portici bari

Portici – Bari. Campioni d’inverno

Come da pronostico il Bari conquista l’ennesima vittoria in campionato, la quarta consecutiva.
La partita si è dimostrata più semplice di quanto potesse sembrare all’inizio.
Il Bari si presentava a Portici con diverse assenze, tra le più importanti quelle di Brienza, Bolzoni e Pozzebon, che non hanno però pesato sulla prestazione e sul risultato.
Un 3 a 0 che non ammette repliche da parte di nessuno e che regala al Bari il titolo di campione d’inverno, con tre turni d’anticipo, a causa della concomitante sconfitta della Turris.
La partita si mette subito in discesa per i biancorossi, vista la rete segnata da Simeri solo dopo tre minuti di gioco.
Nel primo tempo, eccezion fatta per un tiro deviato in angolo da Marfella, il Portici non crea occasioni degne di nota, anzi, sono i Biancorossi a sfiorare ripetutamente il raddoppio.
Il primo tempo si chiude con il Bari in vantaggio per 1 a 0.
Nella ripresa i biancorossi partono subito forte e nell’arco di 20 minuti chiudono la pratica Portici, prima con un goal di Cacioli al minuto 51 e successivamente con un goal del migliore in campo, Neglia, al minuto 66.
Fino al novantesimo si assiste solo ad accademia da parte del Bari con Mister Cornacchini che fa esordire i nuovi acquisti Bianchi e Iadaresta.
La partita finisce con il risultato di 3 a 0 con i biancorossi che sfiorano ripetutamente il quarto goal.
Il Bari continua la propria striscia positiva centrando la quarta vittoria di fila e allungando in classifica, grazie alla sconfitta della Turris sul campo della Città di Messina.
I biancorossi si laureano campioni d’inverno con tre giornate d’anticipo avvicinandosi sempre più all’obiettivo promozione.
La squadra è ormai una macchina perfetta che non risente delle assenze dei presunti titolari; chiunque entri fa la sua parte non facendo rimpiangere nessuno.
La società, che fino a questo momento non ha sbagliato un colpo, ha messo a disposizione dell’allenatore due nuovi acquisti e non si esimerà dal cogliere altre occasioni che possano rinforzare la squadra oggi e preparare una solida base per il futuro.
Anche nella partita di ieri si è vista la netta differenza tra le squadre in campo lasciando sempre più quella sensazione che il Girone I del campionato di serie D si continui a giocare solo per le posizioni dalla seconda in giù perchè il primo posto ha già un padrone che difficilmente cambierà fino alla fine del campionato.
Avanti Bari, noi ci crediamo

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola