Vergogna

Vergogna

di Aldo Luchi (Avvocato in Cagliari)

Stiamo stravolgendo il senso delle parole. Non soltanto cambiamo i fonemi, li stravolgiamo, un po’ a causa della contaminazione con altre lingue e un po’ in ragione del persistente e logorante cattivo uso degli stessi, ma stiamo progressivamente modificando proprio l’identificazione di alcune parole con l’oggetto o il concetto che identificano.
Le sradichiamo dal contesto che è loro proprio, le utilizziamo al di fuori delle regole grammaticali che ne caratterizzano l’uso corretto.
Vezzi verbali introdotti da comunicatori improvvisati che assurgono a veri e propri tic lessicali: espressioni come “senza se e senza ma” per esprimere la risolutezza o “piuttosto che” usato in senso disgiuntivo. Abomini semantici.

Già diversi anni fa, Gianrico Carofiglio ci aveva messi in guardia circa la manomissione delle parole (Rizzoli, 2010):

Tutti possiamo verificare, ogni giorno, che lo stato di salute delle parole e quanto meno preoccupante, la loro capacità di indicare con precisione cose e idee gravemente menomata

e riprendeva le parole di George Orwell (La politica e la lingua inglese, 1946) che osservava che le

cattive abitudini si diffondono per imitazione e possono essere evitate se ci si prende il disturbo di farlo. Se ci si libera di queste abitudini si può pensare con più chiarezza e pensare con più chiarezza è un primo passo necessario verso il rinnovamento della politica“.

In breve, il legame tra le parole e la cosa o l’idea che esse identificano, e quindi la ricchezza delle parole da usare nella comunicazione, favoriscono la chiarezza del pensiero di chi pronuncia quelle parole, le sceglie, le adopera in concatenazione tra loro e la chiarezza della comprensione di chi ascolta.

Ed è forse proprio questo il punto nodale:

la finalità che ci si prefigge con l’uso delle parole, se l’affermazione delle proprie o l’ascolto, il dialogo, il convincimento.

Tra le molte parole che vengono quotidianamente sottoposte alla violenza appena descritta, credo che la parola vergogna sia una quella che, più di ogni altra, ha perso la capacità di indicare con precisione cose e idee, versando in uno stato di salute davvero preoccupante.

Dal definire il “Sentimento più o meno profondo di turbamento e di disagio suscitato dalla coscienza o dal timore della riprovazione e della condanna” (Dizionario della Lingua italiana, Treccani), il termine è passato gradualmente ad indicare l’esposizione al pubblico ludibrio, qualcosa che espone il malcapitato alla riprovazione generale anche laddove la condotta da lui tenuta non sia contraria alla morale o all’etica.

Si è giunti a convertire, soggettivizzandolo, il termine in questione fino a fargli definire l’effetto di qualsiasi critica “anche nei casi in cui questa vergogna non sia giustificata, e la persona che si vergogna finisca per sentirsi così non tanto perché ci sia in lei qualcosa di sbagliato, ma semplicemente perché è stata esposta a una critica in pubblico”, come osserva acutamente Edoardo Lombardi Vallauri nell’ambito di una consulenza linguistica pubblicata dall’Accademia della Crusca sul termine “body shaming” (https://accademiadellacrusca.it/it/consulenza/luso-di-body-shaming-%C3%A8-una-vergogna/1652).

Questa distorsione è tanto dilagante che quotidianamente utilizziamo l’uso della parola vergogna per esprimere la contrarietà a un’opinione espressa da altri, per contestare un’iniziativa con la quale non concordiamo o per definirne l’esito.
Si tratta di un habitus espressivo sempre più diffuso, specie nella comunicazione forzatamente sincopata dei social media, largamente utilizzato anche nella comunicazione politica, in particolare da parte di quei movimenti inclini al populismo che mirano a suscitare l’indignazione popolare (spesso attraverso una rete di finti account collegati tra loro che in automatico) nel tentativo di acquisire consensi.

La distorsione del termine vergogna, però, assume una portata particolarmente significativa nel suo frequentissimo uso per commentare le vicende giudiziarie.

Anche in questo caso dietro impulso di abili e scaltri manipolatori dei fatti che lo utilizzano per suscitare l’indignazione popolare, il fonema in questione viene indifferentemente adoperato per stigmatizzare sia la condotta addebitata all’indagato (manco a dirlo, dichiarato colpevole o innocente su due piedi e irrevocabilmente), sia l’eventuale provvedimento di archiviazione o sentenza di assoluzione.

In effetti, è complicato spiegare la funzione del processo a quanti sono stati convinti della colpevolezza dell’accusato di turno dall’attribuzione del marchio della vergogna fin dalle prime fasi o dalla conferenza stampa organizzata ad hoc dalla polizia giudiziaria o dalla Procura o, ancora, dai talk show popolati da pseudo esperti mirabilmente schierati a favore ma molto più spesso contro il colpevole eletto.
È complicato spiegare a chi è quotidianamente bersagliato di colpevoli, mostri, ladri, preconfezionati dagli accusatori che il processo che assolve un imputato quando la sua colpevolezza non è provata al di là di ogni ragionevole dubbio costituisce un orgoglio e una vittoria dello Stato di diritto.

E che si dovrebbe provare vergogna per l’esatto contrario.

Credits: BTS 2022, Yet To Come – frame da video ufficiale su YouTube

Di Aldo Luchi, su Ora Legale News

#TOPICS: ultimi articoli

La cicala e la formica

Enzo Cianciotta
È giusto – o no – patire oggi di rinunce certe a fronte di una possibile (ma non sicura) utilità futura?

Leggi l'articolo

La disillusione dell’attesa virtuosa

Massimo Corrado Di Florio
Conta assai più il qui e adesso che il poi un po’ più in là

Leggi l'articolo

La marcia del granchio

Anna Paola Lacatena
Se il futuro ci spaventa allora viviamo la presentificazione del tempo

Leggi l'articolo

Dove si studia il futuro

Fabio Millevoi
Studiare i futuri è una scelta fondamentale per capire i cambiamenti in arrivo e prepararsi a gestirli

Leggi l'articolo

Fuga in avanti

Lorenzo Trigiani
Esplorare il modo in cui le idee sul futuro informino l’azione nel presente è lo scopo degli studi di futuro

Leggi l'articolo

Case domani

Carla Broccardo
Un progetto di “ricerca – azione” per immaginare il futuro dell’intera filiera edile

Leggi l'articolo

Ladri di avvenire

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

Leggi l'articolo

Identità, differenze e contaminazioni

Andrea Buti
Noi avvocati dobbiamo imparare a diffidare di ricette semplici e facili che non risolvono nulla

Leggi l'articolo

Progettare (e) futuro

Silvia Bona
Una rivoluzione che restituisce al progettare il suo senso e la sua capacità autenticamente generativa

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Essere un po’ più felici

Pubblicato in |||

Nicky Persico
Siamo spettatori, della nostra vita: e solo fino a quando possiamo pagare il biglietto

Ladri di avvenire

Pubblicato in |||

Fabio Cesare
I sovraindebitati sono fragili e facilmente adescabili dalla malavita

In carcere manca tutto

Pubblicato in |||

Maria Brucale
Il carcere è un mondo difficile, di straordinaria complessità

Oltre il rammarico

Pubblicato in ||||

Anna Losurdo
Ogni percorso comune, in fondo, ha un prima che non lo è stato

Diario segreto di un politico scoperto per caso

Pubblicato in

La verità, in fin dei conti, si scrive in poche righe

Ogni pietra parla d’amore

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Michele fu strappato prematuramente alla vita nel 2011 da un proiettile vagante

Pride

Pubblicato in |||

Tiziana Nuzzo
Uno degli scherzi più brutti che può fare Madre Natura è far nascere gli sciocchi

Parità di genere in Avvocatura

Pubblicato in ||||

Rosanna Rovere
La sorellanza è una rivoluzione che deve partire dall’interno per andare all’esterno

Flatus vocis

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

Arringa sapiente

Pubblicato in ||||

Andrea Casto
L’arringa contiene la seduzione della immediatezza, capace delle più varie sfumature

Parole a buon mercato

Pubblicato in |||

Sergio D’Angelo

La nuova retorica

Pubblicato in ||||

Aldo Luchi
Il fine della persuasione del giudice passa per strade diverse da quelle classiche