Essere magistrati

Essere magistrati

di Massimo Corrado Di Florio

Il Determinante “sé”

Parliamo di spazio del potere. E parliamo, perciò, di ambiti entro i quali lo spazio stesso viene gestito e/o amministrato.

In tale contesto spaziale, che è anche espressione di una sorta di morale di Stato, risiedono i vari poteri che traggono la loro forza/autorità da atti di delega. D’altronde, perfino nella pronuncia “in nome del popolo italiano” ritroviamo un ben circoscritto e, direi, identificato atto di delega.

Si tratta, perciò, di comprendere se tal genere di potere non corra (mai) rischi di degenerare in arbitrio, sia pure nella più lieve delle inescusabili distorsioni possibili.

È evidente che se l’uso del potere affidato all’esercizio della funzione giurisdizionale è semplicemente riconducibile alla persona fisica che lo amministra (il giudice), è fatale poter ritrovare in questa accezione forme di determinazioni fondate sul “sé”. Qui, in questo contesto, è dunque altrettanto chiaro che ci si possa trovare di fronte alla c.d. “soggettività del sovrano, di colui che ha inizio semplicemente da sé, che costituisce l’Esserci dello Stato” (HegelLineamenti di filosofia del diritto, p. 225).

Un simile giudice è fallace per definizione. E, come ovvio, la fallacia immanente della persona si trascina fin nella più intima struttura di ogni sua futura decisione.

Non è questo che la nostra Costituzione vuole. E la libertà afferente all’essere soggetti soltanto alla legge è espressione di un potere che, nel riconoscere altri poteri, sa bene cosa sia effettivamente il potere.
L’esercizio del potere giudiziario, pertanto, non può che essere del genere deprivato da “violenze”, ovvero da forme degenerative di esercizio del medesimo privo di “senso” e/o di significato. Insomma, un giudice potrà ben essere espressione di un potere (e, anzi, è effettivamente espressione di un potere) pur senza affermare la sua continua presenza. E qui veniamo ad aspetti che non sono semplicemente riconducibili al mondo mediatico ma sono piuttosto rappresentativi, se ben gestiti e orientati, di momenti fondanti dell’autorevolezza del magistrato. Non è una novità, d’altronde, che la estrema facilità con cui taluni si lasciano affascinare dalla esibizione pubblica, finisca col mortificare l’essenza stessa di quell’autorevolezza di cui si discute.

Mi piace ricordare, perciò, che il potere splende nella sua assenza. Tradotto in termini più semplici: l’apparire eccessivo rende opaca l’autorevolezza del potere giudiziario. Il riserbo, l’umiltà, non devono essere -mai più- considerati eccezioni.

Semmai sono (e devono essere) l’ordinario modo entro cui riaffermare il più genuino spazio di potere definitivamente depurato da qualsivoglia sovraesposizione.

È chieder troppo al potere giudiziario? Non credo. Credo piuttosto che i motivati “sì” e gli altrettanto motivati “no” di una decisione potranno brillare di più e meglio.

Auspico, quindi, una vera e reale indipendenza del giudice. In caso contrario, tutti, nessuno escluso, saremo perdenti per sempre.
Per dirla con Schmitt “nonostante tutto essere uomo resta una decisione” (Carl Schmitt, Dialogo sul potere, P. 44).

Photo credit: Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

La sfida complessa

Valentino Lenoci (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Il giudice oggi è costretto alla difficile scelta tra efficienza e garanzia, tra durata ragionevole e durata adeguata alla complessità del caso

Leggi l'articolo

Un sogno realizzato

Marisa Acagnino (Giudice del Tribunale di Catania)
Un servizio essenziale in favore della collettività, non un esercizio di discrezionalità, elemento imprescindibile della sovranità

Leggi l'articolo

E il giudice sorrise

Elisabetta Rosi (Consigliera della Corte di cassazione)
Si deve trattare con cura ogni processo, come se fosse l’unico processo da trattare, perché è unico per chi lo vive, sia esso vittima od accusato

Leggi l'articolo

Giudici e Avvocati

Anna Losurdo
L’Avvocato che esercita la sua professione con libertà e indipendenza rafforza l’indipendenza della giurisdizione

Leggi l'articolo

La letteratura dei giudici

Enzo Varricchio
I magistrati raccontano perché narrare rende liberi, la verosimiglianza del romanzo permette loro di assumere vesti e ruoli inconcepibili nella vita reale, condurre un’esistenza scapigliata e romantica

Leggi l'articolo

L’evidenza invisibile

Paola Di Nicola (Giudice del Tribunale di Roma) 
Per 20 anni mi sono firmata al maschile, “Il giudice”, pur essendo una donna; per 20 anni non me ne sono accorta, mi sembrava normale

Leggi l'articolo

Magistratus sum

Decidere sugli altri e per gli altri è un atto complesso che coinvolge l’intima percezione di sé, impone di superare pregiudizi, convinzioni culturali, abiti mentali

Leggi l'articolo

Privilegi o prerogative

Sergio Di Paola (Consigliere della Corte di cassazione)
La presunzione di essere depositario delle certezze giuridiche e storiche deve cedere al costante esercizio dell’arte del dubbio

Leggi l'articolo

Il diritto alla giustizia

Umberto Apice (già Avvocato Generale presso la Corte di cassazione)
Portare sul tavolo del giudice ogni malessere sociale, senza provvedere alla eliminazione delle cause, finisce per tramutare in fisiologico quello che è patologico

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Scherzare col fuoco

Pubblicato in

Mettiamola così: c’era un tipo, tale Prometeo, che s’era messo…

Meraviglie dell’impossibile

Pubblicato in

Italia, anno 2222. La temperatura globale del pianeta è in…

DUEMILAVENTI (di guerra)

Pubblicato in

La buona fine, tutto sommato, non s’è vista. Sull’ottimo inizio…

Parlo da Solo. Solo, solo.

Pubblicato in

Tolo Tolo. Dopo i primi quaranta minuti, il film non…

Befana col botto

Pubblicato in

L’uomo con la martora gialla in testa ha deciso di…

Scaramanzie di fine Anno

Pubblicato in

Tra me e tutto ciò che è fuori da me…

Elemento PSYCO del reato

Pubblicato in

“Il delitto: è doloso, o secondo l’intenzione…è preterintenzionale, o oltre…

Romanzo Popolare di Bari

Pubblicato in

Una banca. Un corso cittadino. Scene domestiche a profusione. C.d.A.…

Dalla festa della luce allo spegnimento dell’ILVA

Pubblicato in

Oggi, 13 dicembre si festeggia la santa della luce. Quella…

Libere dall’autorizzazione maritale

Pubblicato in |||

Maria Grazia Rodari (Avvocata in Verbania)
Il principio giuridico della parità va inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale della persona

Anche noi?

Pubblicato in ||||

Paola Perchinunno (Avvocata in Bari)
Bullismo e molestie sessuali anche nel settore legale analizzati in un sondaggio dell’International Bar Association

Esseri linguistici

Pubblicato in |||

AnnaMaria Passaggio (business career coach in Milano)
Se la parola è azione e l’azione costruisce il nostro essere, allora possiamo modificare il nostro essere attraverso la parola