In giro per l’Unione

In giro per l’Unione

di Nadia Germanà Tascona (Comitato scientificoFronteVerso Ntwork e Consigliera del COA di Milano)

“E’ più conveniente usare toni educati e modi cortesi anche se il nostro interlocutore è l’apoteosi dell’uomo meschino e abietto. Ciò non significa che ci si deve rivolgere a lui con l’ossequio si rende ad un Maestro, ma significa che più l’insulto è ammantato di cortesia e forbitezza più, per conseguenza acquista vigore”

così Gianluca Magi, nella introduzione del libro “La nobile arte dell’Insulto” di Liang Shiqui

Il diritto alla libertà di espressione (“freedom of speech”), sancito dal primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti d’America, è uno dei principali diritti fondamentali, sui quali si fondano i moderni Stati democratici.

A tale diritto se ne collegano altri fondamentali quali, fra i tanti, quello di diffondere e ricevere informazioni, il diritto a non essere molestato per le proprie opinioni, quello di professare liberamente la propria religione o il proprio credo politico.

Nell’ambito dell’ordinamento giuridico dell’Unione europea il riconoscimento positivo del diritto alla libertà di espressione è avvenuto di recente, attraverso il rinvio operato dal Trattato di Maastricht ai diritti riconosciuti dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (articolo F) e, successivamente, con la proclamazione della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, la Carta di Nizza, oggi allegata al Trattato ed avente lo stesso valore delle norme in esso contenute (articolo 6 TUE), in cui il diritto alla libertà di espressione viene espressamente sancito dall’art. 11, il cui dettato letterale è pressoché sovrapponibile al testo dell’art. 10 della CEDU.

La libertà di espressione viene così annoverata fra i diritti fondamentali di ogni essere umano. Oltre ad essere indispensabile per la dignità e la realizzazione personale, essa costituisce il fondamento essenziale della democrazia, della pace e della stabilità, dello sviluppo sostenibile ed inclusivo, nonché della partecipazione alla cosa pubblica.

Gli Stati hanno l’obbligo di rispettare, proteggere e promuovere il diritto alla libertà di opinione e di espressione. I criteri di adesione di Copenaghen contemplano la libertà di espressione ed il pluralismo dei mezzi di comunicazione nella loro integralità, il che impone a tutti i paesi che intendono aderire all’Unione l’assunzione dell’impegno a rimuovere tutti gli ostacoli di natura legale, regolamentare o giudiziaria che possano limitarne l’esercizio.

Il diritto alla libertà di espressione richiede e merita quindi protezione non solo in sé ma in quanto presupposto e fondamento di una società democratica, caratterizzata, come ricorda l’art. 2 del TUE, dal pluralismo, dalla non discriminazione, dalla tolleranza, dalla giustizia, dalla solidarietà e dalla parità tra uomini e donne.

Di ciò occorre tener conto anche nel giudizio di bilanciamento tra il diritto alla libertà di espressione e la tutela dei diritti eventualmente contrapposti, condizionando la legittimità di eventuali limitazioni non solo al rispetto del principio della riserva di legge, ma altresì assoggettandole ad un test di necessità ed al principio di proporzionalità.
La mancanza di una adeguata disciplina delle modalità di utilizzazione dei social media e la difficile individuazione della linea di demarcazione fra un’espressione che possa considerarsi appropriata ed una che debba essere bandita, espongono il diritto alla libertà di espressione al rischio di essere seriamente conculcato.

É fondamentale allora che istituzioni democratiche che rappresentano l’interesse dei cittadini, e fra esse il Parlamento europeo, mantengano alta la guardia contro qualsiasi forma di attentato al diritto alla libertà di espressione, adottando o promuovendo l’adozione di tutte le misure necessarie per garantire non solo ai propri membri ma, più in generale, a tutti gli individui, di esprimere liberamente il proprio pensiero.

Image credit: Wim Kantona da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Arte e Giustizia, filo rosso tra due mondi

Giulia Reina
Favorire le sinergie tra due mondi diversi ma da sempre collegati e collegabili

Leggi l'articolo

Al servizio dei giovani artisti di talento

Nicola Cea
La Fondazione Michele Cea persegue come scopo principale il sostegno ad artisti, giovani e non, in condizioni economiche disagiate

Leggi l'articolo

Arti e processo

Roberto Oliveri del Castillo
Pensare il diritto e il suo limite significa anche pensare il diritto a partire da ciò che eccede i suoi rassicuranti perimetri disciplinari

Leggi l'articolo

Ubuntu

Aldo Luchi
L’individualismo nazionalista ha distorto il concetto di libertà al punto da interpretarla come imposizione delle proprie convinzioni

Leggi l'articolo

Storie dal 41 bis

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Leggi l'articolo

Respirare turismo sostenibile

Cinzia De Marzo
Occorrono una visione di lungo periodo e progetti intelligenti per ripensare forme sostenibili di ospitalità e accoglienza

Leggi l'articolo

Autonomi automi

Sergio D’Angelo
Le relazioni di potere, che sempre più nella contemporaneità assumono forme di servitù volontaria, possono soffocare sul nascere una possibile libertà di scelta

Leggi l'articolo

Macchienereincampobianco

Vittorio Correale
…si accorse che in tutte le canzoni ce n’era una, sempre la stessa. Ne ignorava il significato ma da quella sera gli rimase in mente per sempre: libertà

Leggi l'articolo

Le imprese tra diritto e letteratura

Umberto Apice
Sembra un destino ineludibile quello di tutta la storia del fallimento a seconda che prevalga l’interesse del ceto imprenditoriale creditorio o quello della comunità nel suo complesso

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa