Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

di Sara Invitto (Ricercatrice universitaria di Psicologia Generale e Sperimentale UniSalento)

Sono ricercatrice universitaria di Psicologia Generale e Sperimentale presso l’Università del Salento. Insegno Psicologia generale, Scienze Cognitive e Psicologia Cognitiva e Sistemi Neurali.

I miei principali temi di ricerca e le pubblicazioni sono focalizzati principalmente sulla Cognizione chemiosensoriale. Quando sono diventata ricercatrice in Università del Salento non c’era nessun laboratorio di Psicologia Sperimentale e nulla che riguardasse il mio campo di ricerca.
Non avevo fondi di ricerca o un computer.
In una situazione di assoluta “solitudine scientifica“, ho provato a costruire strumentazione per ricerca, non avendo la possibilità di acquistare un elettroencefalografo, strumento con cui lavoravo a Roma nel Laboratorio di Psicofisiologia presso l’Università la Sapienza.
Così ho compreso che sarebbe stato possibile brevettare delle strumentazioni per ricerca.

Ora ho attivato il Laboratorio INSPIRE, laboratorio sui processi cognitivi e psicofisiologici dell’Olfatto, presso il Dipartimento DiSTeBA, nell’Università del Salento.

Non è facile brevettare all’interno dell’Università.

È necessario pagare e sostenere le spese del brevetto con i propri fondi di ricerca (l’Università non garantisce il pagamento delle tasse brevettuali, nonostante il trovato sia comunque ceduto, come proprietà, all’Università).

Ho costruito due tipi di strumentazioni, la prima sulla sincronizzazione elettroencefalica, la seconda permette, in maniera easy and “userfriendly” la stimolazione olfattiva interfacciata a strumenti di neuroimaging.
Mi ricordo che non avevo, all’inizio, alcun fondo, e comprai con i miei soldi un materiale schermante (il mu metal) da Amazon, per fare esperimenti sulla variazione di campo elettromagnetico indotta da uno stimolatore di campo.

So che era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica, ma era spinta dalla voglia di non perdere l’oggetto di studio che mi aveva formato e che tanto avevo amato, quello legato all’elettrofisiologia cognitiva.

Per questi depositi brevettuali ho ricevuto riconoscimenti nazionali e internazionali: il Gold Innovator Winner Award da Global Women Inventors & Innovators Network e l’European Women Innovators and Inventors Network (2017); Premio Italian Women Innovators & Inventors Network con menzione speciale nel campo dell’innovazione (2015).
Nel 2019 ho ricevuto l’Outstanding review Award di Brain Sciences.

Lavoro sulla cognizione chemiosensoriale, che più di altre è una risposta legata ad aspetti relazionali, emozionali e mnestici.

E’ inoltre un onore, per me, essere in circuiti internazionali di ricerca legata alle Neuroscienze Cognitive ed essere entrata nel consiglio direttivo della Società Italiana di Psicofisiologia e Neuroscienze Cognitive.
Dal 2010 mi occupo anche degli aspetti neurocognitivi all’interno dei fenomeni connessi alla violenza di genere.
Ho attivato una convenzione di ricerca con il Centro Antiviolenza dell’Ambito Territoriale di Lecce, il Centro Renata Fonte, attraverso la Presidente Maria Luisa Toto.
La convenzione è nata per pregressi avuti con un Centro Antiviolenza di Roma, dove avevo trovato pochissima professionalità.
Attraverso una mia tesista, abbiamo iniziato il primo lavoro di tesi all’interno del centro (era il 2010) e da lì, successivamente ho attivato le convenzioni di tirocinio per le studentesse di psicologia, la convenzione di ricerca, tanti lavori di tesi e progetti.

Il taglio psicofisiologico ed elettrofisiologico non è scontato all’interno dei centri Antiviolenza.
Uno dei risultati più evidenti delle nostre ricerche è legato al costrutto di violenza identificato dalle donne che vivono quel contesto.
La violenza viene percepita attraverso un processo di “abituazione” cerebrale, per cui le donne non entrano più in uno stato d’allerta e fuga (funzionale alla sopravvivenza) quanto si trovano davanti a situazioni di pericolo.
Questa abituazione porta al non evitamento dello stimolo connesso alla violenza e quindi all’esposizioni a potenziali situazioni pericolose.

Ora stiamo lavorando sulla correlazione tra attaccamento e risposta olfattiva in situazioni di stress cronico, quali quelle connesse alla violenza domestica.

https://www.unisalento.it/scheda-utente/-/people/sara.invitto

https://loop.frontiersin.org/people/26179/overview

Image credit:

#TOPICS: ultimi articoli

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

Leggi l'articolo

La sorte della cessione del “quinto”

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Leggi l'articolo

Classi di ferro

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Leggi l'articolo

Il dialogo tra debito e potere

Fabio Cesare
I principi di diritto positivo vanno dunque contestualizzati in modo dinamico alla luce di valori di coesione sociale

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno

Il salto culturale

Pubblicato in |||

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Salvare i più sfortunati

Pubblicato in |||

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

La sorte della cessione del “quinto”

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Classi di ferro

Pubblicato in |||

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Quale avvocato per la crisi famigliare

Pubblicato in |||

Isabella De Bellis Sciarra
Un approccio che tenga conto solo delle aspettative del cliente rischia di portare a scelte operative controproducenti