Ciao Bellezza #28

Ciao Bellezza

di Enzo Varricchio

Tigre, tigre, che ardi brillante
nella foresta della notte,
quale mano o occhio immortale
osò dar forma alla tua spaventosa simmetria?

William Blake, The Lamb, 1794

Povera bellezza. La tirano sempre per la giacchetta, incaricandola di salvare il mondo; ma chi salverà lei dalla bruttezza dilagante, dal cattivo gusto dominante, dall’odio serpeggiante?

Sarà che l’eroe greco era kalòs kagathòs (bello e buono), o che bellus in latino era un diminutivo di bonus, ma la bellezza antica non andava mai disgiunta dalla virtù, mentre oggi la bellezza fisica appare quasi sempre schierata all’opposto della saggezza e non sempre accanto alla ricerca della salute.

Sarà che non solo per i classici ma anche per i poeti come Dante e Foscolo era sinonimo di armonia, oppure di verità come per il John Keats di Ode su un’urna greca, mentre il nostro mondo precipita nel caos e nella “fakelife“.

Sarà che prima delle Avanguardie novecentesche la bellezza era considerata l’ideale precipuo dell’arte, mentre oggi, dopo l’Espressionismo, l’Art Brut e il Kitsch, nessun artista si sognerebbe, neppure sotto tortura, di ammettere che lavora per lei.

Sarà che il vigente codice dei beni culturali italiano ha smarrito persino la parola, assai cara al Bottai legislatore fascista del 1939 (la omonima legge differenziava le bellezze culturali da quelle naturali, il bello per natura da quello per cultura), paludandola dietro tecnicismi economicistico-aziendalistici, figli di una perniciosa temperie storicistica che non accenna a finire mai, annidati in termini quali “patrimonio culturale”, “beni culturali”, “beni paesaggistici”, etc., alquanto lontani dalla matrice filosofica e umanistica dell’idea di bello.

Per tutte queste ragioni, e per molte altre ancora, salvare la bellezza è diventato un imperativo equipollente a quello di salvare il pianeta dall’inquinamento, al quale peraltro è intimamente connesso. Non c’è bellezza che possa durare in un ambiente brutto.

Che cos’è poi questa bellezza di cui tanto abbiamo bisogno e di cui invochiamo disperatamente il ritorno?

Una volta era una prova dell’esistenza di Dio, fino a quando non ci si è chiesti chi avesse inventato il male e la bruttezza.

Certamente ha a che fare con l’idea di perfezione, inarrivabile quanto indispensabile come la stella polare per i naviganti, termine di paragone di ogni nostra azione.

Sicuramente si genera nella sfera dell’immaginazione, perché solo attraverso tale facoltà prettamente umana si può “vedere” al di là della realtà fisica, dove essa alberga accanto al Bene e al Male assoluti, come insegna il Blake di The Lamb and The Tyger, ripreso in La grande bellezza di Sorrentino.

La bellezza è un giano bifronte, è al contempo un diritto e un dovere, qualcosa da pretendere quanto da dare: non ci si può meravigliare del degrado di un monumento pubblico se poi si getta la carta dal finestrino della propria auto in corsa.

Salvarla sarà possibile quando torneremo ad associarla alla salute, al benessere, all’amore, alla pace e alla giustizia.

Ciao Bellezza, arrivederci dietro l’angolo dei nostri sogni e delle nostre vite che sembrano così inutili e senza senso senza di te.

di Enzo Varricchio

https://www.cairoeditore.it/libri/arte-e-letteratura/che-cose-arte-oggi-66867

su Ora Legale:
https://www.oralegalenews.it/?s=Enzo+Varricchio

Sitografia:
https://library.weschool.com/lezione/william-blake-the-tyger-the-lamb-traduzione-analisi-romanticismo-inglese-13035.html
https://www.youtube.com/watch?v=5aWLAUXrEOE

Da leggere: Eco U., Storia della Bellezza, Milano, Bompiani, 2015
Eco U., Storia della Bruttezza, Milano, Bompiani, 2015

Image credit: Ulrike Mai da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

Leggi l'articolo

La risoluzione della crisi on line

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Leggi l'articolo

Io negozio, il giudice separa

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Leggi l'articolo

Un paio di ali sulle spalle

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Leggi l'articolo

Un tesoro e un tranello

Pietro Buscicchio
Il potere di un sistema familiare è enorme sul piano sia sincronico, sia diacronico, sia in orizzontale, sia in verticale, nel bene e nel male

Leggi l'articolo

Le rose e il pane

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Leggi l'articolo

Famiglie in giudizio

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

Leggi l'articolo

L’amore è un accidente

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Leggi l'articolo

Bigenitorialità falso mito

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono

Bigenitorialità falso mito

Pubblicato in |||

Ida Grimaldi
Il fanciullo, nelle procedure che lo riguardano, deve essere considerato soggetto di diritti e non oggetto di diritti

Criteri ambientali minimi

Pubblicato in |||

Vincenzo Arbore
Lo sguardo alla cura del pianeta, sebbene affetto da un leggero strabismo verso gli interessi finanziari, appare comunque una necessità

Una questione democratica

Pubblicato in ||||

Stefania Cavagnoli
Il linguaggio giuridico è una varietà linguistica di prestigio, che può esercitare un grande potere e spesso perfino forza normativa

La grammatica dell’imputato

Pubblicato in ||||

Giorgia Fusacchia
Alla “grammatica della non agentività” dell’imputato si contrappone la “grammatica dell’agente inefficiente” della parte offesa

La mediazione dell’Avvocato

Pubblicato in ||||

Pasqua Lacatena
Nella stanza di mediazione non ci sono i bambini, ma è per loro che il mediatore lavora