Senza più debiti con dignità

Senza più debiti con dignità

di Barbara Balsamo (Avvocata in Trento)

I miei studi classici di scuola superiore, anche se non recenti, mi riportano alla mente l’antico periodo della riforma di Solone con l’affrancamento dei piccoli agricoltori ridotti in schiavitù e reinseriti nella vita sociale e attiva di Atene. Era l’unica soluzione per mantenere lo Stato e per togliere da situazioni critiche irreversibili alcune categorie di persone.

Vorrei prendere spunto da questo fatto storico per parlare di sovraindebitamento e della L.3/12, come modificata dal Decreto Ristori 2020 nonché del ritorno del debitore alla vita economica e sociale preservando la propria dignità.

L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale forse anche per l’assenza di solidarietà e per le marcate diseguaglianze che caratterizzano la nostra società.
C’è stato un tempo in cui l’accesso al credito ha permesso un notevole miglioramento della vita al singolo con accesso a beni voluttuari e non necessariamente di lusso che senza questo strumento mai sarebbero stati alla portata di molti.

Quando si parla di sovraindebitamento ci si riferisce ad una situazione debitoria difficilmente sostenibile nel tempo, caratterizzata dal reale pericolo di non potervi far fronte seppure in prospettiva.
La causa è in vari fattori economici e finanziari, come la drastica diminuzione dei tassi di interesse, il minor risparmio, le variazioni percentuali di disoccupazione nonché l’alternarsi tra crescita e decrescita economica.

Negli ultimi anni, l’indebitamento del singolo è divenuto un problema collettivo che ha creato un allarme sociale; proprio su questo si innesta la L.3/12, con l’obiettivo primario di fornire a chi si trova in una situazione economica gravemente critica di “essere affrancato” e poter avere un ruolo attivo nell’economia e nella società.

Il quadro economico mondiale ha subito, con l’avvento del Covid-19, il lockdown e le limitazioni conseguenti, un arresto forse senza precedenti, inducendo il legislatore a prevedere interventi mirati per microimprese, artigiani, liberi professionisti, consumatori e famiglie gravemente messi in ginocchio.
Il Decreto Ristori (D.L.137/2020) è intervenuto a gamba tesa sulla L.3/12 riformandola, migliorandola ed integrandola nel nuovo Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza e nell’obiettivo di dare una via d’uscita concreta alle fasce più deboli ha introdotto norme sull’indebitamento familiare.

Ancor più, oggi, le modifiche apportate si rivolgono alle categorie più deboli, a chi lo è diventato per effetto di un licenziamento, o per far fronte a spese mediche e a spese per la famiglia assunte a suo tempo e non più sostenibili.
L’affrancamento, come risposta alla necessità sociale, come concetto di libertà da soggezioni e oneri, con il decreto Ristori si rivolge anche al debitore incapiente-nullatenente, al solo fine di valorizzarne la sua potenzialità economica, l’esperienza e la competenza, evitando il ricorso alla “fuga” da tutto ciò che costituisca oggetto di esecuzione da parte del creditore, restituendogli, così la dignità.

La crescita del nostro Paese dipende anche dal ricorso effettivo ed efficace a queste norme.

Image credit: Pete Linforth da Pixabay

https://www.spreaker.com/user/oralegale/ripartire-si-puo-e-si-deve-a-cura-dellas

#TOPICS: ultimi articoli

Un orizzonte chiuso

Camilla Corradi
Il pregiudizio più importante sul futuro è quello di non poterlo cambiare

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

L’opinione non ci salverà

Massimo Corrado Di Florio
A pensarci bene, siamo immersi in un pantano mediatico di opinionisti

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

La forza dei fatti

Alessandra Pisu
I pregiudizi atrofizzano le idee finché non vengono messi alla prova dei fatti

Leggi l'articolo

Una società pregiudicata

Tania Rizzo
Pregiudizi che alimentano altri pregiudizi fin tanto che è l’altro a essere sotto i riflettori

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Salvare i più sfortunati

Saverio Regano e Angela Gelo
Il costo dell’assistenza al debitore incapiente non può gravare sui professionisti chiamati ad occuparsene

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Apprendimento ed esperienza

Pubblicato in |||

Giulia Massa
L’errore, inteso come rivalutazione, incarna una componente dell’apprendimento

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

I percorsi di recupero (art. 165 c.p.)

Pubblicato in |||

Lucio Barbato
La novità sul piano giudiziario è data dalla inclusione nel processo decisionale di merito di altre figure professionali

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Una questione di dignità

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Occorre cambaire tutti il punto di vista, professionisti e clienti

Il ruolo dell’OCC

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
L’OCC non potrà essere considerato in alcun modo litisconsorte necessario

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno

Il salto culturale

Pubblicato in |||

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria