SANCATALDESE - BARI

SANCATALDESE – BARI…. ADESSO E’ FUGA

Nel giorno in cui i tifosi biancorossi piangono la scomparsa del mai dimenticato attaccante Philemon Masinga, ricordato anche con un minuto di raccoglimento, il Bari consegue il diciottesimo risultato utile consecutivo allungando, forse in maniera decisiva, sulla Turris, seconda in classifica.

La corazzata biancorossa incontra più difficoltà di quelle
che ci si aspettavano contro un avversario impelagato nella lotta per non
retrocedere.

I padroni di casa partono subito forte e dopo solo 8 minuti
trovano il goal grazie a un calcio piazzato Ficarrotta.

Colpito a freddo il Bari fa fatica a reagire, ed infatti,
sono i padroni di casa a sfiorare il goal del raddoppio.

La partita è maschia e scorbutica, come spesso accaduto in
questo campionato per i galletti, che come sempre hanno dimostrato la
superiorità anche adeguandosi al tipo di partita.

Al minuto 22 però, dopo una bella giocata di Floriano sulla
sinistra, il Bari trova il goal del pareggio con Neglia, ben appostato sul secondo
palo, e pronto a ribadire in rete.

Il primo tempo si chiude con il risultato di 1 a 1 senza giocate di spicco
ma con tanti duelli fisici e maschi.

Il secondo tempo il Bari scende in campo impossessandosi del
campo e della partita e sfiorando in diverse occasioni il goal del vantaggio
che arriva al minuto 66 e realizzato da Floriano, bravo a ribadire in rete un
cross di Aloisi dopo una travolgente azione sulla fascia destra.

I padroni di casa non ci stanno e si riversano in attacco
alla ricerca del goal del pareggio che probabilmente avrebbero anche meritato
soprattutto sul tiro di Sicurella schiantatosi sul palo.

Il finale è incandescente ed a farne le spese è Piovanello,
espulso dalla panchina a seguito di vibranti proteste per un durissimo fallo commesso
ai danni di Aloisi.

Il Bari, complice la sconfitta della Turris sul campo del
Troina, porta a 12 il proprio vantaggio sulla seconda cominciando quella che
senza azzardo alcuno potremmo definire forse la fuga decisiva.

Il Bari ha dimostrato ancora una volta di essersi calato in
maniera decisiva in questa categoria sconosciuta fino a poco tempo fa.

I biancorossi sono ormai proiettati con passo spedito verso
la Lega Pro e la società sta già programmando la prossima stagione non solo
allestendo una squadra che dica la propria anche tra i professionisti, ma
rinforzando anche la struttura societaria con nuovi progetti e nuovi partners.

Sicuramente la famiglia De laurentis non si farà trovare
impreparata e sarà in grado di allestire una squadra in grado di primeggiare
anche in Lega Pro, non trascurando il sogno di un ripescaggio in serie B. 

Avanti Bari, noi ci crediamo

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola