fase 2 , palla al Sud

Fase 2: palla al Sud

di Enzo Varricchio

La pandemia ha definitivamente chiarito che a Napoli, Bari o Palermo non si vive peggio che a Milano, con buona pace delle classifiche annuali dei quotidiani lombardi, evidentemente troppo sbilanciate in favore di parametri occupazionali e di efficienza dei servizi pubblici ma meno propense a guardare alla qualità del vivere in termini esistenziali.

Pubbliche amministrazioni, medici e ospedali, associazioni, cittadini meridionali si sono comportati in maniera esemplare, riuscendo ad ammortizzare l’emergenza sanitaria nonostante il pesante gap finanziario e strutturale rispetto alle regioni settentrionali.

Nonostante le scorie nucleari mai smaltite, le terre del fuoco e i rifiuti che degradano le sue campagne, l’ecosistema del Mezzogiorno si è confermato meno compromesso di quello del Nord; vedasi pesante impatto ambientale dell’allevamento intensivo animale in pianura padana e denunziate connessioni tra questo tipo di inquinamento da spandimento di liquami e la maggior propagazione del virus (in trasmissione Report RAI 3 del 13/04/2020).

L’economia reale italiana è basata principalmente sui prodotti delle piccole e medie imprese meridionali, mentre il modello macroindustriale settentrionale, oltre all’inquinamento ambientale e alle targhe alterne, produce un esercito di esclusi. Non semplici disoccupati ma esclusi, cioè disadatti alle nuove condizioni e quindi privi di speranza.

Prima della catastrofe sanitaria, segnali incoraggianti per il Sud stavano arrivando dal turismo dal commercio, dalla meccanica, soprattutto dall’agroalimentare. All’esposizione universale di Milano 2015, la gran parte delle eccellenze italiane nel food & bevarage, il genere di prodotti più identitario che si possa creare, era di provenienza meridionale.

Possiamo, quindi, smetterla di continuare a dipingere un quadro del Mezzogiorno piagnone e mafioso e cominciare a valorizzare lo stile di vita meridionale che potrebbe offrire il modello di una “decrescita serena”.

Fase 2: palla al Sud. Dobbiamo usare braccia e cervelli per creare occasioni di nuova formazione e occupazione perché non sopportiamo lo svuotarsi di città come Potenza, Rossano, Policoro, che invece avrebbero enormi potenzialità non sfruttate.

A Sud è possibile essere, fare, vivere. Dal Sud e dal suo stile di vita impregnato di valori di pietas e di humanitas (solidarietà, importanza prioritaria della singola vita umana, delle relazioni familiari e interpersonali) si deve ripartire. Nessun meridionale avrebbe mai potuto sostenere una teoria così disumana come quella dell’“immunità di gregge”. I meridionali sono un popolo di individui ma sanno valorizzare i rapporti tra le persone; se riuscissero a fare un po’ più “squadra” non li fermerebbe più nessuno.

Intanto, le previsioni post Covid 19 ci segnalano l’aumento del divario tra Nord e Sud dell’Europa in termini di PIL, di occupazione, di investimenti produttivi, di debito pubblico:

https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/reagire-alla-crisi-nord-e-sud-ue-ancor-piu-distanti-26146

E’ facile immaginare che tale crescita delle diseguaglianze si riproporrà anche all’interno della nostra penisola.

Tutti attendono un secondo piano Marshall ma dimenticano che i soldi degli altri non sono mai gratis, come non lo sono stati quelli degli americani: si pagano con le basi NATO e con l’impossibilità di immaginare una politica energetica nazionale autonoma. I soldi degli altri, anche quelli dell’Europa, ci vincolano, ci assoggettano, si restituiscono con gli interessi, possono diventare preda delle mafie, ci impigriscono.

Di aiuti di Stato si può anche morire, come nel caso di Alitalia. La xylella fastidiosa, il batterio killer degli ulivi salentini, è il prodotto degli aiuti all’agricoltura. I contributi si beccano anche senza coltivarla la terra, per il sol fatto di possederla anche se lontana centinaia di chilometri da dove si vive; ergo, perché coltivarla? Basta ripulirla (avvelenandola) di tanto in tanto con i diserbanti. Peccato che l’uso dei diserbanti, accanto alla mancanza dei cosiddetti lavori agricoli, altrove praticati, è la causa primaria dell’indebolimento immunitario della pianta e dell’insorgere della fitopatologia.

Il Sud ha bisogno di più Stato in infrastrutture e servizi ma di meno Stato nell’economia e nel commercio, di meno sovvenzioni e di più libertà di manovra per l’apertura e la gestione delle imprese.

Non gli servono contributi a pioggia e assistenzialismo clientelare ma irredimibilità del debito bancario, deburocratizzazione, incentivi fiscali alle attività meritevoli, unificazione e forfetizzazione delle imposte, meritocrazia, valorizzazione del territorio, attrazione di investimenti privati per il patrimonio culturale, attenzione per il patrimonio ambientale, per il lavoro artigianale e per le imprese mediopiccole dotate di creatività e di tradizione.

Meno palle al piede, meno pregiudizi, meno cachistocrazie.

Chi riuscirà a realizzare questo nuovo tipo di meridionalismo del “lasciar fare al Sud” salverà il Paese dallo scontro sociale, rimettendo in moto economia e occupazione.

Canio Trione – Enzo Varricchio, Post Covid 19: 10 cose da fare subito, ed. Scripta Moment, Bari, 2020.

https://www.amazon.it/Post-Covid-19-subito-Engagement-ebook/dp/B088Q1V4D7/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=trione+varricchio&qid=1589735756&sr=8-1

Articoli di Enzo Varricchio su Ora Legale News:
https://www.oralegalenews.it/?s=Enzo+Varricchio

Image credit: congerdesign da Pixabay

#TOPICS: ultimi articoli

Lasciateci vivere

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Leggi l'articolo

Una statua per San Nicola

Rocco Lombardi (Avvocato in Bari)
Ora Legale supporta Antenna Sud nell’iniziativa “Una statua per San Nicola”: costruire un monumento colossale del Santo per rilanciare Bari e la Puglia

Leggi l'articolo

Le potenzialità della tartaruga

Roberto Oliveri del Castillo (Consigliere della Corte d’Appello di Bari)
Per il nostro Sud è necessario riprendere esempi organizzativi e recuperare spirito pioneristico e di coesione

Leggi l'articolo

La zavorra del Mezzogiorno

Canio Trione (Economista in Bari)
Qui non si tratta di “aiutare” qualcuno, ma di sapere e perseguire l’interesse della nostra comunità

Leggi l'articolo

I punti cardinali della ripartenza

Giovanni Pansini (Avvocato in Trani)
Nell’affrontare quella economica non possiamo dimenticare il senso comune dello stare insieme

Leggi l'articolo

Ripartiamo dai sostantivi femminili

Serenella Molendini (Consigliera nazionale di parità supplente)
Tutte le epidemie precedenti hanno dimostrato che “nel dopo” aumentano le disuguaglianze in particolare di genere

Leggi l'articolo

La guerra dei dati al tempo del COVID-19

Corrado Crocetta (Docente di Statistica Università di Foggia)
In questi giorni, è importante che l’opinione pubblica sia consapevole dei rischi legati alla riduzione del distanziamento sociale

Leggi l'articolo

Le radici del male

Nicky Persico (Avvocato e scrittore)
E’ una storia vera: una di quelle notizie di cui si parla per un po’, e poi spariscono nel vuoto che le inghiotte: nel silenzio

Leggi l'articolo

Affrontare la ripresa

Giampaolo Di Marco (Avvocato in Vasto)
Bisognerebbe riferirsi all’“intelligenza” di fare le scelte migliori, ogni giorno, per ciascuno di noi, ma avendo presente l’intera Nazione e il suo futuro

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

Servi e Signori

Pubblicato in

“…lavorando per il signore, il servo impara e diventa potente,…

Lasciateci vivere

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Facile e allo stesso tempo assai pericoloso creare regole al di fuori delle regole stesse quando il navigare a vista diviene regola primaria

Emergenza occasione per cambiare

Pubblicato in |||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e l’adolescenza)
Sì a riaperture diversificate; è importante dare ai ragazzi certezze sia sull’inizio dell’anno scolastico sia sulle modalità di svolgimento degli esami di stato

TEMPERATURE IN RIALZO

Pubblicato in

ovvero, ciò che nessun DPCM può annientare Al di là…

CONTE-STATO

Pubblicato in

ANNICHILIMENTO DI GREGGE un’opera al grigio Pillola assai breve. Si…

UN ETERNO PRESENTE

Pubblicato in

Il fine pena mai è tra noi. Validato da una…

MILITES

Pubblicato in

C’è un soldato, tale Pirgopolinice, spaccone e credulone che, per…

Provvedimenti

Pubblicato in

(ai tempi del virus) Leggo l’ordinanza nr. 35 del 19/4/2020,…

Bulimici normativi

Pubblicato in

In poco tempo è stata prodotta una congerie di norme…

KAOS-19

Pubblicato in

Kaos-19. Confinati senza un domani. In lockdown, se vi piace. Maledetto Covid-19.

Il ratto di Europa

Pubblicato in |||

Massimo Corrado Di Florio
Vediamo se si riesce a trarre qualche insegnamento dal mito di Europa. In realtà, una storia (una delle tante) piuttosto breve.

Curare le relazioni per garantire i diritti

Pubblicato in ||||

Filomena Albano (Garante per l’infanzia e per l’adolescenza)
Tracciato il bilancio di quattro anni di incarico: chiesti per l’Agia pareri obbligatori sulle leggi, poteri di ispezione, possibilità di intervento in giudizio e una struttura del personale stabile