Ubuntu

Ubuntu

di Aldo Luchi (Avvocato in Cagliari)

“L’uomo ha bisogno di essere libero, cioè di poter fare da sé qualunque impiego gli piaccia delle sue facoltà, strumenti come della soddisfazione de’ suoi bisogni così pure dell’esercizio de’ suoi diritti. Ed ecco il diritto di libertà” (Giuseppe Compagnoni, 1797)

Cosa resta oggi del concetto illuminista di libertà che ha intriso tutte le Carte Costituzionali contemporanee e le Convenzioni Internazionali, a partire dalla Déclaration des Droits de l’Homme et du Citoyen elaborata in piena Rivoluzione Francese?

Il concetto di libertà piena ed assoluta, che incontra come solo limite il godimento degli stessi diritti da parte di tutti gli altri consociati (art. 4), sembra essersi profondamente modificato.
E ciò principalmente in ragione degli avvenimenti drammatici del secolo scorso, rappresentati dalle Guerre Mondiali e, soprattutto, dai genocidi praticati dai regimi totalitari che paradossalmente, dopo essere nati sotto l’egida dell’idea socialista, ossia dello Stato che provvede alle necessità dei cittadini e che li sostiene nel perseguimento dei propri bisogni, perseguirono poi politiche nazionaliste.

E dopo la scomparsa di questi regimi, a seguito della Seconda Guerra mondiale e la riaffermazione del concetto illuminista di libertà nella nostra (ed in altre) Costituzione, i rigurgiti nazionalisti hanno più recentemente trovato sfogo nelle persecuzioni etniche (ad esempio nel corso delle guerre civili balcaniche), religiose, ideologiche, di orientamento sessuale.

La ragione di questa involuzione del concetto di libertà è da ricercarsi, anche e forse soprattutto, della progressiva perdita di coscienza del significato dei concetti connessi di uguaglianza (pari diritti ed opportunità, rispetto delle leggi, tutela dei beni comuni) e di fratellanza (aiuto reciproco, volontariato, impegno sociale), complice anche la prepotente affermazione del liberismo capitalista.

L’individualismo nazionalista, ormai diffuso nel benestante mondo occidentale, ha distorto il concetto di libertà al punto da interpretarla come imposizione delle proprie convinzioni.
Così si propugna come libertà il presunto diritto di affermare la diversità o l’anormalità di quanti, per qualsiasi motivo, non siano riconducibili ai canoni di normalità, tradizione, morale, fede religiosa diffusi; si rappresentano come difesa delle tradizioni e della fede religiosa le limitazioni, auspicate o proposte, all’esercizio di diritti ritenuti non condivisibili sulla scorta dei suddetti canoni (aborto, eutanasia, filiazione surrogata); si utilizzano termini diametralmente antitetici al termine libertà (quali invasione, tratta, mercato di uomini), per descrivere i fenomeni migratori e termini criminalizzanti (ad es. clandestini) per descrivere chi, per tornare alla definizione di Compagnoni, sogna “di poter fare da sé qualunque impiego gli piaccia delle sue facoltà“.

Il concetto di libertà in senso illuminista, però, sopravvive – o, per meglio dire, nasce spontaneamente, a dimostrazione della sua riconducibilità al diritto naturale – in culture che mai sono state interessate da quel movimento politico, culturale e filosofico.

Nell’Africa subsahariana, ad esempio è diffuso il concetto di “ubuntu“, che significa “io sono ciò che sono perché noi siamo“.
Ubuntu è la capacità di realizzare i propri bisogni e le proprie aspirazioni soltanto in una comunità in cui tutti li realizzino.
Ubuntu è la libertà.

Image credit: Antelope canyon, PatternPictures da Pixabay,

#TOPICS: ultimi articoli

Un orizzonte chiuso

Camilla Corradi
Il pregiudizio più importante sul futuro è quello di non poterlo cambiare

Leggi l'articolo

Un labile confine

Anna Losurdo
La limitatezza della nostra esperienza umana ci imporrebbe di sottoporre a continue verifiche i nostri giudizi

Leggi l'articolo

L’opinione non ci salverà

Massimo Corrado Di Florio
A pensarci bene, siamo immersi in un pantano mediatico di opinionisti

Leggi l'articolo

Senza più debiti con dignità

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Leggi l'articolo

Quel grido che nessuno voleva sentire

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Leggi l'articolo

La direttiva Insolvency in Italia

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Leggi l'articolo

La forza dei fatti

Alessandra Pisu
I pregiudizi atrofizzano le idee finché non vengono messi alla prova dei fatti

Leggi l'articolo

Una società pregiudicata

Tania Rizzo
Pregiudizi che alimentano altri pregiudizi fin tanto che è l’altro a essere sotto i riflettori

Leggi l'articolo

Il salto culturale

Carlo Orlando
L’intenzione del legislatore è stata quella di mettere a disposizione delle famiglie e delle imprese in difficoltà nuovi e maggiori strumenti per superare la crisi economico-finanziaria

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Apprendimento ed esperienza

Pubblicato in |||

Giulia Massa
L’errore, inteso come rivalutazione, incarna una componente dell’apprendimento

I diritti personali e relazionali dei minori e i diritti genitoriali degli adulti

Pubblicato in |

Elvira Reale
Il diritto a mantenere relazioni con i due genitori è un diritto relativo, disponibile e rinunciabile

I percorsi di recupero (art. 165 c.p.)

Pubblicato in |||

Lucio Barbato
La novità sul piano giudiziario è data dalla inclusione nel processo decisionale di merito di altre figure professionali

Come ti depotenzio la riforma

Pubblicato in |

Andrea Mazzeo
I disturbi della personalità non compaiono improvvisamente quando una donna si separa e ifigli rifiutano la relazione con l’altro genitore

Cambia tutto per gli affidi

Pubblicato in |

Caterina Arcidiacono, Antonella Bozzaotra, Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli

Senza più debiti con dignità

Pubblicato in |||

Barbara Balsamo
L’indebitamento eccessivo è diventato un grave fenomeno sociale

Quel grido che nessuno voleva sentire

Pubblicato in |||

Sara Pala
Mi chiedo se non ci sia una forma di tutela maggiore che garantisca ai malati gravi di rimanere nella propria casa

Il bollino del mediatore famigliare

Pubblicato in |||

Pasqua Lacatena
La legge prevede un sistema di attestazioni e di certificazioni al fine di tutelare i fruitori dei servizi professionali

La direttiva Insolvency in Italia

Pubblicato in |||

Luigi Amendola
La cultura dell’allerta è divenuta fondamentale nella governance delle nostre imprese

Una questione di dignità

Pubblicato in |||

Michela Biancalana
Occorre cambaire tutti il punto di vista, professionisti e clienti

Il ruolo dell’OCC

Pubblicato in |||

Giuseppe Tufano
L’OCC non potrà essere considerato in alcun modo litisconsorte necessario

Nuove tutele per il diritto all’oblio

Pubblicato in |||

Leonardo Andriulo
Ritornare a ciò che accadeva nel passato, quando i giornali facevano notizia solo un giorno