La chimica mi ha folgorato

La chimica mi ha folgorato

di Angela Agostiano (Ordinaria presso il Dipartimento di Chimica UniBaPresidente della Società Chimica Italiana)

Mi chiamo Angela Agostiano e sono professore ordinario di chimica fisica presso il Dipartimento di Chimica della Università di Bari.
La prima reazione della gente quando parlo del mio lavoro è di meraviglia e quasi di incredulità.
La chimica è considerata una materia ostica, la chimica insieme alla fisica quasi una bestemmia.
Insieme all’incredulità prima o poi arriva il commento scontato…per una donna poi, non deve essere stato facile.
Certo facile non è stato, per molti motivi anche ovvi.

La prima difficoltà è stata legata al fatto che io sono nata in un paese di poche migliaia di abitanti, Ferrandina, in Basilicata, da una famiglia di origine contadina, con decine di parenti che non hanno neanche lontanamente pensato di intraprendere un percorso universitario.
Grazie alla lungimiranza di mio padre, un avido lettore di libri nonostante le sue origini, io e i miei fratelli siamo stati cresciuti nel mito di migliorare noi stessi e la nostra posizione attraverso lo studio e ci siamo tutti e tre laureati.

Io ho frequentato il liceo classico con la speranza di diventare giornalista, ma, nonostante questa scuola non mi abbia certamente dato una buona formazione scientifica, l’abitudine alla disciplina e al ragionamento esercitati su mille versioni di greco e mille pagine di filosofia mi ha stranamente suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule, fossero esse di matematica o di chimica, che alla fine davano sempre una risposta alle mie domande sul perché avvenissero i fenomeni che ogni giorno mi meravigliavano per la loro complessità o apparente semplicità.

Nonostante questo interesse per le scienze, un carattere portato naturalmente ad aiutare gli altri, mi spingeva verso la decisione di studiare medicina. Decisione che però non aveva fatto i conti con le ristrettezze economiche della mia famiglia, che non poteva certo sopportare costi così gravosi per un periodo così lungo.
Lo studio della Chimica, quindi della Biochimica mi sembrò la scelta più vicina alla Medicina che io potessi fare. Ovviamente mi sbagliavo, ma questa scelta fatta per assenza di informazioni ed un po’ di irresponsabilità, si è rivelata la mia carta vincente.

La Chimica mi ha folgorato, mi ha dato la possibilità di vedere trasformare sotto i miei occhi, la materia, creare molecole e materiali e studiarne le proprietà.
Soprattutto la chimica mi ha dato una chiave di lettura dei grandi fenomeni naturali e dei piccoli gesti di ogni giorno, la ritrovavo intorno a noi, nelle molecole che con le loro reazioni guidano le nostre emozioni, nelle note di una corda di violino, nel materiale che indossiamo, nell’energia che produciamo.
Questo entusiasmo l’ho trasformato in un grande impegno che mi ha portato a diventare professore ordinario nella mia Università e presidente della Società Chimica Italiana, prima donna ad assumere questa carica nei cento anni di storia di questa società scientifica.

Il mio piacere più grande è stato quello di trasferire la mia passione ai miei studenti tramite l’insegnamento e affrontare sfide scientifiche a livello internazionale formando giovani ricercatori.
In un primo momento nel mio gruppo c’erano prevalentemente ragazzi ma, col tempo, forse anche grazie alla mia presenza, ho visto con grande soddisfazione tante ragazze avvicinarsi a questa materia e poi riuscire a cogliere tutte le opportunità che poteva offrire.
Sono sempre poche ma sono molto brave le ragazze che affrontano lo studio delle materie scientifiche.
Questo studio dovrebbe cominciare fin dall’asilo, per dare a tutti più strumenti per decidere della loro vita, al di fuori degli stereotipi ed essere sempre più protagonisti di un futuro che si prospetta difficile ma che dalla scienza aspetta soluzioni, che non potranno mai essere veramente grandi senza il contributo delle donne.

Image credit: dawnydawny da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

Leggi l'articolo

La sorte della cessione del “quinto”

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Leggi l'articolo

Classi di ferro

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Leggi l'articolo

Il dialogo tra debito e potere

Fabio Cesare
I principi di diritto positivo vanno dunque contestualizzati in modo dinamico alla luce di valori di coesione sociale

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno

Il salto culturale

Pubblicato in |||

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Salvare i più sfortunati

Pubblicato in |||

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

La sorte della cessione del “quinto”

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Classi di ferro

Pubblicato in |||

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Quale avvocato per la crisi famigliare

Pubblicato in |||

Isabella De Bellis Sciarra
Un approccio che tenga conto solo delle aspettative del cliente rischia di portare a scelte operative controproducenti