ricostruire la giustizia #1

RICOSTRUIRE LA GIUSTIZIA #01

di Enzo Varricchio

Dopo ORA LEGALE radio, ORA LEGALE news.

Vi avevamo promesso che ci saremmo “allargati” con una Blogrivista. Lo stiamo facendo oggi con questo nostro/vostro primo numero intitolato “Ricostruire la giustizia” .

Al nucleo fondatore costituito da avvocati, è andato affiancandosi un nobile drappello di magistrati, docenti, ma anche storici, sociologi, medici, e persino scrittori. Perché l’argomento richiede menti aperte, non fossilizzate negli angusti antri dei tribunali.

A che serve una rivista sulla giustizia? 

“Levate le tende costruiamo la giustizia”, era questo il titolo della nostra ultima puntata radiofonica, dai cui microfoni il procuratore Giuseppe Volpe tuonò contro i ritardi nell’apprestare i mezzi di “fuga” dal pericolante tribunale penale di Bari.

La questione è ancora irrisolta e quel palazzo della discordia resta il drammatico simbolo di una giustizia terremotata, mentre da più parti serpeggia il dubbio che questo scempio sia il frutto di una precisa volontà piuttosto che di un gramo destino. Si sa, una giustizia ingiusta favorisce i potenti…

Se qualcuno ha deciso che la giustizia italiana deve essere demolita, contribuire a ricostruire la giustizia resta invece il nostro obiettivo primario, dovrebbe essere quello di tutti i cittadini, crediamo, perché è sulle loro vite, sulle nostre vite, che si riverbera l’esercizio del terzo potere dello Stato.

A questo serve una rivista sulla giustizia distrutta: a cercare di ricostruirla. E per farlo si deve tornare a credere nell’ideale. Perché essa è prima di tutto un’utopia necessaria e solo dopo una pratica quotidiana.

E’ tempo di tornare a lottare per  i grandi ideali.

Ora Legale news è una rivista sulla giustizia, non sul diritto. Quelle giuridiche sono fin troppe e ci informano in tempo reale sulle ultime novità normative e giurisprudenziali, ci aiutano financo a calcolare gli interessi e i punti di invalidità personale.

Invece, nessuno più si occupa della Giustizia in quanto tale, della giustizia come lotta – in un mondo ingiusto – per l’eguale distribuzione dei diritti e dei doveri tra i cittadini, come difesa dei valori umani, e ricerca della pace sociale. Molti ne brandiscono la spada per obiettivi personalistici o corporativi ma pochi ne utilizzano la bilancia per mediare tra le opposte fazioni e risolvere i problemi.

Nell’antichità la giustizia era una dea. Quella statua che vediamo davanti ai tribunali con una spada e una bilancia tra le mani era la dea Astrea, l’ultima divinità a lasciare la terra corrotta, dapprima rifugiatasi tra i contadini equi e pacifici ma poi costretta dalla corruzione dei rustici costumi a lasciare anche loro e a tornare in cielo sotto forma di un astro, da cui il nome (dal greco antico ἀστήρ, -έρος, ὁ, stella). Il mito, riportato da Virgilio nelle Georgiche, racconta che Astrea scenderà nuovamente sulla terra quando tra gli uomini regnerà nuovamente la giustizia.

La dea, dunque, muta le sue sorti a causa del comportamento degli uomini.

La giustizia dei tribunali è lo specchio della giustizia sociale, ne consuma l’epilogo. Se c’è ingiustizia sociale ci sarà ingiustizia giudiziale e viceversa. Non è in tribunale che l’ingiustizia si perpetua anche se è lì che si conclude.

Su questo punto ci concentreremo, per fare in modo che la dea ritorni ad abitare il nostro Paese prima nelle strade e poi nelle aule curiali.

Ripartiremo dai più deboli, cercando di vedere la giustizia con i loro occhi, di sentirla sulle nostre teste, di viverla nei loro cuori.

Come abbiamo già fatto con Ora Legale Radio, apriremo le porte ad autori e a contributi di diverse discipline, cercheremo di dialogare con la politica, con le imprese, con le scuole, con i giovani, con i non addetti ai lavori. Perché soprattutto da questi ultimi deve giungere l’istanza di ricostruzione.

Perché rifondare la giustizia è un problema culturale, non solo forense. E la nascita di una rivista che offra un campo neutro sul quale confrontarsi è sempre una buona notizia.

Toccherà a noi, e anche a Voi lettori, arricchirla di proposte e soluzioni, piuttosto che di sterili lamentele.

Con l’augurio di riuscire a giudicare noi stessi con gli stessi criteri con cui giudichiamo gli altri, e gli altri con i medesimi parametri che usiamo per noi stessi.

#TOPICS: ultimi articoli

Italian haters

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Leggi l'articolo

Gioventù bruciata

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

Leggi l'articolo

Narcisisti e violenti ma molto social

Anna Losurdo
Con la violenza verbale possiamo sbandierare ai quattro venti la nostra non violenza

Leggi l'articolo

Art against violence

Enzo Varricchio
L’arte è un potente antidoto contro la guerra e la violenza di ogni tipo. Gli artisti visivi contemporanei come Banksi o Toscani contribuiscono a cambiare la mentalità della gente

Leggi l'articolo

Piccoli schiavi invisibili

Roberta Aria (Avvocata in Napoli)
A trent’anni dalla Convenzione di Ginevra sui diritti dell’infazia e dell’adolescenza

Leggi l'articolo

Vis fatale cui resisti non potest

Massimo Corrado Di Florio
Le infinite declinazioni della violenza non risparmiano nessuno. Nessun umano affare ne va esente

Leggi l'articolo

Occhio ai titoli

Antonio Longo (Avvocato in Bari)
La pratica antica, ma non per questo meno grave, di dipingere con aggettivi e caratterizzazioni bonarie l’assassino o il violentatore di turno

Leggi l'articolo

La forza mite della giustizia

Riccardo Greco (Presidente del Tribunale per i minorenni di Bari)
Declinate al plurale, le violenze riempiono uno spazio senza contorni, difficilmente delimitabile

Leggi l'articolo

Un altro mondo è possibile

di Anna Losurdo
È opportuno abbandonare l’approccio diffidente e manifestare fiducia nei debitorie nel ruolo determinante dei professionisti, prima di tutto gli Avvocati, che li affiancheranno

Leggi l'articolo

Archivio

Indice

Rubriche: ultimi articoli

IL PRODROMO DEL PRODROMO, SALVO INTESE

Pubblicato in

La legge di bilancio e la manovra fiscale per il…

JOKER anaffettività da ridere

Pubblicato in

E va bene. L’imprinting famigliare è tutto. E, così, s’è…

Rugginosi

Pubblicato in

Inutile. Proprio non ce la si fa. Anche le interminabili…

Italian haters

Pubblicato in |||

Raffaello Mastrolonardo (Scrittore in Bari)
Un popolo dimentico del proprio credo e delle proprie radici, culturali e famigliari

Gioventù bruciata

Pubblicato in |||

Piero Buscicchio (Psicologo e psicoterapeuta in Bari)
la violenza è un fenomeno complesso, con una quota di mistero e, forse, una quota di ineluttabilità

OBLIQUI BULIMICI DELLO ZERO ASSOLUTO

Pubblicato in

Anche quando nessuno domanda più nulla, ecco che si dànno…

L’indomito scorpione e l’allocca rana (corsi e ricorsi)

Pubblicato in

Assistiamo, oggi, al susseguirsi di eventi tutti già scritti. Becere…

Pochi grammi di coraggio

Pubblicato in |||

Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia e TIN Universitaria Policlinico di Bari)
Il supporto psicologico in terapia intensiva neonatale è fondamentale

A come…

Pubblicato in

A cazzariii. Mo’ si svelano tutti gli altarini. Gli arcani…

DIVISI

Pubblicato in

Separati con dolore. Pronti al nuovo che non avanza. Semplicemente…

Si vive per lavorare e si muore di lavoro

Pubblicato in

Ma quanto dura una notizia? Dipende. Come sempre. L’abitudine alla…

Ricorda di volerti bene

Pubblicato in |||

Cosimo Lamanna (Poeta in Roma)
Ricorda di volerti bene
E che c’è una linea
Che nessuno dovrà mai varcare