Diritti in musica

Diritti in musica

di Aldo Luchi (Avvocato in Cagliari)

La musica è una delle forme d’arte che ha maggiormente condizionato i processi evolutivi sociali e politici dell’ultimo secolo, fin dai primi decenni del ‘900, a partire dal Jazz e dal Blues, per esempio nel faticoso superamento dell’apartheid e delle leggi razziali negli Usa, per proseguire con le molteplici rivoluzioni della cultura giovanile segnate dal Rock ‘n roll, dal Beat, dal Punk, dal Grunge, ma anche da altri movimenti Pop.

Alcuni di questi movimenti culturali hanno avuto, almeno nella loro fase iniziale, una forte matrice identitaria, si pensi all’Hip-hop o al Reggae, fortemente intrisi delle esperienze storiche e culturali delle comunità nelle quali sono nati.

Altri, molto meno vincolati al vissuto del tessuto sociale di provenienza, hanno avuto una maggiore diffusione e hanno subito, anche per questo motivo, maggiori adattamenti al vissuto personale dei musicisti che se ne rendevano interpreti e delle loro comunità.

Un elemento comune a tutte queste forme espressive è quello di aver dato voce, in alcuni casi sporadicamente e in altri più stabilmente, a istanze di natura sociale e politica.

Per citare gli esempi più noti – i classici, appunto -, appartengono a questa categoria:

Ohio” (Neil Young, 1970 – Album: Crosby, Stills, Nash & Young, “Four Way Street”), scritta a seguito della repressione operata dalla polizia di Kent nei confronti degli studenti che manifestavano davanti alla Kent State University contro la guerra in Vietnam, il 4 maggio 1970, che uccise quattro giovani uccisi con colpi d’arma da fuoco sparando sulla folla;

Southern Man” (Neil Young, 1970 – Album “After The Gold Rush”), una ferma condanna del razzismo in tutte le sue forme, dalla violenza dello schiavismo degli stati del Sud all’ipocrisia religiosa della quale era permeato, ma contenente anche riferimenti estremamente attuali al Ku Klux Klan ed a quelli che oggi chiamiamo suprematisti;

Sunday Bloody Sunday” (U2, 1982 – Album “War”), che rievoca il massacro compiuto dall’Esercito Britannico nei confronti dei manifestanti (14 morti e 14 feriti) a Derry il 30 gennaio 1972;

Stand Up For Your Rights” (Bob Marley, 1973 – Album “Burnin”) e “Know Your Rights” (The Clash, 1982 – Album “Combat Rock”), che sono un inno alla lotta per il riconoscimento dei diritti dei poveri.

In questo panorama esiste poi un pezzo divenuto storico, la cui unicità è rappresentata dal fatto di essere stato scritto dopo l’esame degli atti processuali di un fatto di cronaca e con la finalità, poi raggiunta, di ottenere la revisione di una condanna ritenuta ingiusta.

In “Hurricane” (1975 – Album “Desire”) Bob Dylan mette in evidenza tutte le storture, le contraddizioni e le violazioni che avevano caratterizzato il processo celebrato contro Rubin Carter, un pugile di colore in grandissima ascesa noto con il soprannome di “Hurricane”, accusato di un triplice omicidio volontario (“the crime was murder one”) avvenuto a Paterson (New Jersey) il 17 giugno 1966, che ha scontato 20 anni di carcere prima che ne venisse acclarata l’innocenza.

Il testo della canzone sottolinea, mutuando la tecnica forense, gli elementi critici della ricostruzione che aveva portato alla condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo superficiale, frettoloso e ingiusto:

il mancato riconoscimento di Carter da parte di una delle vittime moribonda all’ospedale (“wha’d you bring him in here for? He ain’t the guy!”);

la palese falsità delle testimonianze dei due rapinatori (Alfred Bello ed Arthur Dexter Bradley) scoperti a rubare il contenuto della cassa subito dopo l’omicidio;

la prevenzione della polizia, determinata ad incastrare a tutti i costi Carter (“That sonofabitch is brave and gettin’ braver / We want to put his ass in stir / We want to pin this triple murder on him”), perfino inducendo Bradley e Bello a testimoniare il falso in cambio dell’impunità per altri reati da loro compiuti (“The cops said a poor boy like you could use a break / We got you for the motel job and we’re talkin’ to your friend Bello / You don’t wanta have to go back to jail, be a nice fellow”), per motivi razziali (“Think it might-a been that fighter that you saw runnin’ that night / Don’t forget that you are white”);

l’illegittima formazione della giuria composta di soli bianchi ed il pregiudzio del Giudice (“All of Rubin’s cards were marked in advance / the trial was a pig-circus, he never had a chance / The judge made Rubin’s witnesses drunkards from the slums”) in un’America ancora impregnata di razzismo (“In Paterson that’s just the way things go / If you’re black you might as well not show up on the street / ‘Less you want to draw the heat”).

Soltanto nel 1985, grazie alla sensibilizzazione innescata da Dylan e al contributo determinante di un gruppo di studenti universitari canadesi, la Corte Federale annullò la condanna all’ergastolo.
La sentenza fu confermata prima dalla Corte d’Appello e poi dalla Corte Suprema che dichiarò inammissibile il ricorso dell’Ufficio del Procuratore, e Carter fu definitivamente scagionato.

Ciò che rende unico questo brano non è soltanto l’inequivoca affermazione di sdegno da parte del cittadino Dylan nel constatare come la giustizia viene amministrata nel suo Paese (“Couldn’t help but make me feel ashamed to live in a land / Where justice is a game”), ma soprattutto la capacità di Dylan di rendere fruibili a chiunque argomenti tecnici, come sono quelli di carattere processuale, utilizzando un registro fatto di slang e metafore che, paradossalmente, finisce per rendere ancor più netto e chiaro il suo argomentare.

Un’arringa in poesia e in musica.

di Aldo Luchi, su Ora Legale NEWS

Image credit: Melissa Angela Flor da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Giustizia con la “R”

Stefania Amato
Giustizia riparativa perché non persegue una risposta meramente punitiva al reato

Leggi l'articolo

Chi ha paura dell’I.A.

Anna Losurdo
La crescente complessità della vita sociale sembra invece ampliare gli ambiti di operatività degli avvocati

Leggi l'articolo

Flatus vocis

Sergio D’Angelo

Leggi l'articolo

Diritto inviolabile

Maurizia Borea
Il diritto di difesa passa anche attraverso l’informazione

Leggi l'articolo

Parlare? A che pro?

Tania Rizzo e Lucia Randazzo
Una regola aurea: parlare poco, scrivere bene, ragionare sempre

Leggi l'articolo

La nuova retorica

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche

Leggi l'articolo

Suicidio annunciato

Antonella Calcaterra
I tempi della giustizia e della sanità non coincidono quasi mai con i bisogni di cura delle persone

Leggi l'articolo

Arringa sapiente

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Leggi l'articolo

Pensieri, parole, opere e omissioni

Michele Passione
Non restare acquiescenti resta la base di tutto

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Magia delle parole della legalità

Pubblicato in |||

Angela Mazzia e Alessandra Tilli
Le parole della legalità brillano nell’incanto della narrazione fiabesca

Vergogna

Pubblicato in |||

Aldo Luchi
La parola che più di ogni altra ha perso la capacità di indicare con precisione cose e idee

Quando una morte fa rumore

Pubblicato in |||

Valeria Tocchio
Occorre una rete formativa e informativa strutturata e coordinata

Percorsi di recupero?

Pubblicato in ||||

Piero Buscicchio
Uno dei punti critici e controversi riguarda l’esistenza di luoghi di cura per l’uomo violento e maltrattante

“Family act”: novità per famiglie e lavoro

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Gli ambiti di intervento della legge delineano il futuro Welfare per le aziende e per le famiglie

Rinascita

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Il riscatto da un destino che sembrava segnato per sempre

Ignoranze

Pubblicato in |||

Nicky Persico
L’ignoranza è una colpevole forma di ottusità autoindotta

Nuove norme nei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie

Pubblicato in |

Anna Losurdo
L’art. 1 della Legge 26.11.2021 n. 206 contiene disposizioni di diretta applicazione entrate in vigore il 22 giugno 2022

Diritto e magia

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
Evitare il rischio di confondere autorevolezza e autorità usando un linguaggio comprensibile

Le parole per dire che è finita

Pubblicato in |||

Giovanna Fava
Viviamo la decisione come un lutto da elaborare senza avere alcuna difesa

Dal sovraindebitamento alla composizione negoziata

Pubblicato in ||

A cura della redazione
L’Associazione Italiana Avvocati e Gestori
della crisi da sovraindebitamento e d’impresa organizza un evento formativo a
ROMA, HOTEL OCCIDENTAL ARAN PARK, 16 e 17 Giugno 2022

La strategia UE sui diritti dei minori

Pubblicato in |

Anna Losurdo
I diritti delle persone di minore età sono diritti umani