La voglia di capire il mondo

La voglia di capire il mondo

di Luisa Torsi (Ordinaria di chimica – Uniba)

Sono professoressa ordinaria di Chimica presso l’Università degli Studi di Bari e ho anche una posizione di adjunct professor in Finlandia.
Mi occupo con il mio gruppo di dispositivi per il biomedicale e attualmente deteniamo il record mondiale di sensibilità per la rivelazione di marcatori proteici e virus con un dispositivo realizzabile a basso costo.
A novembre sarò insignita della medaglia dedicata a Wilhelm Exner (https://www.wilhelmexner.org/en/) fondatore dell’Associazione Austriaca delle Piccole e Medie Imprese.
La medaglia viene assegnata dal 1921 a scienziati che abbiano avuto un impatto sulle imprese e sull’industria grazie ai loro risultati e contributi scientifici.
Da quando è stata istituita, sono stati premiati oltre 230 inventori, ricercatori e scienziati, inclusi 23 Premi Nobel.

La scelta di dedicarmi allo studio delle scienze è legata alla curiosità e voglia di capire il mondo che ci circonda.
Nel mio caso questa mia attitudine ha visto un supporto molto forte anche in famiglia.
Non sempre però è così come dicono le statistiche che illustro nel prossimo paragrafo.
La mia esperienza è improntata all’entusiasmo ed alla voglia di fare che mi caratterizzano e non ho avuto nel tempo la percezione di essere stata discriminata. Infatti all’inizio del mio percorso, ho ritenuto che le rivendicazioni a supporto delle donne nella scienza fossero in qualche modo surrettizie.

Ho poi capito che la mia percezione personale non doveva essere presa a riferimento; il riferimento dovevano essere le statistiche che mettevano in chiara evidenza l’esistenza della discriminazione.
Ho quindi rivalutato l’importanza di impegnarmi per incentivare le ragazze a studiare le scienze provando a convincerle che i loro talenti sono indispensabili a vanno messi a sistema.

Come accennato, mi sono occupata di studiare le statistiche che fotografano un po’ impietosamente l’esigua percentuale di donne inquadrate nei ruoli accademici delle materie STEM, ossia scienza, tecnologia, ingegneria e matematica.
In Europa, il 32 % degli studenti universitari che studia queste discipline è donna, ed il 39% prende il dottorato di ricerca, ma solo il 15 % diventa professoressa ordinaria.
In generale le donne nelle posizioni apicali sono molto meno degli uomini in tutti i settori della società civile. Il che vuol dire che le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente.

La soluzione?

Difficile da delineare perché troppe le variabili in gioco.
Ma una iniziativa nata dieci anni orsono, oggi fa scuola: la legge Golfo-Mosca. Approvata a fine 2011, impone alle società quotate di riservare al genere meno rappresentato almeno un terzo dei posti negli organi di governo, ovvero il consiglio di amministrazione ed il collegio sindacale.
Come è giusto che sia è previsto che sia una misura transiente e quindi resta in vigore solo per tre mandati che durano singolarmente tre anni.

Gli effetti? Eccone alcuni.

Nel 2010 la presenza delle donne nei consigli di amministrazione non arrivava al 10 % e meno della metà delle aziende aveva almeno una donna nel CdA. Per effetto dell’applicazione della legge Golfo-Mosca, oggi il 100% delle società quotate ha almeno una donna negli organi di governo e una rappresentanza femminile salita fino al 36%.
Tuttavia, a fronte di più donne negli organi decisionali vi sono ancora troppe poche donne amministratrici delegate.
Le quote di genere non piacciono ma servono, è evidente.
Inoltre, l’età media dei componenti negli organi di governo si è ridotta, ed è aumentata la presenza di laureati.
Effetti positivi si sono visti sia sulle performance delle società, sia sui temi della sostenibilità così come la maggiore attenzione ai temi sociali.

Chiuderei con le parole di Lella Golfo

Con questa legge 1.286 donne si sono sedute nei CdA, ma se questo Paese vuole cambiare, le donne devono sedersi dove si decidono la politica e l’economia”.

E io aggiungo, anche nella scienza e dove si decidono le politiche della scienza.

https://www.linkedin.com/in/luisa-torsi-75b8bb34/

Image credit: prettysleepy1 da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

Leggi l'articolo

La sorte della cessione del “quinto”

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Leggi l'articolo

Classi di ferro

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Leggi l'articolo

Il dialogo tra debito e potere

Fabio Cesare
I principi di diritto positivo vanno dunque contestualizzati in modo dinamico alla luce di valori di coesione sociale

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno

Il salto culturale

Pubblicato in |||

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Salvare i più sfortunati

Pubblicato in |||

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Merito creditizio: una rivoluzione copernicana

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
Dal merito del debitore si è passati all’assenza di dolo o colpa grave

La sorte della cessione del “quinto”

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Con il DL 176/2020 il legisaltore ha risolto, per il piano del consumatore, la querelle sorta anche in giurisprudenza

Classi di ferro

Pubblicato in |||

Nicola Fabbri
Il debitore è chiamato a compiere scelte strategiche in base alla natura dei crediti e finalizzate alla migliore ristrutturazione del debito

Quale avvocato per la crisi famigliare

Pubblicato in |||

Isabella De Bellis Sciarra
Un approccio che tenga conto solo delle aspettative del cliente rischia di portare a scelte operative controproducenti