Essere magistrati

Essere magistrati

di Massimo Corrado Di Florio

Il Determinante “sé”

Parliamo di spazio del potere. E parliamo, perciò, di ambiti entro i quali lo spazio stesso viene gestito e/o amministrato.

In tale contesto spaziale, che è anche espressione di una sorta di morale di Stato, risiedono i vari poteri che traggono la loro forza/autorità da atti di delega. D’altronde, perfino nella pronuncia “in nome del popolo italiano” ritroviamo un ben circoscritto e, direi, identificato atto di delega.

Si tratta, perciò, di comprendere se tal genere di potere non corra (mai) rischi di degenerare in arbitrio, sia pure nella più lieve delle inescusabili distorsioni possibili.

È evidente che se l’uso del potere affidato all’esercizio della funzione giurisdizionale è semplicemente riconducibile alla persona fisica che lo amministra (il giudice), è fatale poter ritrovare in questa accezione forme di determinazioni fondate sul “sé”. Qui, in questo contesto, è dunque altrettanto chiaro che ci si possa trovare di fronte alla c.d. “soggettività del sovrano, di colui che ha inizio semplicemente da sé, che costituisce l’Esserci dello Stato” (HegelLineamenti di filosofia del diritto, p. 225).

Un simile giudice è fallace per definizione. E, come ovvio, la fallacia immanente della persona si trascina fin nella più intima struttura di ogni sua futura decisione.

Non è questo che la nostra Costituzione vuole. E la libertà afferente all’essere soggetti soltanto alla legge è espressione di un potere che, nel riconoscere altri poteri, sa bene cosa sia effettivamente il potere.
L’esercizio del potere giudiziario, pertanto, non può che essere del genere deprivato da “violenze”, ovvero da forme degenerative di esercizio del medesimo privo di “senso” e/o di significato. Insomma, un giudice potrà ben essere espressione di un potere (e, anzi, è effettivamente espressione di un potere) pur senza affermare la sua continua presenza. E qui veniamo ad aspetti che non sono semplicemente riconducibili al mondo mediatico ma sono piuttosto rappresentativi, se ben gestiti e orientati, di momenti fondanti dell’autorevolezza del magistrato. Non è una novità, d’altronde, che la estrema facilità con cui taluni si lasciano affascinare dalla esibizione pubblica, finisca col mortificare l’essenza stessa di quell’autorevolezza di cui si discute.

Mi piace ricordare, perciò, che il potere splende nella sua assenza. Tradotto in termini più semplici: l’apparire eccessivo rende opaca l’autorevolezza del potere giudiziario. Il riserbo, l’umiltà, non devono essere -mai più- considerati eccezioni.

Semmai sono (e devono essere) l’ordinario modo entro cui riaffermare il più genuino spazio di potere definitivamente depurato da qualsivoglia sovraesposizione.

È chieder troppo al potere giudiziario? Non credo. Credo piuttosto che i motivati “sì” e gli altrettanto motivati “no” di una decisione potranno brillare di più e meglio.

Auspico, quindi, una vera e reale indipendenza del giudice. In caso contrario, tutti, nessuno escluso, saremo perdenti per sempre.
Per dirla con Schmitt “nonostante tutto essere uomo resta una decisione” (Carl Schmitt, Dialogo sul potere, P. 44).

Photo credit: Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Diritti in musica

Aldo Luchi
La condanna all’ergastolo di Hurricane dopo un processo ingiusto nel pezzo storico di Bob Dylan

Leggi l'articolo

La voglia di capire il mondo

Luisa Torsi
Le determinazioni, prese a maggioranza in tutti i consessi decisionali, vedono le istanze delle donne soccombere quasi inevitabilmente

Leggi l'articolo

Ricerca ecologica di lungo termine

Alessandra Pugnetti
Lontani come siamo dal fitoplancton nella nostra struttura fisica e percezione del mondo

Leggi l'articolo

Essere ricercatrice

Ilaria Ferrando
L’accidentato, avventuroso e gratificante cammino che è il mestiere del ricercatore

Leggi l'articolo

Dalla solitudine scientifica ai brevetti

Sara Invitto
Era un’impresa folle credere di costruire strumenti per sé non essendo né ingegnere né fisica

Leggi l'articolo

Una vita da scienziata

Patrizia Caraveo
Ho cominciato la mia carriera su un treno in corsa e, da allora, non mi sono mai fermata

Leggi l'articolo

La chimica mi ha folgorato

Angela Agostiano
L’abitudine alla disciplina e al ragionamentomi ha suscitato un profondo amore per la bellezza delle formule

Leggi l'articolo

Una strada a forma di sé

Cristina Mangia
Studiare la relazione tra inquinamento atmosferico e salute significa oltrepassare i limiti disciplinari

Leggi l'articolo

Un lavoro che mi piace molto

Vincenza A.M. Luprano
Studiare fisica dello stato solido mi ha entusiasmato tantissimo

Leggi l'articolo

Archivio Magazine

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Minorenni e vaccini: una minoranza senza diritti

Pubblicato in ||||

Alessandra Capuano Branca
La maggiore età ha poco a che fare con le capacità cognitive e molto invece con l’idea di libertà e di democrazia che sta alla base delle Leggi di un Paese

I trasferimenti immobiliari nelle procedure di separazione e divorzio

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
È stata depositata, in data 29 luglio 2021 la sentenza della Cassazione a sezioni unite, n.21761/2021

Brandelli di giustizia

Pubblicato in

I giudici, che della giustizia ne sono i rappresentanti, non…

Storie dal 41 bis

Pubblicato in |||

Maria Brucale
I 41 bis non hanno prospettive visive. Il loro sguardo è interrotto dal cemento, in ogni direzione, a tutta altezza

Et de hoc satis!

Pubblicato in

E posso continuare così. Vox populi vox dei. Ma non…

Famiglie e non discriminazione

Pubblicato in |||

Rosa Chieco
La famiglia continua ad essere considerata come formazione fondativa della società alla luce di nuovi e diversi criteri

La risoluzione della crisi on line

Pubblicato in ||||

Lucia Legati
I conflitti familiari portano con sé una quantità ed una qualità di emozioni e di affetti destrutturati

Io negozio, il giudice separa

Pubblicato in ||||

Roberta Valente
In un mare di disagi e incertezze noi Avvocati di famiglia continuiamo a negoziare e a scrivere accordi

Un paio di ali sulle spalle

Pubblicato in ||||

Luca Trapanese
Dovremmo iniziare a considerare famiglia il luogo dell’amore, della condivisione, dell’accoglienza

Le rose e il pane

Pubblicato in ||||

Giovanna Fava
Non è questo il significato di parità all’interno della famiglia che pensavano i nostri costituenti

Famiglie in giudizio

Pubblicato in |||

Alessanda Capuano Branca
Osservate dall’interno dei Tribunali, sono l’evoluzione mostruosa di quelle che la società dei consumi ci propina

L’amore è un accidente

Pubblicato in |||

Anna Losurdo
Ciò che crea il legame familiare tra le persone che compongono una famiglia è il progetto che esse condividono