Quando il film inizia

Quando il film inizia

di Anna Paola Lacatena (Sociologa c/o Dipartimento Dipendenze Patologiche ASL TA)

Anche se sono distratta, anche se in quel momento non ci penso… accade!
È una magia che si ripete e si ripete sempre.
A prescindere da ciò che scelgo per curiosità, dal voler corrispondere al consiglio che mi è stato dato o alla recensione particolarmente favorevole, si ripete tutte le volte.

Potrei accennare a un film se mai riuscissi a superare l’imbarazzo della scelta.
Potrei fare riferimento al neorealismo come massima espressione della cinematografia italiana, citando capolavori come “Sciuscià”, “Germania anno zero”, “Umberto D.” o fare un salto in avanti di qualche anno e ricordare alcuni titoli indimenticabili della mia attrice preferita come “La ragazza con la pistola” o “Teresa la ladra”.
Comunque, non basterebbe a spiegare.

De Sica, Germi, De Sanctis, Visconti, Rossellini, Antonioni, Scola, Monicelli non potrei citarli senza ricordare Cesare Zavattini, Ennio Flaiano, Tonino Guerra, Suso Cecchi D’Amico… una volta ho provato a stilare una classifica personale dei film italiani più belli di sempre (almeno di quelli che ho visto).

Mi sono arresa ben presto per mancanza di unanimità in giuria, benché la stessa fosse composta solo da me.

Non c’è il classico per eccellenza quando si parla di cinema perché il cinema stesso è il classico-moderno per definizione con la sua possibilità, forse unica, di rendere esperibile, comprensibile, interpretabile la realtà e l’essenza stessa dell’essere umano.

Non è, come potrebbe apparire ad una visione superficiale, un’artificializzazione dell’esperienza estetica, è molto di più. É il luogo d’elezione per una dialogica tra reale e immaginario, quello dell’incontro tra antropo-sociale e bellezza.
Ogni film, dunque, sia esso un capolavoro o una pellicola realizzata ad esclusivo scopo di evasione, ci istruisce sull’umano, perché ogni film è prova della complessità del dualismo tra realtà e immaginario sociale.

Il sociologo americano Paul Lazarsfeld facendo riferimento alla visione sociologica del cinema accenna al bisogno di ritrovare la realtà quotidiana e anche di evaderne, il bisogno di proiezione e di identificazione che è, poi, il desiderio di ritrovarsi almeno quanto quello di sfuggire da sé stessi.
Per questo e tanto altro, nonostante le difficoltà degli ultimi anni (e non solo a causa della pandemia), il cinema non finirà perché niente come il cinema è in grado di offrire all’uomo il riflesso di sé e del mondo, nel quale troverà sempre la realtà e il sogno, la standardizzazione e la creatività, l’arte e la produzione, la forma e l’ambiente e dal quale attingerà costantemente per costruire conoscenza e, se lo vorrà davvero, una sempre nuova coscienza.

Anche se sono distratta, anche se in quel momento non ci penso… accade!
Accade quando si spengono le luci, quando concluse le inserzioni pubblicitarie, i trailers delle pellicole di prossima uscita, nonostante qualche baluginio da telefonino ancora acceso e l’odore pungente del pop-corn, appare il simbolo della casa di produzione.
Allora il film inizia.
Il quel preciso momento, per pochi ma impagabili istanti, recupero lo stupore e la gratitudine della bambina di cinque anni che insieme a suo padre vide il suo primo film al cinema.
Da allora, e ogni volta, continua ad accadere.

Sul cinema: un’arte della complessità
(E. Morin, Sul cinema. Un’arte della complessità, Raffaello Cortina Editore, Milano, 2021)

Di Anna Paola Lacatena, su Ora Legale NEWS

Image credit: 15299 da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono