Le parole per dire che è finita

Le parole per dire che è finita

di Giovanna Fava (Avvocata in Reggio Emilia)

La letteratura è piena di suggerimenti di quali parole usare per dichiarare i propri sentimenti di amore e di affetto, pare più difficile trovare le parole per dire che un rapporto è finito.
Eppure la nostra vita, ci spiega Paolo Borzacchiello, esperto di intelligenza linguistica, «è il risultato del linguaggio che usiamo in ogni contesto, con noi stessi e con gli altri».
Usare un linguaggio onesto, pulito e costruttivo, utilizzando le parole con la consapevolezza che alcune alzano muri ed altre aprono finestre, cambia la nostra vita e quella degli altri.
La definizione di quello che siamo e il ricordo che lasciamo nell’altro saranno il frutto delle parole che abbiamo usato e delle modalità che abbiamo utilizzato, non basta quindi dirlo occorre dirlo bene.

Ma esiste un modo siffatto?

Tutti ci siamo scandalizzati del licenziamento di 70 dipendenti della Logistica Italia, avvenuto, ad agosto 2021, con un sms: “Erano le dieci e un quarto di sera – racconta Annarita Nasca quando ho ricevuto il messaggio: stavo per andare a letto. Sono rimasta di stucco, è stata una doccia fredda per tutti, ci siamo sentiti offesi nella nostra dignità, avevamo lavorato regolarmente fino a venerdì sera, in modo normale, non ci aspettavamo assolutamente quella notizia: non riuscivo a realizzare cosa stesse accadendo, ho avuto proprio un crollo psicologico“.

Una modalità così grave di comunicazione non può essere liquidata come un errore tecnico, essa esprime quell’estraneità che è alla radice di ogni nostro disagio.

A maggior ragione in un rapporto affettivo, alla fine di una relazione amorosa non potrà essere usato un sms o una e mail, non solo per il rispetto della persona che ha condiviso tanti momenti con noi, ma anche per il rispetto che dobbiamo a noi stessi e delle scelte fatte a suo tempo.

Ma esiste un modo giusto?

All’oggi una coppia su due si separa. Si tratta quindi di una scelta di vita niente affatto eccezionale, eppure pare che di fronte a tale eventualità siamo del tutto impreparati, viviamo la decisione come un lutto da elaborare senza avere alcuna difesa.
Accade che le persone vengano da noi e ci dicano di avere scoperto che l’altra/l’altro ha tradito, oppure ha da tempo un’altra relazione.
Talvolta questo fatto è decisivo per decidere di separarsi, il più delle volte però c’è disponibilità a superare il torto subito a fronte di una dichiarazione che trattasi di episodio a sé, di richiesta di perdono e promessa di cambiamento.
Succede che avvenga a pochi mesi dalla nascita di un figlio e che non si riesca o non si voglia spiegare il perché, vanno evitate frasi quali “non mi piaci più, sei rimasta grassa dopo la gravidanza” e tutte quelle che tendono a colpevolizzare l’altro di un disagio che dipende solo da noi.

A volte la dichiarazione che è finita viene data con parole chiare e semplici ma ugualmente male accolta:

me lo ha detto il giorno prima del mio compleanno, rovinandomi la festa

proprio adesso che la ragazza grande deve preparare l’esame

me lo ha detto dopo che siamo tornati dalle vacanze, cosa è successo non lo so

proprio adesso che abbiamo appena comprato casa, non poteva dirmelo prima che io abbandonassi il mio monolocale?

A chi ha lamentato queste modalità ho provato a chiedere in quale altro modo avrebbe voluto saperlo.

Ho visto sguardi smarriti e privi di una risposta.

Perché è il fatto in sé che addolora, qualunque siano la modalità e la tempistica con cui viene comunicata la decisione.
Qualcuno, più riflessivo, ammette che sì le cose non andavano tanto bene da un po’ di tempo, si parlava poco, usciva spesso, rientrava tardi, non gli andava bene nulla di quello che facevo, era intollerante con i ragazzi ecc.
Opposti sentimenti, opposti stati d’animo, opposte prospettive per il futuro dovrebbero portare a esplicitare la decisione solo dopo aver avuto consapevolezza dei primi, in molti, invece, la parola precede il pensiero e la consapevolezza arriva solo dopo aver sentito uscire le proprie parole.

«… le parole fissano la verità solo dopo averla assassinata; lasciano sfuggire ciò che v’è in essa di più importante: la sua presenza
(Simone de Beauvoir, “La forza delle cose”)

Credits: X di Patrick Tuttofuoco – Via Fernanda Wittgens – Milano

Di Giovanna Fava, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

La cicala e la formica

Enzo Cianciotta
È giusto – o no – patire oggi di rinunce certe a fronte di una possibile (ma non sicura) utilità futura?

Leggi l'articolo

La disillusione dell’attesa virtuosa

Massimo Corrado Di Florio
Conta assai più il qui e adesso che il poi un po’ più in là

Leggi l'articolo

La marcia del granchio

Anna Paola Lacatena
Se il futuro ci spaventa allora viviamo la presentificazione del tempo

Leggi l'articolo

Dove si studia il futuro

Fabio Millevoi
Studiare i futuri è una scelta fondamentale per capire i cambiamenti in arrivo e prepararsi a gestirli

Leggi l'articolo

Fuga in avanti

Lorenzo Trigiani
Esplorare il modo in cui le idee sul futuro informino l’azione nel presente è lo scopo degli studi di futuro

Leggi l'articolo

Case domani

Carla Broccardo
Un progetto di “ricerca – azione” per immaginare il futuro dell’intera filiera edile

Leggi l'articolo

Ladri di avvenire

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

Leggi l'articolo

Identità, differenze e contaminazioni

Andrea Buti
Noi avvocati dobbiamo imparare a diffidare di ricette semplici e facili che non risolvono nulla

Leggi l'articolo

Progettare (e) futuro

Silvia Bona
Una rivoluzione che restituisce al progettare il suo senso e la sua capacità autenticamente generativa

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante

Pride

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Uno degli scherzi più brutti che può fare Madre Natura è far nascere gli sciocchi

Parità di genere in Avvocatura

Pubblicato in ||||

Rosanna Rovere
La sorellanza è una rivoluzione che deve partire dall’interno per andare all’esterno

Flatus vocis

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

Arringa sapiente

Pubblicato in ||||

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Parole a buon mercato

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

La nuova retorica

Pubblicato in ||||

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche