linea

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Nel mio più profondo io sono un millantatore seriale. Lo sono in modo talmente tanto elevato che non stento a definirmi millantatore professionale.

Il vero guaio è che all’inizio (un inizio in cui non concedevo neppure a me stesso la possibilità di confessarmi tale) facevo finta di essere un dilettante. Sì, un tuttologo dilettante senza alcun rimorso. Poi, con calma, sono diventato un vero e proprio professionista del nulla.

Un professionista del vacuo mai scoperto da nessuno e osannato da tanti. Nessun senso di colpa, mai. Né nei confronti della mia famiglia (che credeva che io fossi un intellettuale triste, una specie di esistenzialista della politica), né nei riguardi della società in cui mi sono pavoneggiato con abilità innata.

Si giunge, tuttavia, ad un punto tale di menzogne che, al solo scopo di non perdere il prestigio guadagnato sul campo, si è costretti a confessarle a qualcuno. Essendo un egotico inguaribile, l’unico “qualcuno” cui confessare la mia orribile e genetica millanteria non poteva che essere il mio me stesso, un io ipertrofico. Un me stesso riciclato migliaia di volte.

Sono un politico millantatore. Mi presento alle prossime elezioni millantando capacità, competenze e, soprattutto, totale assenza di vergogna. D’altronde un millantatore non può e non deve conoscere il pudore né il ritegno. Nessuna autocensura e nessun rimorso per quello che ho inventato (su di me, ovviamente) sino ad oggi. Lo rifarei. Mi ri-presento alle prossime elezioni con la maturata e saggia consapevolezza di essere un vuoto pneumatico. Meravigliosa estasi del niente.

Votatemi, fatelo per me. Sarò la vostra migliore espressione del disimpegno sociale, politico, morale e chi più ne ha, più ne metta (anche perché io non ho molto altro da aggiungere).

Possedevo un gatto. Il suo nome è irrilevante. Avevo convinto tutti che allevare un felino domestico fosse un vero e proprio dovere kantiano. Ancora oggi non so chi sia Kant.

Ho sviluppato la tendenza (meravigliosa essenza del mio personalissimo non-sapere) ad elaborare articolati ragionamenti partendo dalle didascalie delle fotografie contenute in alcuni manuali illustrati. Ho convinto decine di migliaia di persone a fidarsi delle mie (totalmente assenti) conoscenze.

Quando mi hanno conferito una laurea ad honorem in … nemmeno mi ricordo cosa, il Rettore di quella Università si è complimentato per la mia umiltà intellettuale.
Sono un favoloso esempio di come si possa Essere pur senza minimamente Essere.

Pochi ma limpidi concetti sostengono la mia campagna elettorale: Democrazia (l’etimo mi sfugge); Giustizia (tipo: processi brevi e roba simile); Libertà (non occorre sviluppare il concetto); Lavoro (dei lavoratori si può parlarne dopo); Stranieri (l’importante è che lavorino); Famiglia (ci basta quella che abbiamo).

Non ho nemmeno bisogno di giustificarmi poiché tutto è collegato alla mia personale ricerca della felicità. Chi può mai rimproverarmi? E perché poi? Solo per un mio presunto approfittamento? Ma, approfittamento di cosa, di chi? Delle persone cui ho voluto bene? Di quelli che nemmeno conosco e non desidero conoscere?

Dico la mia verità, e lo faccio con poche parole. La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe anche se la racconto soltanto a me stesso.

The guilty dog barks the loudest

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti bruciati

Silvia Camisasca
Svuotare altri esseri umani di ogni diritto e della dignità porterà a una catastrofe umanitaria

Leggi l'articolo

La grande svolta

Carla Broccardo
L’incertezza che caratterizza la nostra epoca non può diventare un alibi

Leggi l'articolo

Guardando (oltre) le nuvole

Annapaola Pozzi
La salvaguardia del pianeta terra dipende anche da noi e dai nostri comportamenti

Leggi l'articolo

Un nuovo modo di fare ricerca

Rita Giuffredi
Un nuovo approccio alla risoluzione di problemi socio-ecologici complessi

Leggi l'articolo

Versi ambientali

Amelia De Lazzari
Due poesie per Terra

Leggi l'articolo

Le Reti LTER

Caterina Bergami
Le Reti di Ricerca Ecologica di Lungo Termine per lo studio degli ecosistemi a scala globale

Leggi l'articolo

La Rete Natura 2000 dell’UE

Bruno Petriccione
Roccaforte della conservazione della Natura in Europa e in Italia

Leggi l'articolo

Comunicare l’ecologia

Alessandra Pugnetti
La conoscenza scientifica e lo sviluppo tecnologico da soli non possono risolvere la crisi ecologica globale

Leggi l'articolo

La co-scienza dell’equilibrio

Sabrina Presto
Scienza multidisciplinare e coscienza della complessità del problema

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Su una strada rassicurante

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Che si guardi il cielo e ci si possa naufragare

Una quota per gli incarichi

Pubblicato in ||||

Fabio Cesare
Le nomine degli avvocati a curatore e amministratore giudiziario sono presidi di legalità voluti dal legislatore

I C.P.O. dieci anni dopo

Pubblicato in ||||

Pina Rifiorati
I temi congressuali richiamano il ruolo dei Comitati protagonisti del cambiamento nella nostra professione

Un progetto virtuoso

Pubblicato in ||||

Tatiana Biagioni
A tutela delle professioniste, delle giovani e dei giovani, delle disabili e dei disabili per contrastare tutte le discriminazioni

Piccoli sassi senza importanza

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Massi, ma anche polvere, piccole pietre.
Esattamente come certe cose della vita

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Uscire dal tunnel

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il tunnel rappresentava la loro nuova casa, la protezione, la sicurezza

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante

Pride

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Uno degli scherzi più brutti che può fare Madre Natura è far nascere gli sciocchi