Tito Andronico

Tito Andronico

di Massimo Corrado Di Florio

questa povera mano destra che mi è rimasta serve a colpire da tiranna il mio petto, poiche’ quando il cuore, impazzito dal dolore, martella dentro la sua cava prigione di carne, è cosi’ che io reprimo col pugno il suo moto.

Titus Andronicus ” dramma romano di William Shakespeare.
Pur essendo considerata un’opera minore merita anch’essa di essere ricordata.

Qui si consuma il dramma dei rapporti esofamigliari, peraltro, a mio parere, nati da irrisolti rapporti endofamigliari. Può valere anche l’inverso, come ovvio. Il più classico dei classici. Nulla è perfettamente impermeabile e, dunque, nemmeno il baluardo immoto e fermo rappresentato dalla famiglia: fortezza inespugnabile di qualunque principio dispotico e assolutista.

Non sono il primo a dirlo, non sarò l’ultimo. Anche il povero Tito, soldato coraggioso e invincibile, dapprima osannato al suo rientro da vincitore di battaglie gloriose contro i Goti e poi lasciato cadere nella disperazione delle sue scelte assai poco scaltre, vedrà sbriciolarsi, poco alla volta, le mura del suo metaforico castello: la famiglia.

Una scellerata alchimia tra il pubblico e il privato, alternata a colpi di scena molto poco soft, porterà l’ignaro lettore/spettatore verso finali truculenti e sanguinosi. Insomma, per dirla tutta, un’opera pulp ante litteram.

Grande, grandissimo, il Bardo misterioso. Misterioso se riferito al segreto (chissà quanto vero) dei suoi natali. Maestrìa pura nell’inventare una sottile cifra narrativa fatta di pieghe nascoste che poi finiscono col deflagrare in qualunque genere di delitto e di tortura.

Lo Stato che tradisce il cittadino fedele e, nello Stato che tradisce, gli oscuri pugnalatori e assassini dei valori morali e etici di uno Stato che invece necessita di esere (ri)legittimato. Ripugnanti trame famigliari nascostamente adoperate per curare interessi pubblici. Morti e mutilazioni. Figli e padri disperati e, ancora, madri e figli annientati. In qualche caso, dissanguati, fatti a pezzi e serviti a tavola. Un pasticcio di carne che verrà infine servito a pranzo. Un pranzo delle false promesse.

La sinusoide delle alternate vendette è una curva che viaggia verso l’infinito e persino chi non mostra alcun pentimento -il cattivissimo Aronne- è espressione della medesima curva: “Se mai ho commesso una sola buona azione in tutta la mia vita me ne pento dal profondo dell’anima”. Formidabile coerenza di Aronne.

Eroi e anti-eroi di sempre. Così gira, da sempre, il mondo.

Ognuno tragga l’insegnamento che vuole, così come ognuno accosti questo dramma antico alle tragedie attuali. Le nostre, così come quelle di qualunque altro tempo. D’altronde, altrove come qui, tutto ma proprio tutto è sempre uguale a se stesso.

di Massimo Corrado di Florio, su Ora Legale NEWS

Image credit: press 👍 and ⭐ da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono