linea

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Nel mio più profondo io sono un millantatore seriale. Lo sono in modo talmente tanto elevato che non stento a definirmi millantatore professionale.

Il vero guaio è che all’inizio (un inizio in cui non concedevo neppure a me stesso la possibilità di confessarmi tale) facevo finta di essere un dilettante. Sì, un tuttologo dilettante senza alcun rimorso. Poi, con calma, sono diventato un vero e proprio professionista del nulla.

Un professionista del vacuo mai scoperto da nessuno e osannato da tanti. Nessun senso di colpa, mai. Né nei confronti della mia famiglia (che credeva che io fossi un intellettuale triste, una specie di esistenzialista della politica), né nei riguardi della società in cui mi sono pavoneggiato con abilità innata.

Si giunge, tuttavia, ad un punto tale di menzogne che, al solo scopo di non perdere il prestigio guadagnato sul campo, si è costretti a confessarle a qualcuno. Essendo un egotico inguaribile, l’unico “qualcuno” cui confessare la mia orribile e genetica millanteria non poteva che essere il mio me stesso, un io ipertrofico. Un me stesso riciclato migliaia di volte.

Sono un politico millantatore. Mi presento alle prossime elezioni millantando capacità, competenze e, soprattutto, totale assenza di vergogna. D’altronde un millantatore non può e non deve conoscere il pudore né il ritegno. Nessuna autocensura e nessun rimorso per quello che ho inventato (su di me, ovviamente) sino ad oggi. Lo rifarei. Mi ri-presento alle prossime elezioni con la maturata e saggia consapevolezza di essere un vuoto pneumatico. Meravigliosa estasi del niente.

Votatemi, fatelo per me. Sarò la vostra migliore espressione del disimpegno sociale, politico, morale e chi più ne ha, più ne metta (anche perché io non ho molto altro da aggiungere).

Possedevo un gatto. Il suo nome è irrilevante. Avevo convinto tutti che allevare un felino domestico fosse un vero e proprio dovere kantiano. Ancora oggi non so chi sia Kant.

Ho sviluppato la tendenza (meravigliosa essenza del mio personalissimo non-sapere) ad elaborare articolati ragionamenti partendo dalle didascalie delle fotografie contenute in alcuni manuali illustrati. Ho convinto decine di migliaia di persone a fidarsi delle mie (totalmente assenti) conoscenze.

Quando mi hanno conferito una laurea ad honorem in … nemmeno mi ricordo cosa, il Rettore di quella Università si è complimentato per la mia umiltà intellettuale.
Sono un favoloso esempio di come si possa Essere pur senza minimamente Essere.

Pochi ma limpidi concetti sostengono la mia campagna elettorale: Democrazia (l’etimo mi sfugge); Giustizia (tipo: processi brevi e roba simile); Libertà (non occorre sviluppare il concetto); Lavoro (dei lavoratori si può parlarne dopo); Stranieri (l’importante è che lavorino); Famiglia (ci basta quella che abbiamo).

Non ho nemmeno bisogno di giustificarmi poiché tutto è collegato alla mia personale ricerca della felicità. Chi può mai rimproverarmi? E perché poi? Solo per un mio presunto approfittamento? Ma, approfittamento di cosa, di chi? Delle persone cui ho voluto bene? Di quelli che nemmeno conosco e non desidero conoscere?

Dico la mia verità, e lo faccio con poche parole. La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe anche se la racconto soltanto a me stesso.

The guilty dog barks the loudest

#TOPICS: ultimi articoli

La cicala e la formica

Enzo Cianciotta
È giusto – o no – patire oggi di rinunce certe a fronte di una possibile (ma non sicura) utilità futura?

Leggi l'articolo

La disillusione dell’attesa virtuosa

Massimo Corrado Di Florio
Conta assai più il qui e adesso che il poi un po’ più in là

Leggi l'articolo

La marcia del granchio

Anna Paola Lacatena
Se il futuro ci spaventa allora viviamo la presentificazione del tempo

Leggi l'articolo

Dove si studia il futuro

Fabio Millevoi
Studiare i futuri è una scelta fondamentale per capire i cambiamenti in arrivo e prepararsi a gestirli

Leggi l'articolo

Fuga in avanti

Lorenzo Trigiani
Esplorare il modo in cui le idee sul futuro informino l’azione nel presente è lo scopo degli studi di futuro

Leggi l'articolo

Case domani

Carla Broccardo
Un progetto di “ricerca – azione” per immaginare il futuro dell’intera filiera edile

Leggi l'articolo

Ladri di avvenire

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

Leggi l'articolo

Identità, differenze e contaminazioni

Andrea Buti
Noi avvocati dobbiamo imparare a diffidare di ricette semplici e facili che non risolvono nulla

Leggi l'articolo

Progettare (e) futuro

Silvia Bona
Una rivoluzione che restituisce al progettare il suo senso e la sua capacità autenticamente generativa

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante

Pride

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Uno degli scherzi più brutti che può fare Madre Natura è far nascere gli sciocchi

Parità di genere in Avvocatura

Pubblicato in ||||

Rosanna Rovere
La sorellanza è una rivoluzione che deve partire dall’interno per andare all’esterno

Flatus vocis

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

Arringa sapiente

Pubblicato in ||||

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Parole a buon mercato

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

La nuova retorica

Pubblicato in ||||

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche

Parlare? A che pro?

Pubblicato in ||||

Tania Rizzo e Lucia Randazzo
Una regola aurea: parlare poco, scrivere bene, ragionare sempre