Essere magistrati

Essere magistrati

di Massimo Corrado Di Florio

Il Determinante “sé”

Parliamo di spazio del potere. E parliamo, perciò, di ambiti entro i quali lo spazio stesso viene gestito e/o amministrato.

In tale contesto spaziale, che è anche espressione di una sorta di morale di Stato, risiedono i vari poteri che traggono la loro forza/autorità da atti di delega. D’altronde, perfino nella pronuncia “in nome del popolo italiano” ritroviamo un ben circoscritto e, direi, identificato atto di delega.

Si tratta, perciò, di comprendere se tal genere di potere non corra (mai) rischi di degenerare in arbitrio, sia pure nella più lieve delle inescusabili distorsioni possibili.

È evidente che se l’uso del potere affidato all’esercizio della funzione giurisdizionale è semplicemente riconducibile alla persona fisica che lo amministra (il giudice), è fatale poter ritrovare in questa accezione forme di determinazioni fondate sul “sé”. Qui, in questo contesto, è dunque altrettanto chiaro che ci si possa trovare di fronte alla c.d. “soggettività del sovrano, di colui che ha inizio semplicemente da sé, che costituisce l’Esserci dello Stato” (HegelLineamenti di filosofia del diritto, p. 225).

Un simile giudice è fallace per definizione. E, come ovvio, la fallacia immanente della persona si trascina fin nella più intima struttura di ogni sua futura decisione.

Non è questo che la nostra Costituzione vuole. E la libertà afferente all’essere soggetti soltanto alla legge è espressione di un potere che, nel riconoscere altri poteri, sa bene cosa sia effettivamente il potere.
L’esercizio del potere giudiziario, pertanto, non può che essere del genere deprivato da “violenze”, ovvero da forme degenerative di esercizio del medesimo privo di “senso” e/o di significato. Insomma, un giudice potrà ben essere espressione di un potere (e, anzi, è effettivamente espressione di un potere) pur senza affermare la sua continua presenza. E qui veniamo ad aspetti che non sono semplicemente riconducibili al mondo mediatico ma sono piuttosto rappresentativi, se ben gestiti e orientati, di momenti fondanti dell’autorevolezza del magistrato. Non è una novità, d’altronde, che la estrema facilità con cui taluni si lasciano affascinare dalla esibizione pubblica, finisca col mortificare l’essenza stessa di quell’autorevolezza di cui si discute.

Mi piace ricordare, perciò, che il potere splende nella sua assenza. Tradotto in termini più semplici: l’apparire eccessivo rende opaca l’autorevolezza del potere giudiziario. Il riserbo, l’umiltà, non devono essere -mai più- considerati eccezioni.

Semmai sono (e devono essere) l’ordinario modo entro cui riaffermare il più genuino spazio di potere definitivamente depurato da qualsivoglia sovraesposizione.

È chieder troppo al potere giudiziario? Non credo. Credo piuttosto che i motivati “sì” e gli altrettanto motivati “no” di una decisione potranno brillare di più e meglio.

Auspico, quindi, una vera e reale indipendenza del giudice. In caso contrario, tutti, nessuno escluso, saremo perdenti per sempre.
Per dirla con Schmitt “nonostante tutto essere uomo resta una decisione” (Carl Schmitt, Dialogo sul potere, P. 44).

Photo credit: Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Kubrick e la pena giusta

Umberto Apice
Uno Stato repressivo, che tale voglia essere sia pure a fin di bene, sarà sempre uno Stato ingiusto

Leggi l'articolo

Sette uomini d’oro

Enzo Cianciotta
La delinquenza silenziosa dei colletti bianchi, quella che non ha bisogno di azioni sanguinarie

Leggi l'articolo

Dormire con le porte aperte

Paolo Cotza
Mai lasciare che le proprie convinzioni vengano manipolate ed usate dagli altri e rifuggire dalle verità precostituite ed imposte

Leggi l'articolo

Derivati: più tutele a risparmiatori ed enti locali

Ugo Patroni Griffi (Ordinario di Diritto Commerciale nell’Università di Bari “Aldo Moro”) e Nicola Benini (Consulente finanziario indipendente)
Le Sezioni Unite segnano un punto, probabilmente definitivo, a favore del cosiddetto risparmio tradito

Leggi l'articolo

Dove è finita l’innovazione?

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

Leggi l'articolo

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Leggi l'articolo

Il coraggio indispensabile

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Leggi l'articolo

Occorre fare

Noi di Spoiler think tank di futuristi
Portiamo avanti il diritto di guardare al futuro con occhi pieni della speranza di trovare altri che completeranno il nostro percorso

Leggi l'articolo

Cuore ibernato

Gianfranco Terzo
L’incontro introspettivo tra le due anime, fragili e tristi, determina un cortocircuito

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

REFERENDUM

Pubblicato in

(senza Ockham) Testo del quesito: “Approvate il testo della legge…

Avvocate e discriminazioni

Pubblicato in ||||

Giovanna Barca
Ancora troppe discriminazioni in Italia anche per le donne lavoratrici, incluse le libere professioniste

A scuola con il Covid-19

Pubblicato in |||

Michela Labriola
Gli studenti hanno bisogno delle aule: quel luogo fisico che consenta loro di esprimere la libertà e la relazione tra pari

istruzioni dall’Istruzione

Pubblicato in

Sbullonati, fuori dai cardini, privi di prospettiva come un dipinto…

Dove è finita l’innovazione?

Pubblicato in |||

Carla Broccardo (Avvocata in Bolzano – Noi di Spoiler)
Un nuovo umanesimo che raccolga le istanze e le ragioni di donne e uomini che lavorano nelle istituzioni

I 150 anni della Ragioneria Generale dello Stato

Pubblicato in |||

Biagio Mazzotta (Ragioniere generale dello Stato)
Il nuovo scenario vedrà impegnata la Ragioneria ad assicurare collaborazione e supporto ai diversi soggetti istituzionali

Il coraggio indispensabile

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Per non tornare ai labirinti normativi e culturali della nostra legislazione attuale è indispensabile il coraggio di riscrivere tutte le norme delle procedure amministrative

Dalla parte delle istituzioni

Pubblicato in |||

Leonardo Spagnoletti (Consigliere di Stato)
Di riforma dello Stato e di riforme istituzionali si parla dalla fine degli anni settanta, eppure le molte (troppe) riforme attuate non hanno prodotto alcuna vera modernizzazione

Maternità surrogate

Pubblicato in |||

Teresa Pagliaro (Avvocata in Santa Maria Capua Vetere)
Risultano coinvolti diversi soggetti, tutti titolari di diritti fondamentali, rispetto ai quali sorgono delicati problemi di armonizzazione

Le scelte necessarie

Pubblicato in |||

Carlo Orlando (Avvocato in Perugia)
Occorre operare scelte coraggiose e lungimiranti per la tutela del sistema sociale perché nulla sarà come prima

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Il giudice bravissimo, il raccomandato e il cretino

Pubblicato in ||||

Roberto Oliveri del Castillo
Secondo una frase attribuita a Giovanni Falcone su chi nominare a capo di una Procura, tra uno bravissimo, uno appoggiato dal governo e un cretino, quello che ha meno chances di farcela, è quello bravissimo