie, ma potremmo diventare i primi a tornare ad esserlo

Clienti di genere

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)
Per l’avvocata/o non sarebbe male se gli uomini parlassero un po’ di più e le donne fossero più concise